Seconda Guerra Mondiale

Elenco aggiornato dei prigionieri italiani a Yol (India)

di
 | 18 Ottobre 2012

ALCUNI PRIGIONIERI ITALIANI IN INDIA

FRA IL 1941 E IL 1947

(il presente elenco è largamente incompleto e taluni nomi e cognomi possono essere errati. Le segnalazioni dei lettori potranno contribuire ad aggiornarlo)

ABONANTE Francesco (nato a Falconara Albanese, Cosenza, il 17 dicembre 1915, Sottotenente del 16° Reggimento Fanteria “Savona” 3° Battaglione 9^ Compagnia, ferito in battaglia e fatto prigioniero a Tobruk il 22 novembre 1941, matricola POW 174508. Il 30 luglio 1946 imbarcato a Bombay per fare ritorno in patria. [1]

ADAMI Roberto (Sottotenente di Artiglieria da campagna, catturato presso Tobruk nel 1941 e internato a Yol, matricola POW 146199, fino al dicembre 1946. Rientrò in Italia con la nave “Tamaroa”)[2]

ADROWER Massimo (Sottotenente di Vascello del reggimento Colleoni, nipote dell’Ammiraglio Foschini. POW numero 7224; dopo la prigionia nel campo di Ramgarh venne trasferito a Yol, campo 26 / wing 3.)[3]

AGNES Giovanni (Capo Telemetrista di 1^ Cl., del Reggimento Colleoni, POW n. 7359, deceduto il 29 ottobre 1941 a Ramgarh per il crollo di una galleria scavata per una fuga, decorato di Medaglia d‘Oro al Valor Militare alla memoria)[4]

AGNES Giovanni (POW n. 133233, di Milano, soldato del genio)[5]

AGNES Liberato (Tenente, da Serino (Avellino), catturato in Marmarica. POW n. 185556. Citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[6]

ALBANESE[7]

ALBERTI (Capitano)[8]

ALBERTI Alberto (Capitano, POW n. 335608, di Viterbo. Primo campo di permanenza il n. 24 di Clement Town)[9]

ALBERTI Benvenuto (da Fidenza, partecipò prima alla campagna di Francia e poi a quella d’Africa. Fu catturato a Tobruk il 14 dicembre 1941. Rientrato in Italia approdando a Napoli nel 1946. Deceduto nel 1984)[10]

ALBERTI Luigi Leopoldo (Capitano, POW n. 361336, campo 28 wing 2, di Verona)[11]

ALESSI Chino (Giornalista del “Piccolo” di Trieste, catturato nel deserto libico)[12]

ALIFANO Nicola (Capitano di amministrazione, POW n. 31858)[13]

ALIOTO Salvatore (nato a Palermo il 14 giugno 1911, deceduto a Firenze l'8 maggio 2003, Tenente, catturato in Africa e rimasto prigioniero in India, nel campo di Yol, fino al rientro in Italia nel 1946)[14]

AMANTE Giuseppe (Maggiore, POW N. 81062)[15]

AMOROSO Gaetano (Colonnello comandante del 12° Reggimento Bersaglieri, fatto prigioniero nel corso della battaglia di El Alamein nel novembre 1942 e trasferito a YOL nel Campo 26, POW n. 357173)[16]

ANASTASI (internato a Yol, riuscì a fuggire fino a Diu, citato nelle memorie di Frà Ginepro)[17]

ANDERLINI (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[18]

ANDERLINI (artigliere)[19]

ANDERLINI (fante)[20]

ANDERLINI Edmondo (Ufficiale internato a Yol con il numero POW 333503, riuscì a fuggire con Luigi GIA fino a Diu e con lui si rifugiò a Damao. Insieme hanno scritto nel 1978 “In India, dell’India”, per la Nuova Casa editrice L. Cappelli. Citato nelle memorie di Frà Ginepro)[21][22]

ANGELI Onorio (nato a Campodenno (Trento) il 26 marzo 1914, morto a Trento da Generale il 06 luglio 1996. Sottotenente, venne catturato a Tobruk nell’aprile del 1941 e trasferito a Yol, nel campo 27, con il numero PW 17866)[23]

ANGELI Gino (Ten. Col., POW n. 48301, di Roma, campo 26, wing 5/B) [24]

ANGELINI (di Chiari, detenuto a Yol nel campo n. 26)[25]

ANGELINI Azzo (S. Ten., POW n. 355701, della Provincia di Forlì)[26]

ANGELINI Giuseppe (S. Ten., POW n. 81544, campo 25, di Ascoli Piceno)[27]

ANGELINI Giuseppe (Ten. Col., POW n. 259792, di Firenze)[28]

ANGELINI Guido (POW n. 21541, Tenente, di Chiari, BS)[29]

ANGELINI Luigi (S. Ten., POW n. 9254, campo 26 wing 1, di Roma, catturato in AOI)

ANGELINI Luigi (da Città di Castello, Sottotenente della Folgore, detenuto a Yol nel Campo n. 25 dei non collaborazionisti POW n. 2883)[30]

ANGELINI Marino (S. Ten., POW n. 12445, di Ascoli Piceno)[31]

ANGELINI Mario (S. Ten., POW n. 14177, di Roma)[32]

ANGELINI Ottorino (S. Ten., POW. n. 12245, di Ascoli Piceno)[33]

ANGELINI MARINUCCI Mario (POW. n. 169700, S. Ten., di Ancona, catturato in Grecia)[34]

ANGHERA’ (Tenente dell’Aeronautica, campo 27)[35]

ANGIOY Paolo[36]

ANTENUCCI Elio (Tenente)[37]

ANTONIELLI Sergio (Ufficiale, scrittore, autore di “Il Campo 29”, ISBN editrice, pagg. 325)

ANZILLOTTI (Tenente, detenuto a Yol, campi 25 e 28)[38])

APOLLONIO (effettua un’escursione sull’Himalaya con Gualtiero Benardelli dal 26 ottobre al 9 novembre 1945)[39]

ARCANGELI Aldo (Ingegnere)[40]

ARCURI Mario (Ufficiale, preso prigioniero in Africa dagli Inglesi e portato in India nel campo n.24 (Clement Town) fino al 1944, poi nel campo n.10 (Bairagarh). Fu liberato nel 1946. Era nato in Calabria nel 1911, a Scigliano in provincia di Cosenza. É morto nel 1997 nelle Marche dove risiedeva e dove aveva a lungo insegnato nelle scuole elementari)[41]

ARMUZZI[42]

ARMUZZI Nino (detenuto nel Campo 25)[43]

ARNONI (Capitano)[44]

AROSIO (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[45]

AZZOLINI (detenuto a Yol, campi 25 e 28. Divenne regista nel secondo dopoguerra)[46]

BACCHETTI (Tenente della XII Brigata Coloniale)[47]

BACCI DI CAPACI Giulio (Sottotenente di artiglieria nel XXI Corpo d’Armata. Catturato dagli Australiani a Bardia nel dicembre del 1940 dopo la caduta della piazzaforte. Da Bardia fu condotto a Geneifa e quindi Suez, Bombay e Ramgarh Bihar, Camp B. Nel marzo 1942 fu trasferito a Yol, campo 28 a causa della pressione dei Nipponici. Trasferito al Campo 25 dopo l’8 settembre in quanto non collaborazionista. Dopo la resa incondizionata suo padre, l’Ammiraglio Guido Bacci di Capaci che era a capo dell’Accademia Navale, da Venezia raggiunse Brindisi con gli allievi. Nell’occasione Giulio scrisse una lettera al padre iniziandola con le parole “Papà, siamo in campi opposti”. Ritornò in Patria nel luglio del 1946. )[48]

BADIALI Valerio (Sottotenente, POW n. 21241, campo 28)[49]

BAFUNDI (internato a Yol, riuscì a fuggire fino a Diu. Citato nelle memorie di Frà Ginepro)[50]

BAGUZZI Augusto (Nato il 20 marzo 1917 ad Asola, Mantova, geometra. Tenente di Artiglieria, catturato presso la Ridotta Capuzzo, in Egitto, da un reparto d’assalto australiano il 4 gennaio 1941. Trasferito a Yol dopo un breve soggiorno a Bengalore, rientrato in Italia a fine 1946. Deceduto il 24 dicembre 1990)[51] [52]

BALBO Italo[53]

BALDI Urbano (da Arezzo. Citato nella testimonianza di Domenico Raspini)[54]

BALSAMO Alfredo (Sottotenente pilota)[55]

BAMBA[56]

BANDERA Otto (da Vicenza. Protagonista di impegnative ascensioni alpinistiche himalayane sulle montagne presso Yol. I resoconti tecnici delle ascensioni sono pubblicati nel libro “Alpinismo Italiano nel mondo” pubblicato dalla sede centrale del CAI nel 1951)[57]

BARATTA[58]

BARATTA Ferdinando (Scomparso nel 1988. Potrebbe essere lo stesso citato nel diario di Poesio)[59]

BARBERA (Caporalmaggiore della “Folgore” recluso a Bengalore)[60]

BARGNESI Leonardo (nato il 19 gennaio 1921 a Mondavio in provincia di Pesaro, catturato dagli Inglesi il 3 gennaio 1941 a Bardia in Africa Settentrionale, è stato prigioniero a Yol dal mese di Novembre 1942 al 29 novembre 1946. Oggi risiede ad Aviano in provincia di Pordenone)[61]

BARONE[62]

BARONI Vittorio (Professore, a Yol insegnava analisi matematica. Insieme con altri prigionieri redasse a memoria un testo di matematica, dattiloscritto e rilegato dagli autori medesimi, usato poi per i corsi di matematica interni al campo. Citato nella testimonianza di Luciano Luciani. Scomparso nel 1980)[63][64]

BARONTI Angelo (Soldato, da Empoli, catturato a Tobruk, detenuto prima in Egitto dove perse la vista a causa di maltrattamenti e di inedia, poi a Yol e infine deportato in Inghilterra come lavoratore presso una fattoria fino al 1947)[65]

BAROZZI[66]

BARSOTTI Giulio[67]

BARTOLINI (da Perugia. Citato nella testimonianza di Leonardo Maldarizzi)[68]

BASCIANI (Ufficiale, catturato in AOI dopo la battaglia di Cheren, trasportato in India con il piroscafo “Aronda” e detenuto nel campo di Yol)[69]

BASETTI SANI Paolo Alberto (Tenente, 2^ Divisione Libica, I Gruppo, detenuto a Ramghar e Yol)[70]

BASSO Pietro (Tenente)[71]

BASTIANI Angelo (Medaglia d’Oro al Valor Militare delle Truppe Eritree)[72]

BAZZOLI Riccardo (di Valeggio sul Mincio, VR)[73]

BECCHETTI Giacinto (da Lumezzane)[74]

BEDETTI Giuseppe (Tenente Colonnello degli Alpini, sepolto a Dharmsala, India)[75]

BELLASSAI Giovanni (Siciliano, prigioniero a Bairagarh, riuscì a fuggire giungendo a Goa dove aiutò Monsignor Scuderi - bellissima figura di missionario, internato a Deoli, Prem Nagar e Purandarh – nella costruzione dell’Oratorio Salesiano)[76]

BELLELLI[77]

BELLETTI (Tenente, interprete)[78]

BELLINI[79]

BELLO (Gradiscano, Tenente)[80]

BELLOMO Nicola (nato a Bari il 18 aprile 1913. Ufficiale di artiglieria catturato in Libia e deportato a Yol, perfezionò la conoscenza della lingua inglese e la insegnò. Deceduto a Bari il 7 maggio 2010)[81].

BELLUSCHI Argeo (figlio di Rinaldo, da Como. Nato il 1° luglio 1913, deceduto il 13 gennaio 2008.Tene nte di artiglieria, fatto prigioniero vicino a Tobruk nel gennaio 1941 e portato nel campo di Yol. Matricola POW nr. 71614, riuscì a tornare in Italia il 3 gennaio 1946. Durante la prigionia scrisse un interessante diario)[82]

BENARDELLI Gualtiero (nato a Cormons, Gorizia, il 22 febbraio 1904, Ufficiale degli Alpini, 5° Reggimento, Battaglione Vestone. Commissario del Governo a Chisimaio, Somalia. Catturato dagli Inglesi in Somalia a Dembidollo il 6 luglio 1941 mentre, funzionario coloniale, è a capo di una banda di Ascari. A Yol è il prigioniero 48304 e porta a termine, nel 1944 e 1945, numerose scalate alpinistiche sulle vette dell’Himalaya. Rientra in patria l’11 agosto 1946 a Napoli con il piroscafo “Straithard”. Nel dopoguerra è funzionario dell’AFIS, Amministrazione Fiduciaria Italiana in Somalia. Deceduto a Gorizia il 26 gennaio 1972. Il figlio Mainardo, diplomatico di carriera, ha raccolto le sue lettere dalla prigionia nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya”).

BENEDETTO Enzo (Scultore futurista, a Yol nel Campo 25 scolpì un busto di Mussolini)[83]

BENVENUTI MASSEROTTI Franco[84]

BERERA Virgilio[85]

BERGONZOLI[86]

BERLESE Nino (da Villafranca Padovana)[87]

BERNARDI Mario (nato a Napoli il 14 settembre 1913 da Giovanni Bernardi e Maria Carmela Perrotta. Tenente sottocomandante di Batteria di Artiglieria pesante campale, catturato dagli Inglesi a Bardia nel 1941, per l’eroismo dimostrato da lui e dal suo reparto ricevette l’onore delle armi e gli fu consentito di mantenere la pistola fino all’ingresso nel campo di prigionia. Detenuto a Yol nel campo 28, fu rilasciato nel 1946. Morì a Roma il 22 giugno 2000)[88]

BERNI Gino (nato a Seggiano il 21 febbraio 1911. Soldato, detenuto a Yol, morto suicida il 27 agosto 1943)[89]

BERSANI Ferdinando (catturato in AOI e deportato a Yol. Nel dopoguerra autore del libro “I dimenticati”, Ed. Mursia)[90]

BERTA Giancesare (nato a Genova il 10 febbraio 1918, deceduto a Nizza Monferrato (AT) il 05 dicembre 2001. Sottotenente di fanteria motorizzata, viene catturato 40 km all’interno di El Alamein il 15 luglio 1942. Tradotto in India, il 09 agosto viene internato a Dehra Dun e successivamente trasferito a Yol dove il 24 maggio 1943 viene assegnato al campo 27 ala 3. Lascia Yol il 10 dicembre 1945, per rimpatriare come ammalato in seguito a delibera della Commissione Medica Internazionale)[91]

BERTACCHI Giovanni[92]

BERTANI[93]

BERTANI Amleto (Tenente, Dottore, detenuto nel Campo 25 di Yol fino al 1946)[94]

BETTAGNO Alessandro (Tenente, catturato in Libia. Nel dopoguerra per molti anni Direttore della Fondazione Cini di Venezia)[95]

BETTINI Eligio (nato a Venezia il 5 giugno 1919, Tenente. E’ citato nel libro “La cavalcata selvaggia” di Carlo Grande, che narra con gli occhi dei sopravvissuti le vicende del campo di Yol. Vive a Trieste)[96]

BETTUCCHI Luciano (Tenente, detenuto a Yol nel campo 25, POW n. 240484)[97]

BIAGINI Angiolo (catturato in Libia all’inizio della guerra, rientrato a Pisa nel 1945, dove si spense nel 1999)[98]

BIANCHI[99]

BIANCHINA Nino (Tenente)[100]

BIANCHINI d’ALBERGO Giuseppe (detto Bepi, da Silea, Treviso)[101]

BIANCONI Aldo (da Milano)[102]

BIGONZINI Daniele[103]

BIGONZINI Gabriele (carrista, internato a Yol e autore del libro “Ex uomini”, Roma 1956. Nel libro di Mainardo Benardelli citato come Bigonzoni)[104]

BINETTI[105]

BINI Vitantonio (nato a Molfetta (Ba) l’1 gennaio 1910, deceduto a Pescara il 7 febbraio 1999. POW numero 260331, campo 22, Tenente di artiglieria, promosso Capitano con decorrenza 1 gennaio 1942, cadde prigioniero il 28 novembre 1941, durante i combattimenti di Gelgà presso Gondar, Etiopia. Rientrò in Italia il 3 gennaio 1946. Durante la prigionia svolse anche le funzioni di interprete del suo campo. Gli furono conferite tre Croci al merito di guerra)[106]

BININI Ariello (Sottotenente, POW No 46259 Campo n. 25 Wing 1, Bombay)[107]

BISACCIONI Mario[108]

BISCARINI (due gemelli, collaborarono con Rodolfo Volpat all’ideazione e alla costruzione di “Radio Fantasma”)[109]

BISCHI[110]

BOCCA (riuscì a scappare fino a Diu, citato nelle memorie di Frà Ginepro. Probabilmente si tratta dello stesso Bocca, autore di un tentativo di fuga, citato nel diario del Capitano Poesio)[111]

BOLDRINI (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[112]

BONANNI (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[113]

BONARROTTI[114]

BONFIGLIOLI Oceano (da Grosseto, catturato all’Amba Alagi, detenuto a Yol, rimpatriato nel 1944 per malattia)

BONGEA (Capitano)[115]

BONIFAZI Romano (Ingegnere. Al suo ritorno in Patria commissario della nazionale di rugby)[116]

BONO Francesco (detenuto a Yol, era un pittore di talento ed eseguì vari ritratti a tempera di prigionieri e loro famigliari. Dopo il rientro in Italia, si trasferì a Jersey, UK)[117]

BONOLLO (detenuto a Yol, campo 28)[118]

BONOMETTI (Tenente)[119]

BOSCOLO Albino (da Chioggia, detenuto a Ceylon con Vittorio Rougier)[120]

BORRUSO Pietro (Ingegnere, da Trapani)[121]

BORSATTI [122]

BORTOLINI Innocente Domenico (Tenente, matricola POW 38951, nato a Miane (TV) il 24 aprile 1912 - ex aiutante maggiore nell’XI battaglione della 42^ brigata coloniale in Eritrea - catturato dagli inglesi il 3 aprile 1941 a L’Asmara ed internato nel campo n. 28 di Yol)[123]

BORZINI Gilberto (nato a Mondovì il 17 agosto 1900. Maggiore di Cavalleria, MBVM. Inviato in Africa il 9 giugno 1940 quale aiutante di campo del Generale Claudio Trezzani, all’atto del collocamento a riposo di quest’ultimo, divenne uno degli aiutanti di campo del Duca Amedeo d’Aosta. Trasferito all’Amba Alagi, fu catturato dagli Inglesi il 19 maggio 1941 e successivamente deportato in India nel Campo n° 6 a Bangalore fino al 24 aprile 1942 e successivamente al Campo n° 27 baracca 11 a Yol. Fu liberato dalla prigionia il 18 aprile 1943, quale invalido di guerra, a seguito delle ferite riportate durante i combattimenti all'Amba Alagi, tra cui la frattura di due vertebre lombari. Dopo la guerra proseguì la carriera militare, ricoprendo numerosi incarichi di comando tra cui quello del 3° Reggimento Savoia Cavalleria. Congedatosi nel 1958 con il grado di Generale di Divisione, è venuto a Mancare a Catania il 18 novembre del 1980.)[124]

BOSETTI Mario (nato a Torino l’8 maggio 1920 e deceduto a Trento il 05 ottobre 1983. Sottotenente della 63^ Compagnia del Battaglione Alpini Bassano, partecipa alla campagna sul fronte Occidentale e poi alla Campagna di Grecia, dove a Tremishta viene decorato con la Croce al Valore Militare. Fatto prigioniero a Tremishta il 2 dicembre 1940 dai Greci e quindi dagli Inglesi con matricola n° 170678. Detenuto nel campo di Creta dal 05 marzo 1941 al 28 aprile 1941. Trasferito nei campi di prigionia di El Agami e Geneifa in Egitto dall’1 maggio 1941 al 24 maggio 1941. Deportato poi nel campo n° 6 a Bangalore in India dal 24 giugno 1941 al 24 aprile 1942 e successivamente nel campo n° 27 baracca 11 a Yol in India dall’1 maggio 1942 fino al 27 marzo 1946. Dall’Ottobre del 1943 aderisce per iscritto al fronte della cooperazione con gli Alleati. Partito dal campo di Yol per rimpatrio alle ore 01.30 del 27 marzo, viene imbarcato a Bombay il 5 aprile 1946 sul piroscafo “Duchesse of Richmond”. Liberato il 21 aprile 1946 con sbarco al Centro Alloggio n° 1001 di Fuorigrotta, Comando Territoriale di Napoli)[125]

BOSONI[126]

BOTTARO[127]

BOZZOLA Ferdinando (MAVM, Tenente della PAI, da Alessandria, catturato in Africa Orientale dopo la battaglia di Gondar, trasportato in India sul piroscafo “Aronda”, detenuto a Yol nel Campo 28, nel dopoguerra Generale della Pubblica Sicurezza)[128]

BRACCINI (Maggiore, poi Tenente Colonnello)[129]

BRAMBILLA (da Milano. Citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[130]

BRANCACCIO Trentino (Nato a Cresolle di Caserta il 31agosto 1916 in piena prima guerra mondiale. Il padre, fervente patriota, gli impone un nome dal valore irredentistico. Tenente di complemento di Artiglieria campale, viene catturato a Porto Bardia da un reparto corazzato britannico dotato di carri Sherman e trasportato a Yol nel Campo 27. Viene rilasciato solo nel 1947. Deceduto a Verona il 24 aprile 1974)[131]

BRANZ Mario (nato a San Zeno, Trento, il 25 gennaio 1914 e deceduto in Argentina il 20 settembre 1999. Appartenente alla 102° Divisione di fanteria Trento, fu catturato a Tobruk al Forte Piastrino il 15 aprile 1941. Matricola POW 17882, rinchiuso nel campo 27 a Yol dal 1° maggio 1942. Probabilmente il medesimo segnalato via e.mail il 19 febbraio 2011 da Andrea Bosetti.)[132]

BRICCA[133]

BROGGI[134]

BROLLI Umberto (professore, da Roma)[135]

BRUNA (Capitano)[136]

BRUNATI M.[137]

BRUNI ROCCIA Giulio (Ufficiale di Artiglieria, nato a Roma il 20 dicembre 1910 ed ivi deceduto il 24 dicembre 1994. Tenente della 61a Divisione Sirte, fu catturato il 21 gennaio 1941 privo di sensi a Tobruk al termine della battaglia per la difesa del Pilastrino. Medaglia di bronzo al Valor Militare con la motivazione “Destinato alla difesa di piazzaforte in zona avanzata d'operazioni oltremare accerchiata da preponderanti forze avversarie, designato al comando della compagnia sbandatasi, riusciva a riorganizzarla ed a far fronte per più ore ai reiterati attacchi avversari, animando con l’esempio i propri dipendenti. Rimasto isolato e caduta la difesa della piazzaforte, tentava con pochi arditi di aprirsi un varco fra le forse accerchianti ed infliggeva nuove perdite al nemico” Deportato prima nel campo di prigionia di Bangalore e poi a Yol. Fondatore con il Prof. Tagliacarne dell’Università di Yol (esami riconosciuti sia dalle università italiane che inglesi). Dopo l’8 settembre 1943, NON collaboratore. Internato nel Campo 25, fugge tre volte. Due volte ricatturato. La terza volta riesce nella fuga e raggiunge Calcutta tentando di unirsi ai Giapponesi, che peraltro erano appena stati sconfitti nella battaglia di Birmania senza raggiungere Calcutta. Viene protetto e nascosto a Calcutta dal Prof. Sarkar membro dell’India National Army comandato da Chandra Bose che aveva avuto modo di conoscere in occasione della visita di Gandhi a Roma. Rimpatriato nel dicembre 1945)[138]

BRUSCHI Gualtiero (prigioniero a Yol, vi rimase fino alla fine del 1946. Sottotenente di Artiglieria, fu catturato a Tobruk il 10 giugno 1941. Classe 1916, era nato a Roma e viveva a Tivoli. Aveva frequentato il corso per Ufficiali a Palermo, venendo poi trasferito a Macomer, in Sardegna. Partì per l’Africa alla fine del 1940. Al suo arrivo in India si ammalò di tifo e fu ricoverato all’ospedale militare di Bombay, dove rimase alcuni mesi. Prima di essere trasferito a Yol passò per Bangalore. Dopo l’8 settembre non prestò giuramento al governo Badoglio e fu classificato non cooperante e trasferito al campo 25. Al suo ritorno in Italia fu trattenuto per alcuni giorni nel carcere militare di Forte Boccea a Roma, e successivamente congedato. Tornato in famiglia, riprese il suo impiego al comune di Guidonia Montecelio, dove era segretario comunale. Si sposò nell’aprile del 1947 e si trasferì a Guidonia dove si impegnò in politica, aprendo la sede locale del neo costituito Movimento Sociale Italiano. Nel 1963 si trasferì a Roma, dove intraprese l’attività di agente di commercio. Morì nel 1987)[139]

BUCCIANO (Tenente Colonnello)[140]

BULGARINI d’ELCI(Tenente)[141]

BURATTO (da Verona)[142]

BURRONI Sigfrido (Bersagliere, Capitano del I Battaglione libico, MOVM)[143]

CACCAVELLA Antonio (Capitano veterinario, matricola 48171, Wing 1 Campo 27 di Yol. Rimpatriò con un gruppo di invalidi perché riconosciuto gravemente ammalato dalla commissione medica internazionale nel novembre1944)[144]

CADEMARTORI Aldo (Sottotenente, Divisione 3 Gennaio, 204° Reggimento Artiglieria, 250^ Batteria da 65/17)[145]

CAFFE’ (Sottotenente)[146]

CALA’ (Professore, nel campo di Yol insegnava matematica finanziaria. Citato nella testimonianza di Luciano Luciani)[147]

CALABRESI Ennio (nato nel 1917, deceduto nel 2008. Tenente di Artiglieria, catturato in Africa Settentrionale il 3 luglio 1942. Rimase a Yol sino alla tarda estate del 1946. In guerra fu decorato di MAVM e Croce di Ferro di I Classe il 30 maggio 1942)[148].

CALDERA Giuseppe (detto Marco, Tenente di Artiglieria da montagna nato a Barghe (BS) nel 1904, catturato a Tobruk nel giugno 1941, detenuto a Yol nel campo 25 degli irriducibili e rimpatriato nell’ottobre 1946, sbarcato a Napoli) [149]

CALDERONI (Romagnolo, Capomanipolo della MVSN, rinchiuso nel Campo 25 degli irriducibili. Ucciso a Yol dalle guardie mentre tentava di fuggire)[150]

CALISTRO Pasquale (Tenente, nato a Catania il 13 marzo 1913, detenuto nel campo 25)[151]

CALLONI[152]

CALORE Antonio (Sottotenente, da Ferrara)[153]

CALZA’ Nello (nato a Trento il 29 novembre 1913. Catturato in Etiopia nel 1941, restò in India nel campo di Yol fino alla fine della guerra e rientrò nel 1946)[154]

CAMBRIZZA (Colonnello)[155]

CAMERATI (Colonnello)[156]

CAMILLERI Luciano (Tenente)[157]

CAMPELLO[158]

CAMPELLO Giovanni[159]

CANDELO[160]

CANDELO Guido (Capitano, POW n. 2905, campo 26)[161]

CANDUSSIO[162]

CANGIALOSI Angelo (Tenente pilota della Regia Aeronautica, catturato con l’onore delle armi all’Amba Alagi insieme ad Amedeo di Savoia Duca d’Aosta il 19 maggio 1941)[163]

CANINO (interprete)[164]

CANONICO (da Napoli)[165]

CANTORINO (Ufficiale della GAF)[166]

CAPITO’[167]

CAPPELLO[168]

CAPPIELLO (Capitano)[169]

CAPPUZZO Umberto (nato a Gorizia nel 1922, proveniente dall’Accademia Militare di Modena; ha comandato un plotone di fanteria in Africa Settentrionale ed è stato successivamente, prigioniero di guerra in mano inglese dapprima in Palestina e poi in India). Ha frequentato corsi di qualificazione in Italia (“Scuola di Guerra” di Civitavecchia; “Istituto Stati Maggiori Combinati”; “Centro Alti Studi Militari”) ed all’estero (“Difesa Atomica” negli Stati Uniti; “Scuola di Guerra della Repubblica Federale di Germania” ad Amburgo). E’ stato Addetto Militare e per la Difesa presso l’Ambasciata d’Italia a Mosca. Ha ricoperto vari incarichi di comando, in particolare: Comandante del 114° Reggimento Fanteria “Mantova” e della Divisione Meccanizzata “Folgore”; Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri; Capo di Stato Maggiore dell’Esercito. A conclusione della carriera militare, è stato nominato “Capo della Delegazione Diplomatica Speciale per il negoziato MBFR” (“Mutual Balanced Forces Reduction”) ed ha partecipato ai relativi lavori a Vienna dal luglio 1985 fino ai primi del 1988. Senatore della Repubblica nella X e nell’XI Legislatura, ha fatto parte di varie Commissioni fra le quali “Difesa” ed “Antimafia”, è stato membro dell’Assemblea Parlamentare dell’Atlantico del Nord)[170]

CAPRIA Amerigo[171]

CAPRIO[172]

CAPRIO Domenico[173]

CAPRIOLA[174]

CAPRIOLO Guido[175]

CAPRIOTTI (Colonnello)[176]

CAPUZZO Ferruccio[177]

CARAFFA (Tenente, fuggì più volte a latore e rientrò sempre all’insaputa del nemico)[178]

CARAPIA (da Imola)[179]

CARBOGNIN (da Verona)[180]

CARBONE (Maggiore, impiegato a Nuova Delhi nel “centro di propaganda antifascista” diretto da un Colonnello britannico)[181]

CARDAINO[182]

CARDOVINO[183]

CARESSITI[184]

CARGA[185]

CAROBBI Vezio (Tenente di Artiglieria, promosso Capitano nel 1943, in prigionia. Volontario come Camicia Nera nella guerra civile spagnola, dove conobbe la futura moglie, crocerossina. Rientrò per ultimo dalla prigionia in India, sia perché non aveva voluto aderire al regime badogliano, sia perché aveva voluto condividere fino all’ultimo la sorte dell’amico e camerata Raffaele Rossano, Capomanipolo della MVSN, Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale. Morì a 88 anni lo stesso giorno dell’amata moglie)[186]

CAROSI Angelo (Sottotenente del 100° Battaglione Coloniale, ferito e catturato in Africa Orientale)[187]

CAROTTI Danelio (Tenente di Artiglieria, catturato a Zuetina, Africa Settentrionale, il 6 febbraio 1941. Detenuto in alcuni campi egiziani, nel 1942 trasferito a Yol, nel campo 25 dei non collaborazionisti)[188]

CARREGA Pietro (Tenente)

CARRELLI (Capitano)[189]

CARRELLI Gustavo (Capitano, POW n. 31591, campo 28, probabilmente lo stesso di cui sopra)[190]

CARRETTO (Tenente)[191]

CARUSO (Capo squadra Camicie Nere, ferito il 5 agosto 1942 dalle guardie nel campo di Bengalore in seguito ad una ribellione)[192]

CASCIOTTA (Colonnello)[193]

CASCIOTTI[194]

CASCIOTTI[195]

CASIRAGHI (Maggiore)[196]

CASONI Felice[197]

CASSOLA Mario (Capitano, classe 1905, di Roma, avvocato, preso prigioniero a Tobruk nel 1941)[198]

CASTELLI (Maggiore medico, direttore del servizio sanitario del Campo 25)[199]

CASTELLINI Alberto (da Perugia)[200]

CATALANO Renato (Tenente, POW n. 21287, detenuto nel campo 6 fino al 1944, poi nel campo 27)[201]

CATTINA Enrico (Tenente. POW n. 240671)[202]

CAVALIER Francesco (Campo 28)[203]

CAVALLARI Augusto (Romagnolo)[204]

CAVALLERO Aldo[205]

CAVALLO Achille (Maggiore, 21° Reggimento Artiglieria di Corpo d’Armata, Divisione “Cirene”, detenuto a Bengalore e Bhopal. Grazie al suo incarico di interprete, ha visitato anche i campi di Bikaner, Dhera Dun e Yol)[206]

CEARD[207]

CECCARELLI Marino (Sottotenente, POW n. 21917, campo 25)[208]

CECCAROLI[209]

CELI Pietro (Sottotenente medico)

CELLONI (Tenente Colonnello di Stato Maggiore)[210]

CENASSITI[211]

CENSI Silvano (classe 1913, Ufficiale degli Ascari in Eritrea, catturato nell'aprile del 1941 a Massaua, detenuto nel campo 25 e rientrato in Italia nell’aprile '46. Deceduto nel 1996) [212][213]

CERCHIELLI[214]

CERESATTO

CERIATI[215]

CESCATTI[216]

CHAMBEYROUT Giorgio (Tenente, Campo 28)[217]

CHERUBINI (Colonnello)[218]

CHERUBINI (figlio del Colonnello Cherubini)[219]

CHIAMBERLANDO Jacopo Giuseppe (nato a Susa nel 1914, Tenente del 3° Reggimento Alpini)[220]

CHIARI Guido (Maestro, da Bozzolo, Mantova)[221]

CHIERICATO Gino (Tenente di Fanteria da Montagna, catturato nel dicembre del 1940 in Albania e approdato a Yol dopo aver fatto tappa al Pireo, a Creta, ad Aden e a Bangalore. Internato quale irriducibile nel Campo 25. Rientrò in Patria -“con la faccia pulita”, come lui stesso diceva- nel dicembre del 1946)[222]

CIANCIO (da Potenza)[223]

CICCIMARRA (Capitano)[224]

CIMENTO (Maggiore)[225]

CIOCCARELLI Erminio (da Milano)[226]

CIORRA (Tenente, detenuto a Yol, campi 25 e 28)[227]

CIRILLO[228]

CIVITELLI (Calabrese. Citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[229]

CHIESA Angelo (detenuto nel Campo 25 dei non collaborazionisti)[230]

CLEMENTE (Capitano)[231]

COCCIA[232]

COCCHI Giuseppe[233]

COCCO Gioacchino (Sottotenente)

COCHETTI E. (da Genova)[234]

COLASANTI Saverio (Sergente Maggiore del 158° Reggimento Fanteria)[235]

COLLETTI Giuseppe (Tenente di Artiglieria)[236]

COLLINA (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[237]

COLPI[238]

COMIOTTI[239]

COMOLA (da Napoli. Citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[240]

COMOLO Pietro

CONIO Antonio (da Pompeiana, detto Frà Ginepro, autore del libro “Guerra e prigionia”, internato a Yol fino al 1943, poi rimpatriato per gravi motivi di salute, poi deceduto nel 1962)[241]

CONSIGLIERI Franco (1° capo squadra o serg. magg., wing 250 campo 25)[242]

CONTIERI (Professore, nel campo di Yol insegnava Storia del Diritto. Citato nella testimonianza di Luciano Luciani)[243]

COPETTI Vittorio (Sottufficiale degli Alpini)[244]

CORCHIELLI (Capitano)[245]

CORIGLIANO Antonino (Sottotenente di complemento, fatto prigioniero in Libia e portato a Yol e Kangra Valley, dal gennaio 1941 agli inizi del 1946. Medaglia al Valor Militare, autore di quattro diari che stanno per essere pubblicati)[246]

CORSETTI Gualtiero[247]

CORSI Corrado (autore di un libro di memorie)[248]

COSCIA Mario (Tenente)[249]

COSENTINI Sergio (nato a Napoli il 21 marzo 1911, morto a Napoli il 7 febbraio 1972. Dottore in Scienze Marittime e Commerciali, nei lunghi anni di prigionia nel Campo 25, dal 1941 al 1946 scrisse un libro dal titolo “Gli Imperi coloniali” che il figlio, recuperato il manoscritto, ha pubblicato tramite www.lulu.com)[250]

COSLOVICH Ladislao[251]

COSTA (da Piacenza)[252]

COSTABILE Tonino (Architetto)[253]

CRINITI (Tenente Colonnello)[254]

CRIPPS Stafford[255]

CRISPO (Ufficiale, catturato in AOI dopo la battaglia di Gondar, trasportato in India con il piroscafo “Aronda” e detenuto nel campo di Yol)[256]

CRISTOFANETTI Alberto (Capitano del G.N., Medaglia d’Argento al V.M.)[257]

CROCCO Romolo (Capo manipolo, POW n. 330994, campo 25)[258]

CRUCITTI Demetrio, detto Mimì[259]

CUOCO Gaetano[260]

CURATOLO Melchiorre (Capitano, POW n. 16846, campo 25)[261]

D’ADDARIO (Capitano)[262]

D’ALFONSO[263]

D’ALIMONTE (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[264]

DALLE MULE Vittorio (da Primolano, Vicenza. Probabilmente il medesimo Dalle Mule segnalato via e.mail il 19 febbraio 2011 da Andrea Bosetti).

DAMAGGIO[265]

D’AMORE Pietro, B.ne (catturato il 4 aprile 1941 e giunto a Yol, Campo 25, il 27 febbraio 1942)[266]

D’AMORE[267]

DANESE Achille (Maggiore della PAI)[268]

D’ANGELO (Tenente)[269]

DANIELI[270]

D’ARMINI Mario[271]

D’ARMINI Pietro[272]

D’ARONA[273]

DAROSSA[274]

D’ARPE (Tenente)[275]

DAVANZO Luciano (da Trieste, nato il 21 ottobre 1913. Laureato in Scienze Economiche e Commerciali, matr. 170811. Partecipò alla marcia dei 550 km nel Piccolo Tibet. Morì il 20 dicembre 1999. Alcune pagine dei suoi diari sono state inserite nel libro “Yol. Prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli, figlio di Gualtiero, anch’egli prigioniero)[276]

DE BERNARDINIS F. (da Roma)[277]

DE CARLI (da Verona)[278]

DE COSA Riccardo (Generale, Comandante dell’86° Reggimento Fanteria della Divisione Sabratha, catturato a El Alamein, quota 23, con i suoi soldati il 16 luglio 1942)[279]

DE FILIPPO Ugo (Maggiore)[280]

DE FRANCESCHI Luigi (Sottotenente)[281]

DE GAETANO Antonio (Tenente aggregato alla divisione XXIII Marzo, catturato a Bardia il 3 gennaio 1941, decorato di Croce al Valor Militare)[282]

DE INTRONA Fortunato (detto “Ninuzzo”, nato nel 1909, deceduto nel 2005. Tenente dei Moschettieri del Duce, prigioniero a Yol nel Campo n. 25 dei non collaborazionisti)[283]

DE IORIO (Ufficiale, catturato in AOI dopo la battaglia di Gondar, trasportato in India con il piroscafo “Aronda” e detenuto nel campo di Yol)[284]

DEL DIN Prospero (Tenente Colonnello degli Alpini)[285]

DELLA LOGGIA Ugo[286]

DELLA PORTA (Sergente)[287]

DELLE PIANE Luigi[288]

DEL MONTE (negli anni ’70 Colonnello delle Trasmissioni, insegnante di Elettrotecnica alla Scuola di Applicazione di Torino)[289]

DEL RIO Mario (Chirurgo. Citato nella testimonianza di Domenico Raspini)[290]

DE MARTINI (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[291]

DE MICHELI Franco (Capitano)[292]

DE NAVA (Capitano)[293]

DENISE (Maggiore)[294]

DE PAOLI (Citato nella testimonianza di Orazio Locatelli)[295]

DE PASQUALE R.[296]

DE RISO Antonio (detenuto nel Campo 25)[297]

D’ERRICO (Centurione della MVSN)[298]

DESANCTIS (detenuto a Yol, campo 28)[299]

DE SANTIS Giuseppe (detenuto nel campo 25)[300]

DESSOMEN[301]

D’ESTE Giovanni[302]

DE VECCHI Severo[303]

DE ZANI (Tenente)[304]

DIAZ Willy[305]

DI BENEDETTO Rocco (Sottotenente, Campo 28)[306]

DI COSMO[307]

DIELLA Emanuele (Nato a Barletta nel 1910, Sottufficiale dei Carabinieri Reali. Aggregato alla 62^ Divisione Marmarica, catturato a Bardia il 5 gennaio 1941 durante la 1° controffensiva Inglese denominata “Compass”, prigioniero in India dal 1941 al 1946)[308]

DI FEDERICO Palladino (Carabiniere con i reparti Indigeni in AOI, catturato all’Amba Alagi nel 1941, detenuto in India fino al 1943 e successivamente il Inghilterra fino al 1947. Deceduto il 3 marzo 2000)[309]

DI PISA Filippo (nato il 17 settembre 1903 a Misilmeri (PA) e deceduto il 06 ottobre 1975 a Palermo. Capitano, fatto prigioniero dagli Inglesi in Nord Africa nel maggio del 1943 e detenuto nel campo 24/4 a Clement Town, negli anni dal 1943 al 1945. Fu ricoverato nel 1944, per motivi di salute, nell’Ospedale Dehra Dun nel campo n. 10, da dove è rientrato in Italia nel 1945 a seguito di giudizio della Commissione Medica Internazionale)[310]

DI PRATA Oscar (nato nel 1910, nel dopoguerra affermato pittore bresciano, deceduto nel 2006)[311]

DI PRE’ Tullio (da Trento. Probabilmente il medesimo Di Prè segnalato via e.mail il 19 febbraio 2011 da Andrea Bosetti.)[312]

DI SALVO Francesco Saverio (nato nel 1894. Ufficiale di carriera, nel dopoguerra giunse al grado di Generale. Deceduto nel 1968, riposa a Gradisca d’Isonzo)[313]

DONATELLI Vittorio (da Napoli)[314]

DONATI SARTI Andrea (Sottotenente dei Bersaglieri, Medaglia d’Argento al Valor Militare, catturato a TOBRUK il 21 gennaio 1941, Medaglia d’Argento al Valor Militare, deceduto il 27 luglio 1983)[315]

DONELLI[316]

DONZELLI[317]

D’ORIO Mario[318]

DRUETTO Giuseppe (Brigadiere, 3° Battaglione RR.CC., detenuto a Dhera Dun e Bhopal)

DURAND DE LA PENNE Luigi (eroe dei mezzi d’assalto della Regia Marina, MOVM, detenuto al Campo 27)[319]

D’URSO Augusto (Sottotenente, ferito a Yol dalle guardie inglesi il 21 aprile 1942)[320]

EMANUELI[321]

EMMANUELI Giuseppe[322]

ERBA Ferruccio (Sottotenente, nato il 19 ottobre 1919, effettivo al 1° Reggimento Artiglieria contraerei a Vercelli. Catturato dagli Inglesi il 7 febbraio 1941 ad Agedabia in Cirenaica., P.O.W. 116513, detenuto a Yol nel Campo 27 1 wing. Sbarcato a Napoli l’11 agosto 1946. Deceduto il 25 settembre 2006)[323]

ESPOSITO Gennaro (Divisione “Trento”, citato nella testimonianza di Orazio Locatelli)[324]

ESPOSITO Mario (Sottotenente del 6° Bersaglieri, aggregato in Africa Settentrionale alla colonna dell’8° Bersaglieri del Col. Montemurro, preso prigioniero dagli Inglesi a passo Halfaya nel novembre del 1941. Croce al valore militare e proposta a Croce di ferro di 2^ classe tedesca. Detenuto nel Campo 25 degli irriducibili)[325]

FABBRI Toto

FACCINI Alcide (Capitano dei Bersaglieri, XI Reggimento Coloniale)[326]

FAGGIONI Carlo (nato a Carrara nel 1915, Capitano pilota del Gruppo Aerosiluranti “Buscaglia” della RSI, affondò naviglio nemico durante lo sbarco di Anzio, MOVM)

FAGGIONI Luigi (da La Spezia. Tenente di Vascello della Regia Marina, MOVM. Forzò la base di Suda a Creta e affondò l’incrociatore “York” il 26 marzo 1941. Deceduto a Chiavari il 23 maggio 1991)[327]

FALAGUERRA (da Napoli. Citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[328]

FALCHI A. (da Milano)[329]

FALCONI Terzo (da Cossirano, Brescia)[330]

FANIGLIULO Antonio (Regia Marina. Nel dopoguerra diventerà cognato del prigioniero Osvaldo Maurino)[331]

FANTONI[332]

FARAVILLA (Capitano)[333]

FASOLO[334]

FAUSTINI (Tenente)

FAVRETTO (da Bergamo)[335]

FAZI Leonida (Ufficiale del 6° Reggimento Bersaglieri aggregato all’8°. Autore del libro “La repubblica fascista dell’Himalaya”, 1992)[336]

FAZZOLARI[337]

FEBO[338]

FECCHI (Tenente. Milanese, apprezzato sassofonista)[339]

FERRARI[340]

FERRARIS (citato nella testimonianza di Orazio Locatelli)[341]

FERRERO Giacinto (da Torino, ingegnere. Alcune pagine dei suoi diari sono state inserite nel libro “Yol. Prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli, figlio di Gualtiero, anch’egli prigioniero)[342]

FERRERO Giacomo (Tenente degli Alpini, Campo 27)[343]

FERRERO (Al ritorno in Patria allenatore della nazionale di pallacanestro)[344]

FERRETTI (Ingegnere, nel campo di Yol insegnava matematica finanziaria. Citato nella testimonianza di Luciano Luciani)[345]

FERRI (detenuto a Yol, campo 28)[346]

FERRONI[347]

FERRUZZA Salvatore (Tenente, da Palermo)[348]

FIAMIN (Capitano)[349]

FICHERA Antonino (Capitano)[350]

FIENGO (Tenente)[351]

FILIDEI (di Genova (?). Citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[352]

FILIPPI Enzo (da Bologna. Citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[353]

FILIPPI Ferruccio (Ufficiale di artiglieria, fatto prigioniero in Tripolitania)[354]

FILIPPIN[355]

FINAURI[356]

FIORE[357]

FIORE Giuseppe (nato il 5 marzo 1919 a Roccanova, Potenza Tenente di fanteria, detenuto a Yol, rientrato in Patria nel 1947 al porto di Napoli)[358]

FIORE Pietro (Avvocato)[359]

FIORELLI Libero (classe 1920)[360]

FIUMI (maestro, da Orvieto, detenuto a Yol, campi 25 e 28)[361]

FOGAZZARO P. (da Trieste)[362]

FOGOLA Dante (Aquilano, atleta a livello nazionale, esperto in fisioterapia)[363]

FOIS Giuseppe (Tenente)[364]

FOLENA (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi) [365]

FORESIO (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[366]

FORESTI[367]

FORNARI (Moschettiere del Duce, detenuto a Yol nel campo 25 degli irriducibili)[368]

FORNARI (Capitano, detenuto a Yol nel Campo 28)[369]

Frà Ginepro: vedasi CONIO Antonio.

FRANZETTI Marco (corrispondente di guerra della Tribuna di Roma, catturato assieme a Pegolotti e Alessi)[370]

FRIZZERA Ezio[371]

FUNDARO’ Massimo (Tenente. Prigioniero a Yol, scomparso nell’estate del 1999, aveva tentato di organizzare varie spericolate evasioni dal campo, tutte frustrate dalle condizioni estreme della zona. Dalle scalate sull’Himalaya tornò con vari cimeli delle popolazioni locali che conservò sino alla morte. Alla sua tentata evasione dal campo di Yol si ispira il romanzo sui prigionieri di guerra italiani “Alborada” di Gianni Riotta, nipote del Tenente Fundarò)[372]

FUNI (direttore del coro al teatro Costanzi di Roma)[373]

FURLANETTO (Tenente)[374]

FUSCO (Maggiore)[375]

FUSCO Marcangelo (Caporalmaggiore, Divisione “28 Ottobre”, 202° Battaglione Mitraglieri)[376]

FUSELLI Guido (da Civiasco, Vercelli, geometra. Sottotenente di artiglieria alpina, fu fatto prigioniero nella battaglia di Keren in AOI. Era l’ufficiale più giovane detenuto a Yol. Fortissimo alpinista del CAI di Varallo, partecipò a varie escursioni in Tibet. E’ sepolto a Varallo)[377]

GABRIELE (internato a Yol, campi 25 e 28)[378]

GALLETTI Francesco (Già libero professionista ad Asmara, Sottotenente, combattente nella zona di Gondar, catturato ad Adigrat, AOI, nel 1941. Detenuto nei campi di Ramgarh e Yol, campo 26, wing 1B. Dopo la prigionia rientrò nella natale Perugia)[379]

GALLETTI (Ingegnere, detenuto a Yol)[380]

GALLI (detenuto a Yol, campo 28)[381]

GALLI Enrico (Cappellano militare)[382]

GALLIANI (Maggiore)[383]

GALLINA (Generale. Citato nella testimonianza di Alberto Manenti)[384]

GALLO (Cappellano Militare)[385]

GALUPPINI Gino (Tenente, ufficiale pagatore del Campo 28/2 di Yol, rilasciato il 19 settembre 1944)[386]

GALVANI (capocomico della compagnia filodrammatica del Campo 25)[387]

GAMBROSIER Renato (Console Generale della Milizia, comandante del Campo 25)[388]

GAMBUZZA Salvatore (Colonnello più anziano fra i detenuti a Yol)[389]

GARBARINO (Maggiore)[390]

GARINO Mario (Colonnello)[391]

GAROFALO Michele (nato a Montella il 4 aprile 1909, Distretto Militare di Avellino, prigioniero dal 1940 a Bhopal, Bombay e Bengalore, rientrato a Napoli il 2 luglio 1946)[392]

GAROFALO Vincenzo (nato a Lioni, Avellino il 14 gennaio 1920, prigioniero di guerra degli Inglesi in India dal 1940 a seguire, deceduto il 1° febbraio 2010)[393]

GAROLLA Antonio (Sottotenente, da Padova)[394]

GARRONI[395]

GARUFFI Riccardo (Tenente, Campo 28)[396]

GASTONE (Capitano)[397]

GATTI (Tenente)[398]

GATTONI Enrico (appartenente alla Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale)[399]

GAUDIO Salvatore (nato il 6 febbraio 1920 a Luzzi (CS), soldato appartenente al 69° Reggimento Fanteria Sirte, fatto prigioniero a Tobruk il 22 gennaio 1941 dagli Inglesi. Fu detenuto dapprima a Bombay da dove il 12 agosto 1943 spedì una cartolina ai suoi familiari, poi per altri tre anni in Inghilterra ad Harrow, nel Middlesex. Sbarcò a Napoli il 15 maggio 1946)[400]

GAVIO Gino (nato il 24 gennaio 1916, giunto in Libia il 22 luglio 1938 per prestare servizio di prima nomina col grado di sottotenente nel 70° reggimento di fanteria Ancona, mobilitato il 31 luglio 1940. Viene fatto prigioniero nella battaglia di Tobruk il 23 gennaio 1941 dagli Inglesi, portato in India come POW numero 21400 e detenuto nel campo 28 e in seguito nel campo 25 di Yol come non collaboratore dopo l’otto settembre. Viene rimpatriato a Napoli il 29 novembre 1946 col grado di tenente. In seguito gli viene riconosciuto il grado di capitano e conferita la croce al merito di guerra. Fino alla fine degli anni ‘80 ha partecipato regolarmente ai raduni nazionali dei NON ed è stato sempre abbonato a “Volontà”, il periodico dei NON. Deceduto nel 2006)[401]

GEMELLI Tommaso[402]

GENOVESI Giovanni (nato a Casalbordino, Chieti il 28 febbraio 1919. Tenente della Divisione “Sabratha”, fatto prigioniero ad El Alamein il 16 luglio 1942 e rimpatriato il 23 dicembre 1946. Deceduto il 22 febbraio 2009)[403]

GENTILE[404]

GHERARDI (Romano, atleta a livello nazionale, esperto in fisioterapia)[405]

GHERARDI Gherardo[406]

GHIBAURI (Maggiore, forse coincide col pari grado Gribaudi o Ghibaudi)[407]

GHIRLANDI (Maggiore)[408]

GHIRSANDI (Maggiore)[409]

GIA Luigi (Riuscì a fuggire da Yol con Edmondo Anderlini rifugiandosi a Damao. Nelle memorie di Frà Ginepro si narra che sia fuggito a Diu. Insieme ad Anderlini ha scritto nel 1978 “In India, dell’India”, per la Nuova Casa Editrice L. Cappelli)[410]

GIACOMETTI (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[411]

GIACONIA (barone catanese, detenuto a Yol, Campo 25, insieme al figlio)[412]

GIACONIA (figlio del barone catanese di cui sopra, detenuto a Yol, Campo 25, insieme al padre)[413]

Frà Ginepro: vedasi CONIO Antonio.

GIAMPAOLI Frediano (Sottotenente, figlio del Federale di Milano, catturato in Libia col Raggruppamento Maletti)[414]

GIBILTERRA Salvatore (Capitano di Artiglieria, nato a Carlentini (SR) il 10 aprile 1906, deceduto a Catania il 30 gennaio 1995, catturato dagli Inglesi in Africa settentrionale nel 1941, andato in pensione nel 1962 con il grado di Colonnello)[415]

GIOIA Carlo (nato a Milano il 23 febbraio 1916. Catturato a Derna, in Libia, nel gennaio 1941. Rinchiuso a Yol, tornò in patria, a Napoli, nell’agosto 1946)[416]

GIOLITTI (da Como)[417]

GIOVANARDI Stefano (nato a Milano il 25 aprile 1918, deceduto a Milano il 13 gennaio 2009. Sottotenente di artiglieria ippotrainata, preso prigioniero il 21 gennaio 1941 a est di Tobruk circa a metà tra la strada di Bardia e quella di El Aden ove era attestato il gruppo, parte del Raggruppamento Giraffa, al comando del Gen. De Barberis. Imbarcato il 3 febbraio 1941 a Suez sulla motonave olandese “Slamat”, salpato il 6 febbraio, arrivato il giorno 11 ad Aden ed il 17 a Bombay; dopo tre giorni di treno e marcia a piedi arrivato a Bangalore, prima in attendamento poi in baracche. Lasciato il campo di Bangalore il 28 marzo 1942 e trasferito a Yol ai primi di aprile del 1942, prima al campo 28, poi, nell’ultimo periodo, al campo 25 degli irriducibili. Partito da Yol il 29 novembre del 1946 ed arrivato a Milano il 25 dicembre successivo. Ha lasciato un ricco diario della guerra e della prigionia. Nel 2002 è ritornato a Yol con la famiglia per visitare i luoghi della sua prigionia)[418]

GIROLAMI Anacleto (da Tagliacozzo, fratello di Girolamo)[419]

GIROLAMI Girolamo (da Tagliacozzo, Centurione della Milizia, fratello di Anacleto)[420]

GIULIANINI Giulio[421]

GNOLI (da Brescia)[422]

GORDANO Giovanni (Tenente della Divisione “Marmarica”. Prigioniero a Yol fino ad aprile 1947)[423]

GIORDANO Giulio (da Caserta. Detenuto a Yol, Campo 25)[424]

GLORIA (Colonnello, supervisore del Campo 27)[425]

GORIO Federico (Ingegnere, Sottotenente della Compagnia Mista Genio della 1^ Divisione Libica comandata dal Generale Gallina. Catturato dai Britannici l’11 dicembre 1940 a Uadi Maktila, 30 Km ad est da Sidi El Barrani, fu trasferito dapprima a Ramgarh, successivamente fu spostato a Yol da dove fu rimpatriato il 29 novembre 1946)[426]

GORLERO (Sottotenente)[427]

GOYDA[428]

GRASSI[429]

GRATTI[430]

GRAZIOLI [431]

GRAZIOLI Arturo (Sergente Maggiore, classe 1913)[432]

GRIBAUDI (Maggiore)[433]

GRIFFO Paolo (Classe 1913, fatto prigioniero a Tobruk nel 1941, deportato dapprima per sei mesi in India e poi per sei anni in Australia)[434]

GROSSI Loreto. Nato a Cassino (Frosinone) il 1° ottobre 1913, CC.NN Guardia alla Frontiera, catturato dagli Inglesi a Bardia nel 1941, inviato nei campi di prigionia in India. E' tornato nel 1946[435].

GUARNOTTA Dario (Sottotenente del 1° Articelere, catturato a El Alamein e trattenuto a Yol fino al 1946 dove fece anche da padrino ad una bimba indiana di religione cattolica alla quale venne dato il nome di sua mamma, Teresa)[436]

GUERCIO Alfonso (nel dopoguerra autore di “Campo 25”, Roma 1951)[437]

GUERZI Eraldo (Tenente, POW n. 16875, campo 28)[438]

GUIDOTTI[439]

IMBRO’ (durante la prigionia a Yol, il 21 febbraio 1944, venne a sapere della morte, avvenuta nella lontana Italia, del figlioletto 14enne)[440]

INCARDONA (Veterinario di Valguarnera, Enna, detenuto a Yol)[441]

INTINI Leonardo (da Bari)[442]

INTRIGLIOLO Antonio (Tenente dei Bersaglieri. Rientrò dalla prigionia nell’agosto del 1946)[443]

JACOVACCI Cesco (da Roma)[444]

JANNONE[445]

JESI[446]

KASTENER Erich[447]

KELLER[448]

KONIEV[449]

L’ABATE Stanislao (da Arezzo)[450]

LALIA[451]

LALICATA (Tenente, detenuto a Yol, campi 25 e 28)[452]

LA MONICA (Sottotenente)[453]

LANDI (Capitano, deceduto nel Campo di Yol il 24 luglio 1942)[454]

LANDI Giuseppe (Sottotenente, nato a Novara il 22 gennaio 1914, deceduto a Cremona il 29 luglio 1996. Fatto prigioniero a Gondar il 27 novembre 1941. Prigioniero a Yol. Due croci di guerra, una per il comportamento tenuto in prima linea in difesa della “ridotta gondarino”)[455]

LANG Ignazio (Sottotenente, fatto prigioniero in Grecia nel 1941 e deportato a Yol al campo 27, seconda ala, con matricola POW 171000. Deceduto nel dicembre 1991)[456]

LA PENNA (Capitano, internato a Yol, campi 25 e 28)[457]

LA PICCIRELLA (magistrato, internato a Yol, campi 25 e 28)[458]

LA ROCCA[459]

LA ROSA[460]

LASAGNA A. (da Mantova)[461]

LASAGNA Igino (da Milano)[462]

LASAGNA[463]

LAVAL Pierre[464]

LAZAZZERA[465]

LELLI Antonio (Tenente di Artiglieria catturato a Tobruk, prigioniero a Yol fino al 1947)[466]

LENCIONI (da Livorno)[467]

LEONARDI Pietro (Sottotenente medico, 2^ Brigata Coloniale dell’AOI, 10° Battaglione Coloniale, detenuto a Bhopal)[468]

LEOTTA[469]

LEUCHARD Arturo (pilota, Generale, da Roma)[470]

LINATI Carlo[471]

LIBASSI o LI BASSI[472]

LIMITI (fuggito da Bangalore, poi ripreso)[473]

LIOTTA Gaetano[474]

LIVERTA Gian Pietro

LOCATELLI Orazio (Sottotenente, Divisione “Lupi di Toscana”, 78° Reggimento Fanteria, Battaglione A.S. 42, 11^ Compagnia, detenuto a Dhera Dun e Bhopal)[475]

LOGGI Aldo (Battaglione San Marco, detenuto nel Campo 25 di Yol quale non cooperante)[476]

LO GIUDICE Luigi (Tenente, Campo 28)[477]

LO MARZO (Sottotenente)

LOMBARDI Armando (da Città di Castello, Tenente della Pavia, detenuto a Yol nel Campo n. 25 dei non collaborazionisti)[478]

LOMBARDO Fortunato (POW n. 15826 campo 27)[479]

LONGOBARDI Michele (da Angri, Salerno, classe 1921, della Guardia alla Frontiera in servizio presso il XXX settore di Bardia. Catturato nella battaglia di Bardia nel 1941, rientrò a casa nel 1947, dopo 6 anni di prigionia)[480]

LO PIO (Capitano)[481]

LUCARELLI Ferruccio (Sottotenente di Artiglieria, nato nel 1914 e deceduto nel 1974. Preso prigioniero con le truppe di S.A.R. Amedeo Duca D’Aosta sull’Amba Alagi il 17 maggio 1941. Prigioniero a Yol fino all’estate del 1946)[482]

LUCCHETTA Giuseppe (Sottotenente)[483]

LUCCHETTI G.[484]

LUCCIO Mario (Capitano, POW n. 31590 campo 26)[485]

LUCIANI Luciano (Tenente, 2^ Divisione Indigena, XXXV Battaglione Eritreo, detenuto a Yol)[486]

LUCIANI Mario (Capitano, POW n. 1502 campo 25)[487]

LUCINI[488]

LUISI Elio (da Modena)[489]

LUNARO (Guardiamarina a bordo del “Colleoni”, catturato dagli Inglesi dopo l’affondamento di quella unità navale a Capo Spada, fu prigioniero in India, da dove ritornò fra gli ultimi. Nel dopoguerra fu insegnante di Nautica presso l’Accademia Navale di Livorno)[490]

MACCARI F. (da Roma)[491]

MAFFI Quirino (da Milano. Autore di “Sulle vette del Punjab Himalaya dal 1943 al 1946”)[492]

MAGGESI (Centurione della MVSN)[493]

MAGGIONI Angelo (da Milano)[494]

MAGI Giuseppe (Tenente pilota, da Ascoli Piceno, valoroso combattente sui cieli dell’Africa Orientale e Settentrionale, Spagna e Inghilterra) [495]

MAGIULLI Adolfo (Sottotenente)

MAGLIETTA (Console della Milizia, comandante del Campo 25 dopo Gambrosier)[496]

MAGNARAPA Nicola (nato a Casalbordino, CH, il 12 settembre 1915. Dottore in agraria, nel Campo 25 di Yol si interessò delle coltivazioni. Rientrò in patria alla fine del 1946. Deceduto il 12 novembre 1997)[497]

MAGNO Alessandro (Tenente, POW n. 31612, campo 28)[498]

MAGRELLI (deceduto subito dopo il rimpatrio a causa dell’ameba. Citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[499]

MAGRI’ (Ufficiale, catturato in AOI dopo la battaglia di Gondar, trasportato in India con il piroscafo “Aronda” e detenuto nel campo di Yol)[500]

MAIOLINO[501]

MALATRASI Luciano[502]

MALDARIZZI Leonardo (Sottotenente, Divisione Libica, IX Battaglione carri L, detenuto a Yol. Iniziò a costruire accendini (4 o 5 al giorno) che venivano poi venduti ai compagni di prigionia o alle guardie indiane del campo)[503]

MALETTI (Capitano dei Carabinieri, padre di Gianadelio Maletti nel dopoguerra funzionario dei servizi segreti)

MALITO (da Cosenza)[504]

MALPOZZINI Colombo (da Frosinone)[505]

MAMINI Celestino (Tenente, poi Generale, da Milano)[506]

MANASSERO Alessandro (matricola 81440, detenuto a Yol, campo 28, wing 1A)[507]

MANCUSO[508]

MANENTI Alberto (Tenente medico di complemento. Detenuto nel campo di Dhera Dun, ospedale da campo 112)[509]

MANGANARO Sante (matr. 1749, Sottotenente Ingegnere, siciliano di Valguarnera, preso prigioniero ad Addis Abeba, Etiopia, dove aveva un’impresa di costruzioni)[510]

MANZI[511]

MANZINELLO Felice (da Trento. E’ evidentemente il medesimo Felice Manzinello segnalato via e.mail il 19 febbraio 2011 da Andrea Bosetti, che fa notare come il signor Felice Manzinello sia ancora particolarmente attivo nonostante i 93 anni di età e sia una fonte diretta ormai rara dell’esperienza sulla prigionia a Yol. E’anche protagonista di un recente film documentario intitolato“Prigionieri di guerra in Himalaya (Yol Camp 1941-1946)” di Agrippino Russo e Diego Busacca” realizzato dall’associazione Ciak e co-prodotto con la Fondazione Museo Storico del Trentino)[512]

MARCELLO[513]

MARCHI Adelmo (da Prato, Autiere del Regio Esercito in servizio nell’isola di Rodi, fatto prigioniero dai Tedeschi e portato in Nord Africa e successivamente catturato dagli Inglesi)[514]

MARCULLI Piero

MARELLI (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[515]

MARELLI G. (da Siena)[516]

MARENCO Paolo Emilio (nato a San Maurizio Canavese (TO) il 30 Luglio 1912. Ufficiale di Cavalleria transitato in s.p.e. per meriti di guerra (A.O.I.) dove ha comandato per due anni una “Banda Amhara” in Etiopia. Nel 1941 Comandante della VI Compagnia Paracadutisti “Grifo” a Bolzano. Nel 1942 Comandante della VI Compagnia del 187° Reggimento della Divisione “Folgore” ad El Alamein. Catturato nella mattinata del 24 Ottobre 1942. Prigioniero per un mese in Egitto (Alessandria e Geneifa) e poi a Yol dopo un viaggio via mare di 20 giorni da Suez a Bombay. Detenuto nel Campo n. 26. Rientrato in Patria nell’ottobre del 1946. Decorato di Medaglia d’Argento al Valor Militare)[517]

MARENCO (Colonnello)[518]

MARENGO Carlo (Colonnello, comandante del Campo 25 dopo Maglietta)[519]

MARGARIA (da Cuneo)[520]

MARGHERITA (Tenente Colonnello)[521]

MARI[522]

MARI Ferdinando (Potrebbe coincidere con il Mari di cui sopra. Nato a Cava dei Tirreni il 6 maggio 1911. Capitano, catturato dai Britannici in Africa Settentrionale e deportato a Yol. In base ai suoi racconti, la sua cattura configura un insolito caso di cattura “su appuntamento” dopo che la sua compagnia venne accerchiata e gli Inglesi diedero il tempo agli Italiani di organizzarsi per la cattura il giorno dopo)[523]

MARIANI[524]

MARIANU[525]

MARINARO[526]

MARINI Armando (di Castiglione delle Stiviere. Fratello di Marino Marini, pilota di aerosiluranti, che fu il primo a bombardare il porto di Gibilterra)[527]

MARINO Michele (nato a San Giovanni Rotondo il 21 maggio 1920, fante scelto del 115 reggimento Fanteria Treviso, aggregato alla 62^ Divisione Marmarica, fu fatto prigioniero il 3 gennaio 1941 nei pressi di Bardia. Successivamente fu trasferito nei campi di concentramento inglesi in Egitto per poi essere portato dalla nave Raiula in India e internato nei campi di Ramgarh e Bangalore prima di essere trasferito in Inghilterra prima di fare definitivamente ritorno in Italia il 18 aprile 1946. Risiede a Milano)[528]

MARINO S.[529]

MARINONI (interprete)[530]

MARION Paride (Tenente, POW n. 306297, campo 27)[531]

MARONE (Colonnello)[532]

MARONE[533]

MAROTTA Vittorio (Generale, allora Tenente pilota della 253^ Squadriglia, 104° Gruppo, 46° Stormo, prigioniero a Yol nei campi 24 e 27 fra il 1942 e il 1946)[534]

MARRAMA Goffredo (Tenente, trasvolatore atlantico con Italo Balbo)[535][536]

MARTELLOTTA (Tenente, detenuto a Yol, campi 25 e 28)[537]

MARTELLOTTA Vincenzo (Eroe dei mezzi d’assalto della Regia Marina, Capitano delle Armi Navali, detenuto al Campo 27)[538]

MARTINELLI Mario (da Bergamo)[539]

MARTINES[540]

MARTINI Luigi (da Rimini)[541]

MARTINI Giuseppe (nato a Ceprano (FR), classe 1919, Sottotenente di complemento, detenuto nel campo 25 tra i “non collaboratori”. È deceduto nel 2007)[542]

MARTINO Umberto[543]

MARTINONI Luigi[544]

MARZANI Angiolo (Maggiore n. 318780 campo 24)[545]

MARZANO Saul (nato a La Spezia il 1° marzo 1913, Tenente Comandante di Plotone Mitraglieri del 44° Battaglione, XII Brigata Coloniale [comandata dal Col. Tabellini], catturato a Cheren, Eritrea, dopo l’eroica ma sfortunata battaglia. Nel dopoguerra ha donato al Museo Storico dell’Accademia Militare di Modena una raccolta di fasce coloniali delle Bande di Ascari)[546]

MARZIO (Ufficiale della GAF)[547]

MASSARELLI (Capitano)[548]

MASSART (citato nella testimonianza di Domenico Raspini)[549]

MASSEROTTI[550]

MASSIO Giovanni

MASSON[551]

MASSONI Carlo (Tenente, nato a Sant’Antioco (CA) il 9 Giugno 1914. Brevetto di Paracadutista n. 41 del 9 Agosto 1941. Comandante della I Batteria del I Gruppo del 185° Reggimento Artiglieria della Divisione “Folgore” ad El Alamein. Catturato alle ore 15,30 del 24 Ottobre 1942. Prigioniero per un mese in Egitto (Alessandria e Geneifa) e poi a Yol dopo un viaggio via mare di 20 giorni da Suez a Bombay. Internato nel Campo n. 26. Matricola n. 355442. Rientrato in Patria il 4 Aprile 1946. Decorato di Medaglia d’Argento al Valor Militare. Deceduto a Piacenza il 12 Giugno 2010)[552]

MASTINO Salvatore (Capitano di Fanteria, catturato a Debra Tabor in Africa Orientale il 6 luglio 1941. Al rientro dalla prigionia fu il primo segretario federale del Movimento Sociale Italiano della provincia di Sassari)[553]

MASTROPIETRO Paolo (preso prigioniero a Tobruk e internato a Bangalore. Ha fatto parte di una squadra sportiva -era un pugile- che dopo il 1943 ha girato per gran parte dell’India)[554]

MATTEOCCI[555]

MATTEON[556]

MATTIASSI (Tenente)[557]

MATTIOLI Luigi (Tenente dei Carabinieri)[558]

MATRICARDI Roberto (Generale di Brigata, deceduto a Yol il 15 settembre 1945)[559]

MAUGERI[560]

MAZZE[561]

MAZZEI[562]

MAZZEO Mico[563]

MAZZETTI (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[564]

MAZZIOTTA (citato nella testimonianza di Orazio Locatelli)[565]

MAZZOLINI Giovanni Battista (Capitano, da Tolmezzo. Partecipò alla marcia di 550 km nel Piccolo Tibet)[566]

MAZZONCINO Renzo

MAZZONE Luigi (da Bologna, S.Ten. del Genio catturato a Tobruk il 21 gennaio 1941 alle ore 18,30. Ristretto a Yol nel campo 27. Rientrato in Italia ai primi di luglio del 1946. Ufficiale di carriera, giunse sino al grado di Maggiore delle Trasmissioni e morì l’8 dicembre 1956)[567]

MAZZONI Foresto Riccardo (Sottotenente, nato a Siena il 25 settembre 1913, internato nel 1941 e rimpatriato nel dicembre 1946. Deceduto il 15 febbraio 1980 a Siena)[568]

MAZZONI Mario (Colonnello)[569]

MAZZUCCA (detenuto a Yol, campo 28)[570]

MEDORI[571]

MEINI Pier Attilio (Sottotenente, da Bagnolo Mella (BS), detenuto nel Campo 25 dei non collaborazionisti)[572]

MELIN F. (da Roma)[573]

MENATO (Sottotenente)[574]

MENICOCCI Eurialo (richiamato il 25 agosto 1939 presso la Divisione CCNN “23 Marzo”, 219a legione, 118° btg, e nominato Capomanipolo il 16 maggio 1940. Catturato a Bardia il 3 gennaio 1941. Trasferito in India in un campo non meglio identificato, all’inizio del 1944 viene internato a Yol nel Campo 25 degli irriducibili Fascisti. Dimesso dal campo l’11 novembre 1946, arriva a Napoli il 26 novembre 1946. Consigliere comunale del Movimento Sociale Italiano nel comune di Ariccia (Roma), è deceduto nel 1966)[575]

MENICUCCI[576]

METTICA (Ravennate, Capomanipolo, prima della guerra noto nuotatore di fondo. Deceduto a Yol per infarto durante un’attività sportiva)[577]

MICHELOTTO Mario (Maestro, da Mantova)[578]

MICOZZI Orlando (Tenente)[579]

MIGLIETTA Raimondo[580]

MILANESI Guido[581]

MILESI Camillo (Evase da Yol con Elios Toschi e riuscì a riparare nel possedimento portoghese di Diu. Alla fine degli anni ’40 scrisse il libro “20.000 rupie di taglia”. Citato anche nelle memorie di Frà Ginepro)[582]

MILIANO (Tenente medico nel campo di Bengalore)[583]

MIMMI Vittorio[584]

MINEO (Citato nella testimonianza di Orazio Locatelli)[585]

MOCCA (Cappellano Militare)[586]

MOCCIA Alessandro (nato a Parma il 18 marzo 1918 e vissuto a Mantova, Ufficiale degli Alpini, prigioniero a Yol. Preso prigioniero dagli Inglesi sul fronte greco-albanese, ricoverato in un ospedale inglese in Egitto e poi inviato in India con altri Ufficiali italiani)[587].

MONACO Franco (Tenente, matricola 259841. Partito per la Tripolitania il 29 maggio 1940, fu catturato l’11 giugno 1940 nella battaglia di Sidi Omar. Prigioniero dapprima a Bangalore fino al 1942 e successivamente a Yol. Rimpatriato il 3 gennaio 1946, fu Prefetto fino al giugno 1977. Deceduto ,dopo un banale incidente stradale, nell’ottobre del 1992)[588]

MONCADA (Sottocapo meccanico)[589]

MONGIO’ Franco[590]

MONGIO’ G. (Tenente)[591]

MONTANARO (Capitano. Deceduto per anemia tropicale. Citato nella testimonianza di Domenico Raspini)[592]

MONTERUBBIANESI[593]

MONTICELLI (detenuto a Yol, Campo 28)[594]

MONTINARO[595]

MORETTI Giuseppe (da Venezia, Governatore della Dancalia, Tenente di Artiglieria per Brigate Coloniali, catturato a Cheren, Eritrea)[596]

MORETTI (Centurione della MVSN)[597]

MORI[598]

MORICI (Ufficiale della GAF)[599]

MORONA Giovanni (Soldato, figlio di Angelo, matricola POW 56795, nato a Miane (TV) il 17 settembre 1915, fatto prigioniero dagli inglesi e portato in India, dichiarato disperso il 13 luglio 1945, a guerra finita)[600]

MORONA Giovanni Mosé (Soldato, figlio di Giacomo, nato a Miane (TV) il 24 novembre 1894 - truppe coloniali in AOI - muore nel campo di prigionia di Dehra Dun il 3 luglio 1945, a guerra finita, per broncopolmonite)[601]

MORSELTI (Sottotenente, deceduto per tifo nell’ospedale del campo di Yol)[602]

MORTARA Carlo (Colonnello)[603]

MORTAROTTI Giovanni[604]

MOSILLO Francesco (Ingegnere)[605]

MOZZARELLI Giuseppe (nato a Villa Poma, Mantova nel 1911 e deceduto a Mantova nel 1962, tenente di Artiglieria combattente nella guerra d'Africa, laureato in scienze naturali all’Università di Modena col prof. Carlo Jucci, nel dopoguerra impiegato all'Ispettorato agrario di Mantova)[606]

MUMOLI[607]

MURINO Osvaldo (Nato nel 1917, appartenente al Genio guastatori, catturato a Tobruk nel 1941, deportato a Yol e rinchiuso nel Campo 25 dei non collaborazionisti. Morì a Roma nel 1961)[608]

MUSCO[609]

MUSSIO Giovanni (da Milano. Alcune pagine dei suoi diari sono state inserite nel libro “Yol. Prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli, figlio di Gualtiero, anch’egli prigioniero)[610]

MUZZI Nunzio (Tenente, Campo 28)[611]

NANNI Settimio (Sottocapomanipolo della 219° Legione Camice Nere, fatto prigioniero a Bardia il 3 gennaio 1941. A Yol viene rinchiuso prima nel campo 28, poi nel campo 25 degli irriducibili. Rientrato in Italia nel dicembre del 1946)[612]

NAPOLETANO Don Ferdinando (Cappellano Militare)[613]

NARDINOCCHI (Colonnello, supervisore del Campo 28)[614]

NASELLI Mario (Tenente, matricola 31351, detenuto nel campo n.28 a Yol)[615]

NATALI Giovanni[616]

NATALI Umberto [617]

NATALI (Capitano, da Tenente fu a Pisa insieme a Cesare V. Poesio)[618]

NATOLI (Tenente)[619]

NAVARRO Ugo (Capitano).[620]

NEGRONI Giacomo (Generale di Brigata, da metà 1944 comandante dei campi di Yol)[621]

NEGRONI Giorgio (Tenente, Campo 28)[622]

NIERI Sergio (Tenente di Artiglieria, poi Capitano, Grande Invalido di Guerra, nato a Lucca nel 1905, ivi deceduto nel 1952. Già di stanza a Mogadiscio presso il Comando Truppe Automobilistiche della Somalia, catturato a Gimma nel 1941, internato a Yol fino al dicembre 1946 nei campi 25 e 28)[623]

NINNI[624]

NOTARI Giovanni (Sottotenente)[625]

NOTO LA DIEGA Giovanni (prigioniero POW 240161dal 1940 al 1946 nel Campo 28 di Yol. Tenente di Fanteria ad Asmara dove era stato raggiunto dalla moglie e dove hanno ebbero due figli. Dopo la sua cattura la sua famiglia restò ad Asmara fino al 1943 e rientrò in Italia con la nave “Duilio” nell’ambito del piano di rimpatrio delle “Navi Bianche” che riportarono in Italia più di 25.000 donne, bambini, invalidi ed anziani)[626][627]

NOVELLI Rodolfo (Sottotenente)[628]

NUTRIZIO Nino (Dalmata di Traù, appartenente alla Regia Marina, giornalista sportivo del “Popolo d’Italia”, nel dopoguerra allenatore di calcio nell’Inter e direttore del quotidiano “La Notte”)

NUTRIZIO (fratello minore di Nino)[629]

ODERZO (Maggiore)[630]

OLITA (Console della MVSN)[631]

OLIVARI Valentino (nato a Vestone, detenuto nel Campo 25 dei non collaborazionisti)[632]

OLIVIERI Giuseppe (soldato, POW n. 85069 Campo 25 wing 1/B)[633]

ONNIS Gustavo (Tenente Colonnello, Capo di Stato Maggiore della Divisione “Pavia”, caduto prigioniero a El Alamein il 24 ottobre 1942, detenuto nel Campo 26 a Yol)[634]

ONOFRI Pablo[635]

ORLANDI Mario (ragioniere, nato a Massa Carrara, catturato il 15 novembre 1940 sul fronte greco-albanese e deportato a Yol fino al 1947)[636]

ORLANDO (Capitano)[637]

ORTOLANI Piero (Detenuto a Yol)[638]

OSO (Sottotenente a Gondar, poi Tenente)[639]

PACCAGNONI Piero[640]

PADUANO Gerardo (nato ad Ariano Irpino il 15 maggio 1909, sergente del Genio, 118^ Compagnia telegrafisti, catturato il 4 gennaio 1941 dopo la battaglia di Bardia e deportato in India nel campo di Bhopal. Dal 1943 al marzo 1945 ha svolto attività di infermiere capo al reparto neuro-psichiatrico dell’ospedale di Bairagarh. Rientrato in Italia nel 1945)[641]

PANERAI (Tenente)[642]

PANICHI (Capitano)[643]

PAOLETTI[644]

PAONE Mario (da Aversa. Tenente di Fanteria. Detenuto a Yol, Campo 28)[645]

PARENTI[646]

PARETTI Alberto (detenuto nel campo 28 a Yol)[647]

PARI (Sottotenente)[648]

PARISI[649]

PARISI Ugo (da Napoli, Capo squadra Camicie Nere. Ucciso il 5 agosto 1942 perché ritenuto responsabile di avere provocato disordini nel campo di Bengalore)[650]

PARODI Lorenzo[651]

PARODI (Citato nella testimonianza di Orazio Locatelli e nel libro di Mainardo Benardelli)[652]

PASERO[653]

PASQUALI Artenio (Tenente, da Parma)

PASSERINI Franco (Comandante di Batteria di Artiglieria da costa in Libia, Campo 27)[654]

PASSEROTTI (Guardiamarina)[655]

PASTORINO (Medaglia d’Oro al Valor Militare, citato nel libro “La tua e la mia guerra” di Mario Tidei)

PAVARINI

PAVONI (Avvocato, da Orzinuovi)[656]

PECORARO Domenico (Sottotenente, POW n. 240673 campo 28)[657]

PEGOLOTTI Giuseppe, detto Beppe (originario di Cecina, giornalista della “Nazione” di Firenze, già giocatore di calcio in serie A con il Livorno, catturato nel deserto libico, detenuto a Yol, campi 28 e 25. Nel dopoguerra autore del libro “Criminal Camp”)[658]

PELA’ (Melchiorre, Capo Manipolo della Milizia, POW n. 317300, internato a Yol nel Campo 27, riuscì a fuggire fino a Diu. Citato nelle memorie di Frà Ginepro)[659]

PELLEGRINI Pasquale[660]

PELLICANI (Maggiore)[661]

PELLICIARI Germano Danilo (nato a Novi di Modena il 10 maggio 1916. Agli inizi del 1936 venne inviato in Libia ed assegnato al XXI Battaglione Carri L3/35 come “Pilota carro L 3/35” con incarico anche di “Istruttore di pilotaggio su carro L 3/35”. In seguito, nel 1939 transitò a domanda nel “Regio Corpo Truppe Coloniali” venendo assegnato ad un reparto meharista in forza al “Reparto Autosahariano” che presidiava la Ridotta Capuzzo ad Amseat e la Ridotta Marcucci a Giarabub. Al momento dell’attacco inglese era dislocato presso la Ridotta Capuzzo col grado di Sergente Maggiore Carrista dove, visti i suoi trascorsi di Pilota di carro L 3/35 e di Istruttore, venne assegnato all’Officina leggera del reparto prima come Capo Meccanico e poi come Capofficina per la manutenzione e la riparazione delle autoblindo AB/40 e delle Ardita 2000 in carico al reparto. Il 14 giungo, alla fine dell’attacco inglese alla Ridotta Capuzzo, venne catturato da alcuni fanti dell’11° Reggimento “Queen’s Hussards” inquadrato nella 7^ Divisione Corazzata Inglese e trasferito a Bardia per essere imbarcato su un cargo inglese per il successivo trasferimento prima in un campo di prigionia a Bombay, dove rimase per circa 4 anni, e in seguito presso il campo di prigionia di Poona -oggi Puna- fino all’atto del suo rientro in patria nel 1946)

PENNESI Dionigi (matricola 76166, nato nel 1920, prigioniero al campo 25, dove lavorava nella panetteria)[663]

PENNISI Alfredo (da Catania)[664]

PERLINGIERI Raffaele (detenuto nel campo 28 di Yol)[665]

PESETTI Aurelio (Tenente, prigioniero nel campo 25 di Yol dal dicembre 1940 al dicembre 1946; fu fatto prigioniero nella battaglia di Sidi el Barrani combattuta dalla Divisione Maletti nel deserto libico a fine 1940)[666]

PETRINI Ernani Paolino (nato a Lentella (Chieti) il 15 febbraio 1915, Sottotenente AUC del 52° Reggimento Fanteria “Alpi”, assegnato alla 42^ Brigata Coloniale, catturato a Cheren il 23 gennaio 1941, arrivato al campo di Yol- Kangra Valley nel Kashmir il 1° aprile 1942)[667]

PETROCCA Achille (catturato nella battaglia di Agedabia, presso Tobruk, nel febbraio del 1941, portato e Yol e prigioniero fino all’agosto 1946 nel campo 25)[668]

PETRONCINI (Sottotenente dei Bersaglieri, ucciso nel 1942 in un tentativo di fuga)[669]

PETRONI (Centurione della MVSN)[670]

PEZZUTI (Citato nella testimonianza di Orazio Locatelli)[671]

PIACENTINI Armando (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[672]

PIATTI Adolfo (Ufficiale, catturato in AOI dopo la battaglia di Cheren, trasportato in India con il piroscafo “Aronda” e detenuto nel campo di Yol)[673]

PIAZZA Leo (Tenente, nato a Vicenza il 4 agosto 1914, detenuto nel campo 25)[674]

PICAZZI Eugenio (Sottotenente, ferito a Yol dalle guardie inglesi il 21 aprile 1942)[675]

PICCHIO (Capitano. Autore di un tentativo di fuga)[676]

PICCIOLI Arnaldo (Tenente, POW n. 31708, campo 28)[677]

PICOZZI Giacomo (Sottotenente, 15° Reggimento Fanteria “Savona”, I Battaglione, Compagnia Comando, detenuto a Dhera Dun e Bhopal)[678]

PIERI (Primo Seniore della Milizia, triestino)[679]

PILLA Giovanni (Colonnello, da Belluno,campo 27)[680]

PIOLANTI (Tenente)[681]

PIZZI[682]

POESIO Cesare Vittorio (nato nel 1906, Capitano di Artiglieria, catturato a Bardia in Libia il 5 gennaio 1941. POW n. 31813. Detenuto prima a Bangalore e poi a Yol, Campo 28. Militare di carriera, dopo il rientro in Italia continuò la carriera militare fino a congedarsi con il grado di Generale di Brigata e con l’incarico di Presidente del Tribunale Militare di Torino. Deceduto nel 1989)[683]

POGGI (Avvocato, da Roma. Citato nella testimonianza di Leonardo Maldarizzi)[684]

POGGI (Avvocato, dirigeva una compagnia filodrammatica al Campo 25. Forse coincide con il Poggi di cui sopra)[685]

POLASTRI (da Milano. Citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[686]

POLVERIGIANI (da Faenza, detenuto a Yol, campi 25 e 28)[687]

POMPEGNANI Domenico (Sottotenente di Artiglieria, Sottocomandante della 4^ batteria da 105/28 del 2° gruppo del 20° raggruppamento di artiglieria del 20° Corpo d’Armata, catturato ad Agedabia in Africa Settentrionale il 7 febbraio 1941, deportato a Yol nel campo n. 28/1, POW n. 116495. Liberato nel luglio del 1946. Nel dopoguerra Comandante del 132° Reggimento Artiglieria Corazzata “Ariete”, mancato il 24 febbraio 1979 all’età di 64 anni)[688]

POMPEIANO[689]

POMPILI (Professore. Nel campo di Yol insegnava Matematica attuariale. Citato nella testimonianza di Luciano Luciani)[690]

PONTELLO Mario (detenuto nel campo 28 di Yol)[691]

PONTONIERO Giuseppe[692]

POZZER Norberto (S.Ten. Fanteria coloniale “Cacciatori delle Alpi” comandante di compagnia di truppe coloniali in Abissinia, catturato dagli Inglesi a Gondar il 27 novembre 1941, trasferito nel campo di prigionia di Bhopal (India) dal gennaio all’aprile 1942 e successivamente a Yol fino al 10 dicembre 1945)[693]

PRADA Lino[694]

PRESUTTI (Capitano, deceduto in prigionia)[695]

PRIBAZ Gaspare (Ufficiale pilota, da Trieste)

PROSPERI Augusto (14° Reggimento Fanteria, detenuto a Bengalore)[696]

PROSPERI (Tenente)[697]

PUGLIESE (Tenente)[698]

PUJATTI Domenico (nato nel 1903, deceduto nel 1954. Ricercatore in parassitologia fu richiamato nel luglio 1940. Prestò servizio in un ospedale da campo a Bardia prima e Sidi el Barrani poi. Fu fatto prigioniero a dicembre 1940 e mandato in India dove diresse il laboratorio di analisi presso l’ospedale POW di Bangalore dal febbraio 1941 ad aprile 1944 ed il laboratorio dell’ospedale POW di Bairagarh da agosto 1944 al 20 novembre 1945. Superando difficoltà di ogni genere, raccolse una enorme quantità di materiale di studio che riuscì a portare in Italia insieme a centinaia di preparati microscopici e numerosissimi quaderni di note. Scrisse una serie di pubblicazioni sulla sua vastissima cultura parassitologica)[699]

PURRELLO Michele (Maggiore, da Pescara)[700]

PUTTI Vincenzo (Capitano, POW n. 16709, campo 28)[701]

QUARANTA (Maggiore)[702]

QUARONI (da Roma. Citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[703]

RADRIZZANI (Citato nella testimonianza di Orazio Locatelli)[704]

RANTORRES[705]

RAPISARDA Mimì (fratello di Nello, prigioniero a Yol, Campo 25)[706]

RAPISARDA Nello (fratello di Mimì, prigioniero a Yol, Campo 25)[707]

RASILE Tommaso (prigioniero in India dal 1941 al 1947)[708]

RASPINI Domenico (Tenente, 5° Reggimento Bersaglieri, detenuto a Yol)[709]

RAVARA P. Giovanni (Soldato, classe 1907)[710]

RAYNERI (Tenente Colonnello)[711]

RECCHIA Amedeo (Tenente medico, capo reparto neuropsichiatria all’Ospedale militare di Bairagarh)[712]

REGANI[713]

RENNA IANNINI (Capitano, notaio, internato a Yol, campi 25 e 28)[714]

REPPUCCI Giuseppe (nato a San Potito Ultra (AV) il 28 maggio 1920. Caporal maggiore artigliere decorato con la croce al merito di guerra, fatto prigioniero a Tobruk il 21 gennaio 1941 e trasferito in campo di concentramento in India fino al 14 settembre 1944)[715]

RESTANTE Aristodemo (nato a Nettuno il 16 giugno 1918, catturato a Bardia in Africa settentrionale, deportato prima in Australia e poi in India al campo 25 come aderente alla RSI. Rientra in Italia il 26 novembre 1946 e fonda la sezione del MSI di Nettuno. Muore a Nettuno il 4 aprile 1991)[716]

REY (Capitano. Autore di un tentativo di fuga)[717]

RHO Franco (da Milano)[718]

RICCADONNA[719]

RICCI Arturo (Sottotenente, Campo 28) [720]

RICCI padre Riccardo (Cappellano militare nel campo di Bengalore)[721]

RICOVERI[722]

RIERA Aldo (Camicia Nera)[723]

RIGHI (Colonnello)[724]

RINALDI A. (da Genova)[725]

RINALDI (Capitano)[726]

RINALDINI[727]

RIVA (Caporalmaggiore. Ricoverato nella baracca riservata ai malati del sistema nervoso. Ucciso dalle guardie perché si era avvicinato ai reticolati, afferrandoli. Citato nella testimonianza di Domenico Raspini)[728]

ROELA (Capitano. Citato nella testimonianza di Orazio Locatelli)[729]

ROMAGNOLO Umberto[730]

ROMANO (Capitano Medico)[731]

ROMELLI Giuseppe (fuochista O., imbarcato sull’incrociatore Colleoni, affondato il 19/07/1940. Prigioniero a Yol nel campo 26, ala 3, rimpatriato il 29 giugno 1946)[732]

ROSAI[733]

ROSSANO Raffaele (Capomanipolo della MVSN, volontario del 1939, fatto prigioniero a Sid el Barrani e poi trasferito in India, rimpatriato con l’ultimo trasferimento in quanto Camicia Nera irriducibile, già citato al nominativo di Vezio Carobbi)[734]

ROSSI[735]

ROSSI[736]

ROSSI Ercole Sante (Capitano, nativo di Secugnago in provincia di Milano, ucciso dalle guardie britanniche a Yol il 21 aprile 1942 per avere cantato inni patriottici)

ROSSI Gualtiero (Marchigiano, citato nella testimonianza di Orazio Locatelli)[737]

ROSSI (Citato nella testimonianza di Orazio Locatelli ma da non confondersi con Gualtiero Rossi)[738]

ROSSI Italo

ROSSI Pietro (Tenente, nato a Petralia Sottana il 6 ottobre 1910. Catturato ad Alessandria d’Egitto, detenuto per cinque anni e sette mesi prima a Bangalore e poi a Yol nel Campo 28, ala 1, B7. Deceduto a Palermo il 2 maggio 1985)[739]

ROSTAGNO Carlo (piemontese, Colonnello di artiglieria, in seguito Comandante Generale della Guardia di Finanza dal 1954 al 1957)[740]

ROTA (Generale)[741]

ROTUNDO Giuseppe (nato ad Ascoli Satriano il 1° settembre 1912, deceduto a Foggia il 19 gennaio 2000, Tenente del Genio al seguito del XX Corpo d’Armata, catturato a Tobruk il 22 gennaio 1941, deportato in India e ritornato in Italia il 12 agosto 1946)[742]

ROUGIER Vittorio (nato a Zara il 24 dicembre 1918. Caporale del 203° Reggimento Artiglieria, catturato dagli Inglesi nel fatto d’armi di Bug l’11 dicembre 1940. Detenuto a Ceylon. Rimpatriato il 15 aprile 1946, deceduto nel 1963)[743]

ROVARO BRIZZI (Zaratino)[744]

ROVATI[745]

ROVATI Alessandro (Sottotenente, POW n. 107 campo 28. Forse coincide con il precedente)[746]

RUFFO DI CALABRIA (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[747]

RUGGIERO (Citato nella testimonianza di Orazio Locatelli)[748]

RUOCCO Alfonso (Nato il 1° maggio 1915, Tenente, detenuto a Yol fino al 1947)[749]

RUSCA Giuseppe[750]

RUSSO (Capitano)[751]

SABBATINI Paolo (Medaglia d’Oro al Valor Militare)[752]

SABBATICI (Medaglia d’Oro al Valor Militare, citato nel libro “La tua e la mia guerra” di Mario Tidei. Il fatto che sia Sabbatici che Sabbatini siano MOVM fa supporre che si possa trattare della stessa persona e che il cognome di uno dei due non sia scritto correttamente)

SCARONI[753]

SACCO Carmine (Infermiere scelto della Regia Marina, catturato in AOI dopo la battaglia di Cheren, trasportato in India con il piroscafo “Aronda”)[754]

SALA (Capitano)[755]

SALMIERI (Capitano)[756]

SALTAMARTINI Lido (ci ha lasciato interessanti fotografie del campo, realizzate con una macchinetta fotografica costruita artigianalmente)[757]

SALVATI Salvatore (Capitano, catturato il 19 maggio 1941, trasportato in 9 giorni a Khartoum, dopo un mese a Porto Sudan, poi a Bombay a bordo del piroscafo Neuralia, e infine al campo di prigionia di Bairagarh (Bhopal). Dopo otto mesi trasferito al “quinto gruppo campi” in Yol (Kangra Valley)[758]

SALVATORE Marino (Sottotenente)[759]

SALVIONI (Capitano)[760]

SANGIORGI Umberto (prigioniero a Yol)[761]

SANTAMARIANOVA Aldo (Sottotenente, detenuto dal settembre 1943 fino al gennaio 1947, POW N. 48956, nel Campo 25. Nato a Cingoli (MC) il 4 giugno 1918, comandante di Ascari in Etiopia fino alla cattura avvenuta nel 1942, deceduto il 28 gennaio 1972 col grado di Capitano. Dopo l’8 settembre 1943 rifiutò di aderire al governo Badoglio e divenne non collaborazionista. Rientrato via nave in Italia a Napoli nel gennaio 1947, per tutto il resto della sua vita rimase fedele al giuramento al Fascismo e membro del MSI, organizzando spesso riunioni di reduci dai campi di prigionia alleati)[762]

SANTANGELO Roberto (Capitano di Artiglieria, catturato in Africa Settentrionale nel 1941, detenuto a Yol in India nel campo 24 fino al 1943, poi trasferito negli USA presso San Francisco, rientrato in patria nel 1946. Nel dopoguerra Generale)[763]

SANTINI[764]

SANTOLI[765]

SAROLDI Giampaolo (Tenente Colonnello, POW n. 300694, campo 25)[766]

SARTORI (Sottotenente)[767]

SCAGLIONE[768]

SCAGLIONE Franco (Nato a Firenze il 26 settembre 1916, deceduto a Suvereto il 19 giugno 1993. Sottotenente del XXXI Genio Guastatori, venne catturato a sud di Tobruk, precisamente a El Duda il 24 dicembre 1941. Figlio di un Ufficiale medico del R.E., partì volontario chiedendo di essere assegnato al Genio Guastatori. Internato a Yol, rientrò in Italia il 26 dicembre del 1946, con l’ultima nave dall’India. Nel dopoguerra diventò un noto designer automobilistico. Vedere http://it.wikipedia.org/wiki/Franco_Scaglione )[769]

SCARDONI[770]

SCARDOSI (Sottotenente)[771]

SCARDUELLI Anselmo (Batteria cannoni d’accompagnamento da 65/17, 85° Reggimento della Divisione Sabratha, prigioniero a Yol, rimpatriato nel 1947) [772]

SCARONI[773]

SCHIUMA (Capitano, Professore, nel campo di Yol insegnava Storia della Filosofia. Citato nella testimonianza di Luciano Luciani. Citato anche nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.)[774]

SCHMID Carlo (detenuto nel campo 28 di Yol)[775]

SCHUMACHEN[776]

SCIALDONE Carmine[777]

SCIOTTO (Tenente)[778]

SCOGNAMIGLIO (Capitano)[779]

SCORZA (Tenente)[780]

SCOTO Antonino (figlio del farmacista di Valguarnera, Enna, detenuto a Yol)[781]

SCOTTI Giovanni (Tenente, ferito a Yol dalle guardie inglesi il 21 aprile 1942)[782]

SCOTTO[783]

SCRIMALI Ovidio (Tenente in spe di artiglieria, catturato a Bardia il 5 gennaio 1941 e detenuto a Yol nel Campo 25 degli irriducibili. Medaglia d’Argento al Valor Militare, ritornò in Italia nell’autunno del 1946 a bordo del piroscafo Tamaroa. Deceduto nel 1984)[784]

SEGUSO Angelo[785]

SENCINI Amedeo[786]

SERAFINI (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[787]

SERAFINI (potrebbe coincidere con il precedente. A Yol imparò l’inglese e fece il cameriere. Partecipò a qualche escursione alpinistica. Chiese di fare il contadino e fu inviato dapprima a Bangalore e successivamente in una fattoria presso Melbourne in Australia)[788]

SERVIDIO[789]

SEVERINI[790]

SIGNORE Pietro (nato il 24/08/1920, in San Pietro in Lama (Lecce), deceduto nel 1982) [791]

SIGNORINI Antonio[792]

SILVESTRI Francesco Eugenio (Capitano, congedato con il grado di Maggiore. Nato a Lecce il 28 settembre 1916. Al rientro dalla prigionia si laureò in Giurisprudenza e nel 1951 divenne avvocato, nel 1956 divenne patrocinante in Cassazione. Fu tra i fondatori del Movimento Sociale Italiano in Puglia, insieme ad Araldo di Crollalanza, già Ministro dei Lavori Pubblici durante il Fascismo. Dal 1958 è stato Consigliere Comunale a Bari, e diventò Capogruppo dopo l’abbandono del di Crollalanza. E’ stato un raffinato poeta (vincitore dei Premi Lecce e Campione), un ottimo giornalista (vinse il Premio Vanvitelli nel 1973) e Consigliere Nazionale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, da cui si dissociò fondando il Sindacato Liberi Scrittori Italiani insieme a Grisi e Bruni. E’ stato inoltre critico d’arte e mecenate, organizzando esposizioni nel Circolo Unione di Bari e sostenendo i pittori più giovani. Alla morte di Araldo di Crollalanza, si candidò come senatore ma risultò il primo dei non eletti. Successivamente abbandonò la vita politica per motivi di salute. Continuò la sua attività editoriale pubblicando (come editore) “Il Nuovo Confronto” e il bellissimo libro “Tempo d’Africa” in cui raccontava la sua esperienza di Ufficiale comandante di Ascari in Africa Orientale. Altri suoi libri sono stati l’edizione di lusso di “Voyage Pitoresque” tradotta dall’originale dell’Abate di Saint-Non, poi “Fortuna dei Viaggi in Puglia”, “Il canto galla” e “Immagine di me”, con delle bellissime poesie anche sulla sua prigionia. Morì il 14 agosto 1997, all’età di quasi ottantuno anni.)[793]

SIMONETTI[794]

SOLIMENE Francesco (Tenente pilota)[795]

SOMMADOSSI Carlo (Professore, da Brescia)[796]

SONETTI (Capitano)[797]

SORTINI Leonardo (classe 1917, catturato a Tobruk. Durante la prigionia scrisse a mano un messale, rilegandolo accuratamente. Rientrò in patria nel 1947 con il piroscafo “Napoli”)[798]

SOSO Ottorino (Sottocapo cannoniere originario di Lonigo, Vicenza, prigioniero in India dal 1940 al 1946, numero di matricola 17962)[799]

SOTTILE (Maggiore)[800]

SOZZANI (Colonnello)[801]

SPACCAPELI Bruno (Bersagliere, POW matricola 60397, detenuto a Bairagarh, Bhopal, rientrato in Italia l’11 agosto 1946 sul piroscafo Straithard, lo stesso di Benardelli.)[802]

SPAGNOLI Andrea (44° Reggimento Fanteria)[803]

SPAZIANI Cesare (Maggiore)[804]

SPELTA Luigi Edoardo (Sottotenente, nato a Cittiglio (VA) il 30 agosto 1921, deceduto il 4 dicembre 1965. Comandante del 1° Plotone, IV Compagnia, 23° Battaglione, 12° Reggimento Bersaglieri, Divisione Littorio, XX C.A. Durante la Battaglia di El Alamein, il 27 ottobre 1942 partecipa all’azione di Quota 28 e viene segnalato per la ricompensa al valore. Il 2 novembre 1942, gravemente ferito, viene soccorso dagli Inglesi e inviato all’ospedale dei Campi di prigionia n.308 e n.306 (Middle East Egypt). A fine novembre 1942 viene trasferito via mare in India e, dal dicembre 1942 ad aprile 1944, internato nel Campo 24 (Distretto di Dehradun) – Ospedale, Wing 5 e poi Wing 4. A Yol, giuntovi dopo un trasferimento di tre giorni in treno, a partire dai primi di maggio 1944 è assegnato all’ospedale del Campo N. 28, Wing 2. Numerosi gli interventi chirurgici subiti dall’inizio alla fine della prigionia, ma la penicillina inglese e la dieta ipercalorica somministratagli gli salvano la vita. Nel settembre 1944, riconosciuto gravemente ammalato in seguito a delibera della Commissione Medica Internazionale, lascia Yol per rimpatriare con un gruppo di invalidi. Impossibilitato a raggiungere la famiglia nel Nord Italia, rimane a Lecce fino al 1946, debilitato dalle ferite che continueranno a tormentarlo fino al prematuro decesso. Grande invalido, raggiunse il grado di Maggiore di complemento dei Bersaglieri per meriti di guerra. Morì amareggiato nel vedere sistematicamente trascurato, a causa del nome “politicamente sgradito” della sua Divisione (“Littorio”), il ricordo del sacrificio dei suoi compagni valorosamente caduti).[805]

SPERANZA (Capitano, interprete “maltese”)[806]

SPEZIALE (Maggiore medico di Marina, capo reparto dell’ospedale per prigionieri di guerra di Yol)[807]

SPINELLI (Capitano)[808]

SPIRONELLO (Tenente. Primo violino dell’orchestra dell’EIAR)[809]

SPOTTI Carlo (da Mantova)[810]

STEFANIA Gustavo (Ammiraglio, livornese, in seguito direttore di “Oto Melara”)

STEVENS Emilio[811]

STICCO Antonio[812]

STIVALA (Maltese, interprete)[813]

STORTI Arrigo (Sottotenente)[814]

STRIANO[815]

SUFFOLETTA Giuseppe (classe 1905, Camicia Nera del 131° Battaglione CC.NN. della Divisione Temeraria Arditi 28 Ottobre. Catturato in Africa Settentrionale il 4 gennaio 1941 dopo la battaglia di Bardia e deportato in India, internato al campo 25 di Bhopal. Rientrò in Italia il 13 novembre 1946)[816]

SUFFRITTI (Tenente, altoatesino, interprete e Ufficiale di collegamento con Rommel in Africa Settentrionale)[817]

SUMBERAZ Oscar (originario di Brescia)[818]

SURACE Domenico (nato a Reggio Calabria, frazione Terreti, il 2 maggio 1909, matricola 13150. Ha visto la terra africana per due volte: mobilitato nella 163a Legione Camice Nere “T. Gullì” di Reggio Calabria, il 1° maggio 1936 e successivamente, il 22 giugno 1936, nel 364° Battaglione di formazione mobilitato per esigenze Africa Orientale. Con decorrenza 23 giugno 1936, trasferito alla 164a Legione di Catanzaro, si ritrovò arruolato per esigenze A.O. ed assegnato al predetto 364° Battaglione. In data 03 luglio 1936 imbarcato da Messina per la colonia somala, dove giunse, sbarcando a Mogadiscio il 19 luglio 1936. Smobilitato in Colonia il 18 giugno 1937 e di nuovo assegnato alla 163a Legione di provenienza, rientrò dall’A.O.I. il 05 gennaio 1938. Il rientro a casa fu breve, perché già il giorno 11 gennaio 1938 fu di nuovo mobilitato, sempre per esigenze A.O.I., e trasferito alla 140a Legione di Salerno ed assegnato al 640° Battaglione CC.NN., legione “Aquila”. Il 24 gennaio 1938 si imbarcò a Napoli sul piroscafo “Umbria” e sbarcò a Massaua il 03 febbraio 1938. Passato poi effettivo al 164° Battaglione CC.NN. della Legione di Catanzaro, in data 31 maggio 1939. In base al foglio matricolare, cadde “prigioniero di guerra nel fatto d’armi dell’A.O.I. il 28 settembre 1941 nella battaglia di Uolchefit presso Tobruk, rientrando dalla prigionia il 19 febbraio 1947, presentandosi al centro alloggio di Fuorigrotta (NA). Nel 1970 gli fu conferita la Croce al Merito di Guerra. Morì nel 1987.[819]

TABEL (Colonnello)[820]

TACCHI (Sottotenente)[821]

TAGLIACARNE (Professore, fondatore dell’università del campo di Yol -insieme a Giulio Bruni Roccia- dove insegnava Statistica metodologica e Demografia dell’India. Citato nella testimonianza di Luciano Luciani)[822]

TAIBEL (Tenente)[823]

TALARICO Raffaele (fatto prigioniero il 26 settembre 1941 dalle truppe inglesi a Uolchefit a nord di Gondar, regione dell’Amhara, Etiopia. Il presidio di Uolchefit, composto da due Battaglioni di CC.NN. al comando del Ten. Col. Mario Gonella, affiancate da due “gruppi bande”, una delle quali era la leggendaria “banda Bastiani”, si arrese con l’onore delle armi solo dopo aver impedito per 165 giorni l’accerchiamento di Gondar. Il 7 ottobre 1941 Talarico venne imbarcato a Massaua, Eritrea sulla nave “Felix Roussel” e condotto a Bombay e poi a Yol. Da http://giuseppetalarico.wordpress.com/a-mio-padre/)[824]

TALOI Gustavo (Avvocato, nel campo di Yol insegnava Diritto commerciale)[825]

TALPO Oddone (Zaratino, Tenente dei Bersaglieri, storico e scrittore)[826]

TAMAGNONE Leopoldo[827]

TANZI Gastone (Nel dopoguerra autore del libro “Sette anni prigioniero di Sua Maestà britannica)[828]

TARANTA Amedeo (Tenente del Genio, Ufficiale postale del campo)[829]

TARANTINO Dante (nato a Napoli il 12 febbraio 1914, fatto prigioniero nel nord Africa all'inizio della guerra con il grado di Tenente, comandante di Ascari. Prigioniero a Yol nel campo 28. Rientrato a Napoli nell’aprile del 1946. Il 12 febbraio 2012 compie 98 anni)[830]

TARASCA Pardo Antonio (Centurione della Milizia. Nato a nato a Larino, Campobasso, il 29 agosto 1903. Medaglia d’Argento al VM, meritò anche altre decorazioni. Aveva partecipato da volontario a tutte le operazioni belliche dal 1920 in poi: Libia, Abissinia, Eritrea, Spagna e 2^ guerra mondiale. In Africa settentrionale venne ferito ad un ginocchio e preso prigioniero in zona Tobruk. Inizialmente detenuto in un campo di prigionia in Egitto, fu poi spedito al campo 25 di Yol, da cui evase tre volte arrivando una volta fin quasi a Bombay. Venne sempre ricatturato. Pochi anni dopo il rientro dalla prigionia fu riarruolato nell’Arma di Fanteria col grado di Capitano. In pensione riuscì a conseguire il grado di Generale di Brigata del Ruolo d’Onore. E’ venuto a mancare a Pesaro il 16 dicembre del 1994)[831]

TARQUINI[832]

TARTAGLIA Dante[833]

TERRIBILE Mario (regista teatrale, detenuto al Campo 25)[834]

TIBALDI Augusto[835]

TIGNOLA[836]

TILIACOS Nicola (Sottotenente del 10° Reggimento Granatieri di Savoia, catturato a Dengheziè, Etiopia, A.O.I. e detenuto a Bairagarh e a Clement Town nei campi 22 e 21. Prima del rimpatrio, avvenuto alla fine del 1945, venne trasferito nuovamente a Bhopal nel luglio 1944 nel campo 10, wing 1)[837]

TISCHER (Maggiore)[838]

TOCCI (Centurione della MVSN)[839]

TOMARELLI (citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[840]

TOMASSI (da Caserta. Capitano, detenuto al Campo 25 di Yol)[841]

TOMASSINI Oberdan (Dottore, direttore del Reparto neurologico dell’ospedale di Yol. Citato nella testimonianza di Domenico Raspini)[842]

TOMMASINI[843]

TONINI (Colonnello, MOVM)[844]

TONON Guglielmo (Capitano, prigioniero n. 48269, detenuto nel Campo 25 dei non collaborazionisti)[845]

TORDI Mario[846]

TORRACO Celestino (Capitano, catturato a Bardia nel gennaio 1941, detenuto a Yol nel Campo 25, rientrato in patria nel 1947)[847]

TORRI C.[848]

TOSCHI Elios (Capitano del Genio Navale, ideatore dei mezzi d’assalto della Xa Flottiglia MAS. Catturato al largo di Tobruk il 30 settembre 1940 in seguito all’affondamento del sommergibile “Gondar”. Fugge da Yol con Camillo Milesi, che ripara a Diu, e tenta il rimpatrio attraverso l’Himalaya ma viene catturato e riportato a Yol. Fugge una seconda volta e riesce a rifugiarsi a Goa. Nel 1968 scrive il libro “In fuga oltre l’Himalaya”, Edizioni “Il Borghese”).

TRAINI Lino (da Monsampolo del Tronto, Ascoli Piceno, effettivo al Battaglione Piceno, catturato a Bardia, Africa Settentrionale e detenuto a Yol, Campo 25, non cooperante. Rimpatriato nel novembre 1946)[849]

TRALLORI (Capitano di Corvetta)[850]

TRENTALANCE Giuseppe (Capitano, POW n. 300683)[851]

TREROTOLA Carlo (Capitano medico, direttore dell’Ospedale militare di Bairagarh)[852]

TREVALE (Tenente, ucciso a Bangalore il 10 novembre 1941)[853]

TREVISAN[854]

TRIFILETTI Ugo (Maresciallo, prigioniero matricola 1606, detenuto a Yol nel campo 16, seconda ala negli anni 1942 e 1943 e nel campo 15, sesta ala, nel 1944 e nel 1945)[855]

TRINCHERA Valentino (Tenente di artiglieria, detenuto a Yol)[856]

TRONTI W. (Tenente)[857]

TROTTA[858]

TUCCI Vito (da Napoli)[859]

TUERET (Tenente)[860]

TUFARELLI Nicola (da Mormanno, CS, Tenente dell’Esercito, fatto prigioniero a Gondar nell’autunno del 1941 e prigioniero in India fino al 1947)[861]

TUMIATI[862]

TURCO Mario (Tenente. Nel dopoguerra Generale)[863]

TURELLI (da Salò, già reduce dalla guerra di Spagna, detenuto nel Campo n. 25 dei non collaborazionisti)[864]

UGHI (Sottotenente)[865]

UGHI Alfonso (Tenente, detenuto al Campo 25, ritornò a Yol nel 1980)[866]

URBANO Ettore[867]

USAI (Tenente)[868]

VALENTI Valentino (da Pavia. Tenente, protagonista di impegnative ascensioni alpinistiche himalayane sulle montagne presso Yol. I resoconti tecnici delle ascensioni sono pubblicati nel libro “Alpinismo Italiano nel mondo” pubblicato dalla sede centrale del CAI nel 1951)[869]

VALENTINI (citato nella testimonianza di Domenico Raspini)[870]

VALENTINI[871]

VALIANI Giuseppe (da Pistoia, deceduto nel 2011 a 91 anni)

VARINI[872]

VARINI Bruno (professore e musicista, da Brescia. Fatto prigioniero il 5 gennaio 1941, il 14 febbraio arriva a Bombay, il 9 marzo a Bengalore e successivamente a Yol. Formò con altri prigionieri un’orchestra con cui ebbe anche il permesso di uscire dal campo)[873]

VASSALLO Michelangelo (da Milano. Protagonista di impegnative ascensioni alpinistiche himalayane sulle montagne presso Yol. I resoconti tecnici delle ascensioni sono pubblicati nel libro “Alpinismo Italiano nel mondo” pubblicato dalla sede centrale del CAI nel 1951)[874]

VENEZIANI Carlo[875]

VENEZIANI Ignazio (nato a Rosarno in Calabria il 17 gennaio 1913. L’11 maggio 1935 acquisisce il brevetto di pilota civile e il 30 maggio dello stesso anno quello di pilota militare. Il 16 ottobre 1935 si arruola volontario nei Battaglioni CC.NN. Universitari e l’8 dicembre assume il grado di Sottotenente di complemento dell’Arma aeronautica, ruolo naviganti. Diventa Sottotenente in SPE il 22 dicembre 1938. Viene poi assegnato all’Aeronautica dell’AOI e vi giunge con la consorte il 4 maggio 1940 sbarcando a Massaua e stabilendosi ad Asmara. Effettua varie missioni per trasporto materiale e azioni di guerra in Sudan e viene nominato Tenente l’11 marzo 1941. Il 6 aprile viene preso prigioniero dagli Inglesi all’aeroporto di Macallè e trasferito a Yol in India, mentre la moglie e il figlioletto di 6 mesi rientrano in Italia su una Nave Bianca. Dopo il rientro in patria diventa Capitano il 15 marzo 1947, Maggiore il 1° gennaio 1956, Tenente Colonnello il 31 dicembre 1957. Promosso Colonnello il 31 dicembre 1964, viene posto in Ausiliaria il 18 gennaio 1968. Si è spento a Roma nel grado di Generale il 14 maggio 1999. Le sue lettere alla moglie sono state pubblicate nel libro “La tua e la mia guerra, lettere da Campo Yol” di Mario Tidei, 2010 www.grauseditore.it)

VENIERI Luigi (nato a Cupra Marittima (AP) il 21 giugno 1908 deceduto a La Spezia il 29 agosto 1979. Il 10 novembre 1947 viene decorato, quale Tenente militarizzato, con Croce di guerra (Bollettino C.M.G. 112 rif. al R.D. 14/dicembre/1942 n° 1729, Decreto Interministeriale 10/giugno/1944 art. a). Perito tecnico diplomato presso il Convitto nazionale di Fermo. Frequenta ma non termina l’università in Svizzera. Svolge il servizio militare come Ufficiale di Artiglieria da montagna. Prime esperienze lavorative presso l’Arsenale Militare di Trieste. Partito volontario per l’Africa, viene impiegato quale civile militarizzato nella base sommergibili di Massaua con l’incarico di Capo Reparto. Quando la base cade in mano degli inglesi, viene fatto prigioniero. Durante la prigionia collabora nella costruzione di radio a galena. Finita la prigionia rientra in Italia via mare sbarcando a Napoli)[876]

VENTURA Gioacchino (ossolano, Ufficiale sommergibilista, catturato dopo l’affondamento del Regio Sommergibile “Perla” nelle acque fra Cipro e il Libano. Nel dopoguerra Cavaliere del Lavoro)[877]

VERGA Andrea (Tenente)[878]

VERGANI Giuseppe (catturato in Africa Orientale subito dopo la battaglia di Cheren, prigioniero in India prima a Bhopal e poi a Yol, da dove è tornato alla fine del 1946)[879]

VERRI (Colonnello)[880]

VETROMILE[881]

VEZZARO Gino[882]

VIALE Pio (Capitano, da Sanremo, ucciso dalle guardie britanniche il 21 aprile 1942 per avere cantato inni patriottici, Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria)

VIGILANTE [883]

VINCI (Capitano)[884]

VIRZI’[885]

VIA[886]

VIALE[887]

VITA (da Milano, detenuto a Yol, campi 25 e 28)[888]

VITALE[889]

VIZZONE Michele[890]

VOCI (Camicia Nera, ucciso il 5 agosto 1942 perché ritenuto responsabile di avere provocato disordini nel campo di Bengalore)[891]

VOLPAT Rodolfo (detenuto a Yol, geniale ideatore e costruttore dell’apparato clandestino “Radio fantasma”)[892]

VOLTOLINA Giovanni (Capitano, internato nel 1942 a Yol nel campo 27 ala 2 numero 177969)[893]

VUXANI Giorgio (nato a Zara, Sottotenente della 2^ Divisione Libica, 7° Battaglione Indigeni, catturato a Sidi El Barrani, in seguito Generale. Nel luglio 1945 sale su una vetta inviolata di 6.163 metri che chiama “Cima Italia”)[894]

WODEHOUSE Pelham[895]

WOLFGRUBER Rodolfo (nato nel 1914, Ufficiale delle Trasmissioni Alpine, nel dopoguerra Comandante delle Trasmissioni della RMNE, Regione Militare Nord-Est, vivente a Bassano del Grappa)[896]

ZACCARA[897]

ZAFFRI (Capitano di Fregata)[898]

ZAGLIO Giovanni (Capitano, rimpatriato nel 1946, poi preside di scuola media a Perugia)[899]

ZAMPI (Capitano)[900]

ZAMUTH (Capitano, interprete “maltese”)[901]

ZANETTI[902]

ZAPPALA’[903]

ZAPPALA’[904]

ZEIBO Alfio[905]

ZEMA Antonino (classe 1918, Ufficiale dell’Esercito, catturato in Africa settentrionale e deportato in India. Si è sempre rifiutato di collaborare in qualunque modo con gli Inglesi. E’ tornato in patria nel 1946 dimagrito e depresso. E’ deceduto nel 2003)[906]

ZINGARELLI Biagio (di Andria, nel dopoguerra commercialista nella sua città natale)[907]

ZINGARELLI Vittorio (abruzzese, Sottotenente di complemento del 2° Reggimento Bersaglieri, poi nel 43° Battaglione Coloniale. Catturato l’8 aprile 1941, internato a Yol nel campo 25 degli irriducibili. Nel dopoguerra autore di “Memorie di guerra e prigionia 1937-1946, storia di una generazione tradita e sconfitta”)[908]

ZITO (da Roma, citato nella testimonianza di Giacomo Picozzi)[909]

ZOPPI (Tenente di Vascello)[910]

ZORZIN (Capitano, catturato in Grecia, detenuto a Yol)[911]

ZUCCALA’[912]

 

[1] Segnalato online sul quotidiano “L’Occidentale” dal figlio Sergio l’8 luglio 2010. Nelle note seguenti il termine “online” ha lo stesso significato.

[2] Segnalato online dal figlio Romeo Adami il 12 marzo 2010.

[3] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli. Notizie integrate online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio e il 3 giugno 2012.

[4] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[5] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[6] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010. Notizie integrate online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[7] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[8] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[9] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[10] Segnalato online dal figlio Paolo il 1° giugno 2010

[11] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[12] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[13] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio. Notizie integrate online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[14] Segnalato online dalla figlia Maria Novella il 31 gennaio 2012.

[15] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio. Notizie integrate online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[16] Segnalato via e.mail dal figlio Santi il 30 marzo 2012.

[17] Segnalato online da Romeo Adami il 6 aprile 2010.

[18] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[19] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012)

[20] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[21] Segnalato online da Romeo Adami il 6 aprile 2010.

[22] Notizie fornite online da Dario Spaccapeli l’8 novembre 2011.

[23] Segnalato via e.mail dalla figlia il 10 gennaio 2011.

[24] Segnalato via e.mail il 19 febbraio 2011 da Andrea Bosetti. Notizie integrate online da Dario Spaccapeli il 3giugno 2012.

[25] Segnalato online il 1° febbraio 2011 da Alessandra Caldera.

[26] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[27] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[28] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[29] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[30] Segnalato online da Massimo Angelini il 6 dicembre 2010.

[31] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[32] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[33] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[34] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 3 giugno 2012.

[35] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[36] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[37] Un Antenucci (senza nome) è citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[38] Segnalato via e.mail da Valeria Cassola il 29 marzo 2010.

[39] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[40] Segnalato online da Fiorenza Gorio il 4 aprile 2010.

[41] Segnalato online dalla figlia Daniela il 2 maggio  e il 16 maggio2012.

[42] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio. Potrebbe coincidere con Nino Armuzzi.

[43] Segnalato da Giuseppe Calistro via e.mail il 31 luglio 2010.

[44] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[45] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[46] Segnalato via e.mail da Valeria Cassola il 29 marzo 2010.

[47] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[48] Segnalato online dal figlio Giovanni il 17 ottobre 2012.

[49] Segnalato online da Dario Spaccapeli, 5 febbraio 2012.

[50] Segnalato online da Romeo Adami il 6 aprile 2010.

[51] Segnalato online dal figlio Alessandro Baguzzi il 17 marzo 2010.

[52] Altre notizie su Augusto Baguzzi e sui suoi compagni di prigionia sono state segnalate online dal figlio Arnaldo il 17 marzo 2010)

[53] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[54] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[55] Segnalato online da dario Spaccapeli, 5 febbraio 2012.

[56] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[57] Segnalato online da Marco Valenti il 23 luglio 2010.

[58] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[59] Segnalato online dal figlio Enrico il 18 settembre 2011.

[60] Segnalato online il 1° febbraio 2010 dal nipote, Gabriele Barbera.

[61] Segnalato online dal figlio Sandro il 7 maggio 2011.

[62] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[63] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[64] Segnalato online dal nipote Sandro Censi il 30 aprile 2011.

[65] Segnalato online il 27 febbraio 2010 dal nipote Luca Sabatini.

[66] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[67] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[68] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[69] Segnalato il 16 dicembre 2010 via e.mail da Goffredo Pogliani.

[70] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[71] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[72] Citato nei libri di Vittorio Zingarelli, di Mainardo Benardelli e in “La tuia e la mia guerra” di Mario Tidei.

[73] Segnalato online il 22 settembre 2011.

[74] Segnalato online dal Dott. Arrigo Bertani il 18 novembre 2010. Nome e provenienza forniti online da Alessandra Caldera il 1° febbraio 2011.

[75] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[76] Segnalato online da Dario Spaccapeli l’8 novembre 2011.

[77] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[78] Citato, talvolta anche come Bellotti, nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[79] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[80] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[81] Segnalato online dal figlio Domenico l’8 giugno 2010.

[82] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010. Notizie integrate online dal figlio Roberto il 9 giugno 2012.

[83] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[84] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[85] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[86] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[87] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[88] Segnalato online dal figlio Giovanni il 7 marzo 2012.

[89] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio. Notizie integrate online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[90] Segnalato online da Cristian Bianchini il 9 giugno 2010.

[91] Segnalato online il 17 febbraio 2011 dal figlio Gian Luigi.

[92] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[93] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[94] Segnalato online dal Dott. Arrigo Bertani il 18 novembre 2010.

[95] Segnalato online il 30 gennaio 2010 da Sergio Corbello.

[96] Segnalato online dalla nipote Michela Mariani l’11 maggio 2011.

[97] Segnalato online da Antonella Giorio il 27 maggio 2012.

[98] Segnalato online dal nipote Giorgio il 6 marzo 2012.

[99] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[100] Segnalato via e.mail dal Sig. Giuseppe Serra il 26 aprile 2012.

[101] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[102] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[103] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[104] Segnalato online da Romeo Adami, 5 aprile 2010.

[105] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[106] Segnalato via e.mail dal figlio Antonio il 31 marzo 2012.

[107] Segnalato online da Diana l’8 aprile 2012.

[108] Segnalato il 14 febbraio 2010 online da Costante Donati Sarti.

[109] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[110] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[111] Segnalato online da Romeo Adami il 6 aprile 2010.

[112] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[113] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[114] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[115] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[116] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[117] Segnalato via e.mail da Rita Maria Galletti il 10 maggio 2012. Notizie integrate via e.mail dalla nipote Anna Bono il 13 maggio 2012.

[118] Segnalato online da Giorgio Manassero, da Pancalieri (TO), il 17 ottobre 2010.

[119] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[120] Segnalato via e.mail da Cristina Rougier il 24 agosto 2010.

[121] Segnalato online da Fulceri Bruni Roccia il 29 aprile 2012.

[122] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[123] Segnalato online da Anonimo il 3 marzo 2010.

[124] Segnalato online dal nipote Salvatore Cocuzza il 16 dicembre 2011 e il 6 gennaio 2012.

[125] Segnalato online dal figlio Andrea il 19 febbraio 2011.

[126] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[127] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[128] Notizie fornite dalla figlia Ezia.

[129] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[130] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[131] Segnalato online da Andreas Anrather il 20 giugno 2012.

[132] Segnalato online dalla figlia Silvia Ada l’11 luglio 2010.

[133] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[134] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[135] Segnalato online da Arnaldo Baguzzi il 20 luglio 2010.

[136] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[137] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[138] Segnalato online dal figlio Fulceri il 29 aprile 2012.

[139] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio. Notizie riportate online dal figlio Claudio il 6 gennaio 2012.

[140] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[141] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[142] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[143] Citato anche nel libro di Vittorio Zingarelli, in quello di Mainardo Benardelli e in “La tua e la mia guerra” di .Mario Tidei.

[144] Segnalato online da Bruno Caccavella il 22 settembre 2011.

[145] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[146] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[147] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[148] Segnalato online il 19 dicembre 2010 dal figlio Enzo Calabresi.

[149] Segnalato online dal Dott. Arrigo Bertani il 18 novembre 2010. Informazioni aggiuntive fornite online dalla nipote Alessandra Caldera il 1° febbraio 2011.

[150] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[151] Segnalato da Giuseppe Calistro via e.mail il 31 luglio 2010.

[152] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[153] Segnalato online da Gregorio Corigliano il 17 marzo 2012.

[154] Segnalato online dal figlio Roberto Calzà il 1° giugno 2011.

[155] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[156] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[157] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[158] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio. Potrebbe coincidere con Giovanni Campello.

[159] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[160] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[161] Segnalato online da Dario Spaccapeli, 5 febbraio 2012.

[162] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[163] Segnalato online il 3 febbraio 2010 dal figlio, Pierangelo Cangialosi.

[164] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[165] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[166] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[167] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[168] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[169] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[170] Si veda il sito http://www.anrp.it/associazione/organigramma/_cappuzzo.htm

[171] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[172] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[173] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012. Potrebbe coincidere con il Caprio di cui sopra.

[174] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[175] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[176] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[177] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[178] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[179] Segnalato online da Maria Stella Lelli il 3 gennaio 2012.

[180] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[181] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[182] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[183] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[184] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[185] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[186] Segnalato su Facebook il 18 febbraio 2010 da Carlo Ferri.

[187] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[188] Segnalato online il 22 giugno 2010 dalla nipote Anna Carotti.

[189] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[190] Segnalato online da Dario spacca peli, 5 febbraio 2012.

[191] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[192] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[193] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[194] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[195] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012. Potrebbe coincidere con il Casciotti di cui sopra.

[196] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[197] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[198] Segnalato via e.mail dalla figlia, Valeria Cassola, il 29 marzo 2010.

[199] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[200] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[201] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012. Notizie integrate online da Paul Karl Moeller il 6 marzo 2012.

[202] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[203] Segnalato il 2 febbraio 2010 via e.mail da Manfredi Marzano.

[204] Segnalato online il 17 luglio da Adriano.

[205] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[206] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[207] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[208] Segnalato online da dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[209] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[210] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[211] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[212] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[213] Segnalato online dal figlio Sandro il 30 aprile 2011.

[214] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[215] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[216] Segnalato via e.mail il 19 febbraio 2011 da Andrea Bosetti.

[217] Segnalato il 2 febbraio 2010 via e.mail da Manfredi Marzano.

[218] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[219] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[220] Segnalato online da Andrea Dominaci il 1° giugno 2010.

[221] Segnalato online da Arnaldo Baguzzi il 17 marzo 2010.

[222] Segnalato online dal figlio Silvio il 22 aprile 2010.

[223] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[224] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[225] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[226] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[227] Segnalato via e.mail da Valeria Cassola il 29 marzo 2010.

[228] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[229] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[230] Segnalato online da Alessandra Caldera il 1° febbraio 2011.

[231] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[232] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[233] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[234] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[235] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[236] Segnalato il 2 febbraio 2010 via e.mail da Manfredi Marzano.

[237] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[238] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[239] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[240] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[241] Segnalato online da Romeo Adami il 5 aprile 2010.

[242] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[243] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[244] Segnalato via Facebook il 30 gennaio 2010 da Arduino Cedaro.

[245] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[246] Segnalato online dal figlio Gregorio il 17 marzo 2012.

[247] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[248] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[249] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[250] Segnalato online dal figlio Bruno il 21 febbraio 2012.

[251] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[252] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[253] Segnalato online da Fiorenza Gorio il 4 aprile 2010.

[254] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[255] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[256] Segnalato il 16 dicembre 2010 via e.mail da Goffredo Pogliani.

[257] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[258] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[259] Segnalato online il 26 aprile 2011.

[260] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[261] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[262] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[263] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[264] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[265] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio. Detenuto nel Campo 25 degli aderenti alla RIF, Repubblica Italiana Fascista.

[266] Segnalato online dal figlio Pierlorenzo D’Amore il 26 aprile 2010.

[267] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[268] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[269] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[270] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[271] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio. Fratello di Pietro.

[272] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio. Fratello di Mario.

[273] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[274] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[275] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[276] Segnalazione anonima online il 13 aprile 2010.

[277] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[278] Segnalato online da Fulceri Bruni Roccia il 29 aprile 2012.

[279] Segnalato online dal nipote Diego De Cosa il 1° maggio 2010.

[280] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[281] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio, che era suo compagno di stanzetta. Luigi era fratello del Tenente Giuseppe De Franceschi, prigioniero degli Inglesi in Africa Orientale.

[282] Segnalato online dal figlio Vincenzo il 5 marzo 2012.

[283] Notizie fornite da Paolo Gulminelli.

[284] Segnalato il 16 dicembre 2010 via e.mail da Goffredo Pogliani.

[285] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[286] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[287] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[288] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[289] Segnalato via e.mail il 30 gennaio 2010 dal Gen. Flavio Zordan, che alla Scuola di Applicazione di Torino lo ha avuto come insegnante.

[290] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[291] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[292] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[293] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[294] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[295] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[296] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[297] Segnalato da Giuseppe Calistro via e.mail il 31 luglio 2010.

[298] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[299] Segnalato online da Giorgio Manassero, da Pancalieri (TO), il 17 ottobre 2010.

[300] Segnalato da Giuseppe Calistro via e.mail il 31 luglio 2010.

[301] Segnalato via e.mail il 19 febbraio 2011 da Andrea Bosetti.

[302] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[303] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[304] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[305] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[306] Segnalato il 2 febbraio 2010 via e.mail da Manfredi Marzano.

[307] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[308] Segnalato online dal figlio il 20 agosto 2011.

[309] Segnalato via web dal figlio Giovanni l’11 febbraio 2012.

[310] Segnalato online dal figlio Giuseppe il 28 gennaio 2012.

[311] Segnalato il 1° febbraio 2010 via e.mail da Gianmaria Spagnoletti.

[312] Segnalato online da Silvia Ada Branz l’11 luglio 2010.

[313] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio. Notizie integrate da Rita Marizza via e.mail il 7 febbraio 2011.

[314] Segnalato online da Pierluigi Pozzer il 20 gennaio 2012.

[315] Segnalato il 14 febbraio 2010 online da Costante Donati Sarti.

[316] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[317] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[318] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[319] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[320] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[321] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[322] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[323] Segnalato il 7 novembre 2010 via e.mail dalle figlie Luisa e Paola.

[324] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[325] Segnalato online da Riccardo il 22 febbraio 2012.

[326] Segnalato online il 20 aprile 2010 dal figlio Francesco.

[327] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[328] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[329] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[330] Segnalato online il 1° febbraio 2011 da Alessandra Caldera.

[331] Segnalato online il 15 giugno 2010 da Stefania Maurino.

[332] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[333] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[334] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[335] Segnalato online il 1° febbraio 2011 da Alessandra Caldera.

[336] Citato anche nei libri di Vittorio Zingarelli e di Mainardo Benardelli.

[337] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[338] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[339] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[340] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[341] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[342] Segnalazione anonima online il 13 aprile 2010.

[343] Segnalato via e.mail il 3 febbraio 2010 da Goffredo Pogliani.

[344] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[345] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[346] Segnalato online da Giorgio Manassero, da Pancalieri (TO), il 17 ottobre 2010.

[347] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[348] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[349] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[350] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[351] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[352] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[353] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[354] Segnalato via e.mail da Fredo Valla il 3 luglio 2012.

[355] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[356] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[357] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[358] Segnalato online il 9 giugno 2010 da Francesco Fiore.

[359] Segnalato online da Ettore Lomaglio Silvestri il 16 marzo 2012.

[360] Segnalato online il 5 gennaio 2012.

[361] Segnalato via e.mail da Valeria Cassola il 29 marzo 2010.

[362] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[363] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[364] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[365] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[366] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[367] Segnalato online dalla figlia Franca il 2 febbraio 2011.

[368] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[369] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[370] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[371] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[372] Segnalato online da Gianni Riotta il 2 giugno 2011.

[373] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[374] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[375] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[376] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[377] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[378] Segnalato via e.mail da Valeria Cassola il 29 marzo 2010.

[379] Segnalato online dalla figlia Rita Maria il 13 aprile 2010.

[380] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[381] Segnalato online da Giorgio Manassero, da Pancalieri (TO), il 17 ottobre 2010.

[382] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[383] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[384] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[385] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[386] Fonte: www.anrp.it/edizioni/rassegna/2009/set_nov/pag.26.pdf

[387] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[388] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli. Citato anche nei diari di Antonino Corigliano.

[389] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[390] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[391] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[392] Segnalato online il 14 marzo 2010 dalla figlia Geraldina.

[393] Segnalato via e.mail il 6 aprile 2010 dal figlio Rocco.

[394] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[395] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[396] Segnalato il 2 febbraio 2010 via e.mail da Manfredi Marzano.

[397] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[398] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[399] Segnalato via e.mail il 14 novembre 2010 dal sig. Giuseppe Calistro.

[400] Segnalato online dalla nipote Annalisa il 30 gennaio 2012.

[401] Segnalato online dalla figlia Cristiana il 29 maggio 2012.

[402] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[403] Segnalato online dalla figlia Eleonora il 13 luglio 2010.

[404] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[405] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[406] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012. Potrebbe coincidere con il Gherardi di cui sopra.

[407] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[408] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[409] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[410] Segnalato online da Dario Spaccapeli l’8 novembre 2011.

[411] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[412] Segnalato online da Bianca Manganaro il 24 febbraio 2010. Notizie confermate online dal nipote Andrea il 20 giugno 2012.

[413] Segnalato online da Bianca Manganaro il 24 febbraio 2010.

[414] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[415] Segnalato via e.mail dal figlio Rosario il 7 marzo 2011.

[416] Segnalato online l’8 agosto 2010 dal figlio, Mario Gioia.

[417] Segnalato online il 22 settembre 2011.

[418] Segnalato online dal figlio Carlo Alberto Giovanardi il 3 novembre 2011.

[419] Segnalato online dal nipote Alberto Girolami Tagliacozzi il 31 luglio 2011.

[420] Segnalato online dal figlio Alberto Girolami Tagliacozzi il 31 luglio 2011.

[421] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[422] Segnalato online il 1° febbraio 2011 da Alessandra Caldera.

[423] Segnalato online dal figlio Gaetano il 22 gennaio 2011.

[424] Segnalato il 17 febbraio 2010 da Ezia Bozzola. Testimonianza raccolta dal nipote di Mario Paone.

[425] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[426] Segnalato online dalla figlia Fiorenza Gorio il 4 aprile 2010.

[427] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[428] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[429] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[430] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[431] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[432] Segnalato online dal figlio Roberto l’11 novembre 2011.

[433] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[434] Segnalato online il 30 settembre 2011 dalla nipote Amelia.

[435] Segnalato online da Edoardo Grossi il 31 agosto 2011.

[436] Segnalato online dal figlio Antonio il 1° aprile 2010.

[437] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[438] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[439] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[440] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[441] Segnalato online da Bianca Manganaro l’8 marzo 2010.

[442] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[443] Segnalato online dalla figlia Maria Teresa il 17 maggio 2010.

[444] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[445] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[446] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[447] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[448] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[449] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[450] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[451] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[452] Segnalato via e.mail da Valeria Cassola il 29 marzo 2010.

[453] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[454] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[455] Segnalato online dal figlio Roberto l’11 maggio 2012.

[456] Segnalato online dal figlio Lorenzo il 27 marzo 2012.

[457] Segnalato via e.mail da Valeria Cassola il 29 marzo 2010.

[458] Segnalato via e.mail da Valeria Cassola il 29 marzo 2010.

[459] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[460] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[461] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[462] Segnalato online da Silvia Ada Branz l’11 luglio 2010.

[463] Segnalato via e.mail il 19 febbraio 2011 da Andrea Bosetti.

[464] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[465] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[466] Segnalato online dalla figlia Maria Stella il 3 gennaio 2012.

[467] Segnalato online da Fulceri Bruni Roccia il 29 aprile 2012.

[468] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[469] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[470] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[471] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[472] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[473] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[474] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[475] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[476] Segnalato via e.mail da Giuseppe Traini il 7 settembre 2010.

[477] Segnalato il 2 febbraio 2010 via e.mail da Manfredi Marzano.

[478] Segnalato online da Massimo Angelini il 6 dicembre 2010.

[479] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[480] Segnalato online dal nipote Michele il 12 luglio 2011.

[481] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[482] Segnalato online dal nipote Gianni Frilli il 28 novembre 2011.

[483] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[484] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[485] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[486] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[487] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[488] Segnalato online dal Dott. Arrigo Bertani il 18 novembre 2010.

[489] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[490] Segnalato via e.mail dall’Ammiraglio Ferdinando Sanfelice di Monteforte il 17 ottobre 2012.

[491] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[492] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[493] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[494] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[495] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[496] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[497] Segnalato online da Eleonora Genovesi il 7 agosto 2010.

[498] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[499] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[500] Segnalato il 16 dicembre 2010 via e.mail da Goffredo Pogliani.

[501] Segnalato online da Rosario Carlo Noto La Diega il 1° febbraio 2012.

[502] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[503] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[504] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[505] Segnalato online da Pierluigi Pozzer il 20 gennaio 2012.

[506] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[507] Segnalato online da Giorgio Manassero, da Pancalieri (TO), il 17 ottobre 2010.

[508] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[509] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[510] Segnalato online dalla figlia Bianca Manganaro il 24 febbraio 2010.

[511] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[512] Confermato online da Silvia Ada Branz l’11 luglio 2010.

[513] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[514] Segnalato online dal figlio Marco il 21 dicembre 2010.

[515] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[516] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[517] Segnalato via e.mail 1l 15 settembre 2010 da Massimo Massoni.

[518] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[519] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[520] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[521] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[522] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[523] Segnalato online dal figlio Filippo il 22 ottobre 2011.

[524] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[525] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[526] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[527] Segnalato online da Arnaldo Baguzzi il 17 marzo 2010.

[528] Segnalato online dal figlio Dario il 20 giugno 2011.

[529] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[530] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[531] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[532] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[533] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012. Potrebbe coincidere con il Marone di cui sopra.

[534] Segnalato online dalla figlia Gioia Marotta il 4 gennaio 2011.

[535] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio. Talvolta citato anche come Marrana.

[536] Segnalato online dal nipote Sergio il 17 maggio 2011.

[537] Segnalato via e.mail da Valeria Cassola il 29 marzo 2010.

[538] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[539] Anche la signora Orietta Varini Frick, via mail il 1° aprile 2010, conferma il nominativo Martinelli M. da Bergamo.

[540] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[541] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[542] Segnalato online dal figlio Marco il 23 aprile 2012.

[543] Segnalato online da Rosario Carlo Noto La Diega il 1° febbraio 2012.

[544] Un Martinoni (senza nome) è citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[545] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[546] Segnalato via e.mail dal figlio, Manfredi Marzano, il 30 gennaio 2010.

[547] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[548] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[549] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[550] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[551] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[552] Segnalato via e.mail dal figlio Massimo il 15 settembre 2010.

[553] Segnalato via e.mail dal Sig. Giuseppe Serra il 24 aprile 2012.

[554] Segnalato online dal figlio l’8 ottobre 2011.

[555] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[556] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[557] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[558] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[559] Segnalato via e.mail dalla nipote Maria Letizia Matricardi l’8 gennaio 2011.

[560] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[561] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[562] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[563] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[564] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[565] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[566] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[567] Segnalato online dal figlio Umberto Mazzone il 26 novembre 2010.

[568] Segnalato online dal figlio Paolo il 21 febbraio e il 13 aprile 2012.

[569] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[570] Segnalato online da Giorgio Manassero, da Pancalieri (TO), il 17 ottobre 2010.

[571] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[572] Segnalato online da Alessandra Caldera il 1° febbraio 2011. Notizie integrate online dal figlio Giuseppe il 28 gennaio 2012.

[573] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[574] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[575] Segnalato online dal figlio Marco il 17 maggio 2010.

[576] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[577] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[578] Segnalato online da Arnaldo Baguzzi il 17 marzo 2010.

[579] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[580] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[581] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[582] Segnalato online da Romeo Adami il 6 aprile 2010, che conferma la citazione nelle memorie di Frà Ginepro.

[583] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[584] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[585] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[586] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[587] Segnalato online dal figlio il 22 settembre 2011.

[588] Segnalato via e.mail da Fredo Valla il 3 luglio 2012.

[589] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[590] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[591] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[592] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[593] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[594] Segnalato online da Giorgio Manassero, da Pancalieri (TO), il 17 ottobre 2010.

[595] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[596] Segnalato via e.mail da Manfredi Marzano il 30 gennaio 2010.

[597] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[598] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[599] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[600] Segnalato online da Anonimo il 3 marzo 2010.

[601] Segnalato online da Anonimo il 3 marzo 2010.

[602] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[603] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[604] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[605] Segnalato online da Fiorenza Gorio il 4 aprile 2010.

[606] Segnalato online da mm l’1 febbraio 2011.

[607] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[608] Segnalato online dalla figlia Stefania il 15 giugno 2010.

[609] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[610] Segnalazione anonima online il 13 aprile 2010.

[611] Segnalato il 2 febbraio 2010 via e.mail da Manfredi Marzano.

[612] Segnalato online dal figlio Antonio il 12 luglio 2010.

[613] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[614] Citato nei libri di Vittorio Zingarelli e di Mainardo Benardelli e anche nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[615] Segnalato online da Dario Naselli il 29 settembre 2010.

[616] Già risultante nell’elenco iniziale, confermato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[617] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[618] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[619] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[620] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010. Citato anche nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[621] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli. Citato anche nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[622] Segnalato il 2 febbraio 2010 via e.mail da Manfredi Marzano.

[623] Segnalato via e.mail il 7 giugno 2010 dal figlio Alberto, profugo d'Africa con la “nave bianca” Saturnia nel luglio del 1943, insieme alla madre ed ai due fratelli più grandi, Giuseppe e Guido.

[624] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[625] Segnalato online da Gregorio Corigliano il 17 marzo 2012.

[626] Segnalato online dal figlio Rosario Carlo il 1° febbraio 2012.

[627] Notizie integrate online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[628] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[629] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[630] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[631] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[632] Segnalato online da Alessandra Caldera il 1° febbraio 2011.

[633] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[634] Segnalato online dal figlio, Generale C.A. Sergio Onnis, il 17 ottobre 2011.

[635] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[636] Segnalato online il 5 marzo 2010 dalla nuora Simonetta.

[637] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[638] Segnalato online il 26 gennaio 2011 dalla nipote Renata Sangiorgi.

[639] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[640] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[641] Segnalato via e.mail dalla figlia Maria Antonietta Paduano il 3 agosto 2010.

[642] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[643] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[644] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[645] Segnalato il 17 febbraio 2010 da Ezia Bozzola. Testimonianza raccolta dal nipote di Mario Paone.

[646] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[647] Segnalato online da Dario Naselli il 29 settembre 2010.

[648] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[649] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[650] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[651] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[652] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[653] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[654] Segnalato via e.mail il 3 febbraio 2010 da Goffredo Pogliani.

[655] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[656] Segnalato online il 1° febbraio 2011 da Alessandra Caldera.

[657] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[658] Segnalato via e.mail da Valeria Cassola il 29 marzo 2010. Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[659] Segnalato online da Romeo Adami il 6 aprile 2010. Notizie integrate online da dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[660] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[661] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[662] Segnalato su Facebook il 23 febbraio 2012 dal figlio Gianfranco.

[663] Segnalato online dal nipote il 29 settembre 2011.

[664] Segnalato online da Bianca Manganaro il 24 febbraio 2010.

[665] Segnalato online da Dario Naselli il 29 settembre 2010.

[666] Segnalato online dal figlio Mario il 17 luglio 2011.

[667] Segnalato online dal figlio Pino il 25 maggio 2010.

[668] Segnalato online dalla nipote Rosaria Parisi il 26 agosto 2011.

[669] Nel libro di Vittorio Zingarelli si parla di un Petroncini romagnolo, Capomanipolo della MVSN, rinchiuso nel Campo 25 degli irriducibili, ucciso in un tentativo di fuga.

[670] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[671] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[672] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[673] Segnalato il 16 dicembre 2010 via e.mail da Goffredo Pogliani.

[674] Segnalato da Giuseppe Calistro via e.mail il 31 luglio 2010.

[675] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[676] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[677] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[678] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[679] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[680] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[681] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[682] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[683] Segnalato via e.mail dal genero sig. Vittorio Macchitella il 27 dicembre 2010.

[684] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[685] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[686] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[687] Segnalato via e.mail da Valeria Cassola il 29 marzo 2010.

[688] Segnalato online il 4 febbraio 2010 dal figlio, il Generale Alessandro Pompegnani.

[689] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[690] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[691] Segnalato online da Dario Naselli il 29 settembre 2010.

[692] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[693] Segnalato online dal figlio Pierluigi il 20 gennaio 2012.

[694] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[695] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[696] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[697] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[698] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[699] Segnalato online da Franco Diella il 28 giugno 2012.

[700] Segnalato online da Gregorio Corigliano il 17 marzo 2012.

[701] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[702] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[703] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[704] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[705] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[706] Segnalato online da Bianca Manganaro il 24 febbraio 2010.

[707] Segnalato online da Bianca Manganaro il 24 febbraio 2010.

[708] Segnalato online dal nipote l’8 dicembre 2011.

[709] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[710] Segnalato online dalla figlia Vanna il 17 maggio 2010.

[711] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[712] Segnalato via e.mail da Maria Antonietta Paduano il 3 agosto 2010.

[713] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio, anche come Regano.

[714] Segnalato via e.mail da Valeria Cassola il 29 marzo 2010.

[715] Segnalato via e.mail dal figlio Vittorio il 14 giugno 2010.

[716] Citato nel libro di Pietro Cappellari “I Legionari di Nettunia”, Herald Editore 2009.

[717] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[718] Segnalato online da Arnaldo Baguzzi il 17 marzo 2010.

[719] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[720] Segnalato il 2 febbraio 2010 via e.mail da Manfredi Marzano.

[721] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[722] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[723] Segnalato via e.mail da Carlo Balestra il 10 luglio 2012.

[724] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[725] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[726] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[727] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[728] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[729] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[730] Segnalato online dalla figlia Mariagiulia il 26 luglio 2011.

[731] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[732] Segnalato online dalla nipote Ilaria Dall’Era il 7 luglio 2011 e il 13 dicembre 2011.

[733] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[734] Citato online dal nipote Giuseppe il 5 dicembre 2011.

[735]Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012. 

[736] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[737] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[738] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[739] Segnalato via e.mail dal figlio Antonio l’8 febbraio 2011.

[740] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[741] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[742] Segnalato online dal figlio Leo il 1° novembre 2011.

[743] Segnalato via e.mail da Cristina Rougier il 24 agosto 2010.

[744] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[745] Segnalato online dal Dott. Arrigo Bertani il 18 novembre 2010.

[746] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[747] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[748] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[749] Segnalato online dal figlio Anselmo il 20 novembre 2011.

[750] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[751] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[752] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[753] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[754] Segnalato il 16 dicembre 2010 via e.mail da Goffredo Pogliani.

[755] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[756] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[757] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[758] Segnalato online il 16 febbraio 2012.

[759] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[760] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[761] Segnalato online dalla figlia Renata il 26 gennaio 2011.

[762] Segnalato online dal figlio Paolo il 16 aprile 2012.

[763] Segnalato dal figlio Giuseppe.

[764] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[765] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[766] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[767] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[768] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[769] Segnalato online da Dario Spaccapeli l’8 novembre 2011.

[770] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[771] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[772] Segnalato online il 25 febbraio 2010 dal nipote Cristian Bianchini.

[773] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[774] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[775] Segnalato online da Dario Naselli il 29 settembre 2010.

[776] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[777] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[778] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[779] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[780] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[781] Segnalato online da Bianca Manganaro l’8 marzo 2010.

[782] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[783] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[784] Segnalato online dalla figlia Sandra Scrimali l’11 novembre 2010

[785] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[786] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[787] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[788] Segnalato via e.mail da Fredo Valla il 3 luglio 2012.

[789] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[790] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[791] Segnalato online dalla figlia Lucia il 7 febbraio 2010.

[792] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[793] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio con il solo grado e cognome. Notizie integrate online dal figlio Ettore Lomaglio Silvestri il 16 marzo 2012.

[794] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[795] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[796] Segnalato online da Arnaldo Baguzzi il 17 marzo 2010.

[797] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[798] Segnalato online dal figlio Franco il 6 febbraio 2012.

[799] Segnalato su Facebook dal genero Gordon B. Davis il 23 febbraio 2012.

[800] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[801] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[802] Segnalato online dal figlio Dario il 18 gennaio 2011.

[803] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[804] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[805] Segnalato online dal figlio Giulio il 31 ottobre 2011.

[806] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[807] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[808] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[809] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[810] Segnalato online da Arnaldo Baguzzi il 19 luglio 2010.

[811] Citato, anche come Stewens, nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli. Il nome proprio Emilio è stato segnalato online da Dario Naselli il 29 settembre 2010.

[812] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[813] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[814] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[815] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[816] Segnalato via e.mail dal figlio Raffaele il 21 maggio 2010).

[817] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[818] Segnalato online da Franco Sortini il 6 febbraio 2012.

[819] Segnalato online dal nipote Domenico il 1° novembre 2011. Notizie integrate online il 7 maggio 2012.

[820] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[821] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[822] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[823] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[824] Segnalato online da Dario Spaccapeli l’8 novembre 2011.

[825] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[826] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli. Citato anche nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[827] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[828] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[829] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[830] Segnalato online dalla figlia Giovanna il 10 gennaio 2012.

[831] Segnalato online dal figlio Luigi il 17 ottobre 2012.

[832] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[833] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[834] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[835] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[836] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[837] Segnalato online da Dario Spaccapeli l’8 novembre 2011.

[838] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[839] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[840] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[841] Segnalato il 17 febbraio 2010 da Ezia Bozzola. Testimonianza raccolta dal nipote di Mario Paone.

[842] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[843] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[844] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[845] Segnalato online da Antonella Tonon il 13 ottobre 2011.

[846] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[847] Segnalato via e.mail dal nipote Fabrizio il 9 novembre 2010.

[848] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[849] Segnalato via e.mail dal figlio Giuseppe il 7 settembre 2010.

[850] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[851] Segnalato online da Dario Spaccapeli il 5 febbraio 2012.

[852] Segnalato via e.mail da Maria Antonietta Paduano il 3 agosto 2010.

[853] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[854] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[855] Segnalato online da Paul Karl Moeller il 6 marzo 2012.

[856][856] Segnalato online dal figlio Giacomo il 12 giugno 2012.

[857] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[858] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[859] Segnalato da Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[860] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[861] Segnalato online dalla nipote Nicoletta il 14 giugno 2011.

[862] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[863] Segnalato il 13 febbraio 2010 via e.mail da Giorgio Martini.

[864] Segnalato online da Alessandra Caldera il 1° febbraio 2011.

[865] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio, potrebbe coincidere con Alfonso Ughi.

[866] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[867] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[868] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[869] Segnalato online dal figlio Marco il 23 luglio 2010.

[870] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[871] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[872] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012. Può coincidere con Varini Bruno.

[873] Segnalato dalla figlia Orietta Varini Frick via e.mail il 1° aprile 2010.

[874] Segnalato online da Marco Valenti il 23 luglio 2010.

[875] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[876] Notizie fornite via e.mail dal figlio Veniero il 19 settembre 2012.

[877] Segnalato su Facebook da Marco Farè il 22 febbraio 2010)

[878] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[879] Segnalato online dal figlio Daniele il 29 maggio 2012.

[880] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[881] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[882] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[883] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[884] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[885] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[886] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[887] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[888] Segnalato via e.mail da Valeria Cassola il 29 marzo 2010.

[889] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[890] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[891] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[892] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[893] Segnalato online dalla figlia Concetta il 20 aprile 2011.

[894] Nominativo inserito nel primo elenco fornito all’Autore da Fredo Valla nel 1995.

[895] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[896] Segnalato il 2 febbraio 2010 via e.mail da Goffredo Pogliani.

[897] Segnalato online dal Dott. Arrigo Bertani il 18 novembre 2010.

[898] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[899] Segnalato via e.mail da Rita Maria Galletti il 9 maggio 2012.

[900] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[901] Citato nel libro “Yol, prigioniero in Himalaya” di Mainardo Benardelli.

[902] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[903] Segnalato online il 1° febbraio 2011 da Alessandra Caldera.

[904] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012. Potrebbe coincidere con lo Zappalà di cui sopra.

[905] Citato nei diari di Antonino Corigliano. Segnalato via e.mail da Gregorio Corigliano il 5 maggio 2012.

[906] Segnalato online dal nipote il 23 aprile 2011.

[907] Citato nel libro di Vittorio Zingarelli.

[908] Segnalato via e.mail da Raffaele Suffoletta il 21 maggio 2010.

[909] Segnalato via e.mail da Patrizia Marchesini il 16 febbraio 2010.

[910] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[911] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

[912] Citato nel diario del Capitano Cesare V. Poesio.

Elenco aggiornato al 18 ottobre 2012

Commenti

E' un lavoro che da' il giusto riconoscimento a tanti dei nostri valorosi combattenti che hanno servito la patria

DONATI SARTI ANDREA Sottotenente Bersaglieri catturato a Tobruk il 21/01/1941 Medaglia Argento
Deceduto il 27/7/1983

BISACCIONI MARIO

Desidero aggiungere all'elenco dei prigionieri nel campo 25, il nome di mio padre, Sottotenente Ing Manganaro Sante, siciliano di Valguarnera, proveniente dal Campo 19 e preso prigioniero ad Addis Abeba( Etiopia), dove aveva un'impresa di costruzioni per conto dell'Italia.
Aggiungo anche i Baroni Giaconìa(padre e figlio) di Catania, e i fratelli Rapisarda Nello e Mimì.
C'era inoltre il marittimo Alfredo Pennisi, anche lui di Catania, che era marito di Luisa Billotta

Vorrei segnalare il nominativo di mio nonno, prigioniero fino al 1947 nel Campo di Yol:
Scarduelli Anselmo, batteria cannoni d'accompagnamento 65/17, 85° Rgt. della Divisione Sabratha.
Complimenti per la vostra splendida iniziativa. Mi piacerebbe molto trovare qualche compagno di mio nonno (o qualche loro discendente)

Vorrei segnalare mio Nonno Baronti Angelo soldato semplice di Empoli, catturato a Tobruk dove lavorara come meccanico in una officina, portato al campo di concentramento in Egitto dove perse la vista per la fame ed i maltrattamenti degli Inglesi, poi deportato in India a Yol e da li ancora deportato in Inghilterra per lavorare come manovale in una fattoria ritornato solo nel 47' in Italia. sua moglie lo ha aspettato per 6 anni con speranza senza saperne le sorti.
Grazie per questo Vostro lavoro.
Luca Sabatini

Chiedo se qualcuno ha conoscenza del luogo di prigionia di mio zio BERNARDI Leonida Mario tenente colonnello dell'aeronautica catturato da reparti inglesi a Capo Bon (Tunisia) il 15 maggio 1943 e rimpatriato a Napoli l'8 ottobre 1945. Grazie per l'interessamento!

Il mio suggerimento è di rivolgersi al distretto militare del luogo di nascita di Suo zio. Potrà trovare indicazioni utili sul sito www.esercito.difesa.it dove risultano indirizzi, giorni e orari di apertura, numeri di telefono e di fax di tutti i distretti militari. Spero veramente che le Sue ricerche abbiano successo.

1) tenente Bortolini Innocente Domenico (matricola 38951 - nato a Miane (TV) il 24/4/1912 - ex aiutante maggiore nell'XI battaglione della 42^ brigata coloniale in Eritrea - catturato dagli inglesi il 3/4/1941 a L'Asmara ed internato nel campo nr. 28 di Yol);

2) soldato Morona Giovanni Mosé di Giacomo (nato a Miane (TV) il 24/11/1894 - truppe coloniali in AOI - muore nel campo di prigionia di Dehra Dun il 3/7/1945 per bronco-polmonite);

3) soldato Morona Giovanni di Angelo (matricola 56795 - nato a Miane (TV) il 17/9/1915 - fatto prigioniero dagli inglesi e portato in India - disperso il 13/7/1945);

Vorrei segnalare il nominativo di mio nsuocero, Rag. MARIO ORLANDI, nato a Massa Carrara; prigioniero fino al 1947 nel Campo di Yol: fu preso prigioniero il 15 novembre 1940 sul fronte greco-albanese.
Complimenti per la vostra importante iniziativa. Mi piacerebbe molto trovare qualche suo compagno di prigionia (o qualche loro discendente)

Altri nominativi che ho ritrovato nella fitta corrispondenza in mio possesso, che mio padre, ing .Manganaro Sante, matricola n°1749, mandava da Yol:
-Scoto Antonino ( figlio del farmacista di Valguarnera- Enna)
-Incardona ( veterinario, della stessa località).
Grazie a questa finestra sul capitolo YOL, ho ricavato notizie a me finora sconosciute.
Chissà se esistono le foto di Saltamartini e dove potrei trovarle?
Bianca Valeria Manganaro

Il libro di Saltamartini si può ottenere qui:
http://erewhon.ticonuno.it/riv/storia/yol/prigionia.htm

Vi segnalo che mio padre Roberto Adami all'epoca sottotenente di Artiglieria da campagna fu catturato presso Tobruk nel 1941 e internato(POW 146199)a Yol fino al dicembre 1946. Rientrò in Italia con la nave 'Tamaroa'.
ho un disegno di Enzo Benedetto che ritrae il Tamaroa simile a quello pubblicato nel libro di L. Fazi 'La Repubblica Fascista dell'Himalaya'

Per tutti coloro che - come la signora Manganaro - fossero interessati al libro citato dal Generale Marizza nell'articolo sui diecimila Italiani prigionieri in India: edito nel 1997 da Humana Press, al momento non risulta disponibile in nessuno dei siti di vendita libri on-line. Neppure una ricerca su www.marelibrorum.com (specializzato in edizioni pressoché introvabili) ha dato un risultato, né ho trovato sulle pagine bianche/gialle on line un recapito per le edizioni Humana Press. Però, dalle pagine bianche è saltato fuori un signor Lido Saltamartini. Non so se si tratti proprio del'autore o di un'omonimia. Però spesso agli autori rimangono alcune copie dei volumi da essi scritti. Fossi in Bianca, un tentativo telefonico lo farei.

Ho trovato un sito. Come segnalato dal Generale Marizza, Lido Saltamartini nel 1996 creò una fondazione a favore dei bambini sordo-ciechi, nell'intento di ricordare la sua esperienza e i compagni di prigionia. Ed è proprio tramite tale fondazione che si può ordinare il libro. Di seguito ne incollo i recapiti.

Lido Saltamartini
c/o "10.000 in Himalaya"
via Petrarca 8 - 20123 Milano
Tel. 02. 4801.1719
Fax 02.481.2556
Usare di preferenza l'e-mail:
associazione.himalaya@yahoo.com

Vorrei segnalare il nominativo di mio padre BAGUZZI geom. Augusto (n. 20/03/1917 - † 24/12/1990), di Asola (Mn), sottotenente di artiglieria, catturato il 4 gennaio 1941 presso la Ridotta Capuzzo (Egitto) da un reparto d'assalto australiano e prigioniero a Yol fino a novembre 1946.
Inoltre, ricordo alcuni nomi di compagni di prigionia di mio padre da lui spesso nominati e con i quali mantenne contatti fino agli anni Settanta. Sono: Franco Rho di Milano, Guido Chiari maestro di Bozzolo (Mn), Prof. Carlo Sommadossi di Brescia, Mario Michelotto maestro di Mantova, Armando Marini di Castiglione delle Stiviere, fratello del celebre pilota di aerosiluranti Marino Marini che fu il primo a bombardare il porto di Gibilterra.

Complimenti vivissimi a chi ha avuto l'idea di ricordare questi soldati, magari più fortunati di altri che non hanno fatto ritorno a casa, ma che comunque hanno sacrificato i più begli anni della loro vita in nome di un ideale (giusto o sbagliato che fosse).

Grazie Patrizia per le sollecite informazioni. Ho invano telefonato all'associazione in Via Petrarca. Mio figlio andrà personalmente la prossima settimana.
Ho anche lasciato un messaggio alla segreteria della Signora Morea, autrice di "Prisoner of war". Adesso proverò con la mail da te segnalata. Grazie di cuore anche a questo spazio che dà vita a fantasmi di cui avevo solo una vaghissima idea, visto il silenzio dentro il quale mio padre ha avvolto per sempre questa umiliazione. Bianca Manganaro

anche mio padre,Varini Bruno,fu fatto prigioniero in Libia e portato in India nel 1941
Era professore e musicista e formo' un orchestra con cui ottenne anche il permesso di uscire dal campo.ho un elenco di molti suoi compagni di prigionia con cui,tornato in Italia,ha continuato ad incontrarsi per molti anni,con le rispettive famiglie

Chiedo ad Orietta Varini Frik
se, per caso, fra i nominativi in suo possesso c'è quello di mio padre, Manganaro Sante rinchiuso nel campo 25 fino all'Aprile 1944 quando fu spostato nel campo 28. Grazie a chiunque possa darmi qualche notizia o contatto.

Vorrei segnalare il nominativo di mio padre Sottotenente Ing.Federico Gorio, facente parte della Compagnia mista Genio, appartente alla I Divisione libica, comandata dal Generale Gallina. Catturato dalle FF.AA. inglesi l’11 dicembre 1940 a Uadi Maktila (30 Km ad est da Sidi El Barrani) fu trasferito dapprima a Ramgarh (Bihar), successivamente fu spostato a YOL da dove fu rimpatriato il 29 novembre 1946. In quel clima psicologico inizia una dolorosa esperienza personale che ha segnato inesorabilmente il suo cammino ma che non ha mai piegato il suo attivismo intellettuale e creativo.
Segnalo inoltre i nominativi di altri suoi compagni di studio e di prigionia sui quali vi invierò notizie: Ing.Aldo Arcangeli,.Arch.Tonino Costabile, Ing.Francesco Mosillo.

Potreste aggiungere anche il nominativo di mio padre, Dario Guarnotta, sottotenente del 1° Articelere, catturato a El Alamein e trattenuto a Yol fino al 1946 dove fece anche da padrino ad una bimba indiana di religione cattolica alla quale venne dato il nome di sua mamma Teresa.
Grazie

Segnalo Gabriele Bigonzoni,carrista internato a YOL e autore di Ex uomini. Roma 1956.
Fra Ginepro, autore di 'Guerra e prigionia' anch'egli a YOL fino al '43 e rimpatriato x motivi di salute. Nei testi sono citati altri POW...sto preparando una lista.

Fra' Ginepro, deceduto nel 1962 era, al secolo, Antonio Conio da Pompeiana. nelle sue memorie sono citati quali fuggitivi che arrivarono a Goa: Bocca, Anastasi, Milesi, Pela', Gia, Anderlini, Da Dario, Bafundi

Desidero segnalare il nome di mio padre,sten. GALLETTI FRANCESCO, combattente nella zona di Gondar e catturato ad Adigrat(AOI)nel'41.Detenuto a Ramgarth e a Yol,camp 26,1b wing, si industriò con la produzione di bottoni dipinti su bachelite.

vorrei segnalare che Gualtiero Bernardinelli è in realtà Gualtiero BERNARDELLI,le cui lettere sono pubblicate dal figlio Mainardo in "YOL.Prigioniero in Himalaya", con pagine dei diari di Giovanni Mussio,Giacinto Ferrero,Luciano Davanzo

aggiungo anche il nome di mio nonno, Alcide Faccini (1898-1964), al tempo capitano (bers. cpl.) dell'XI reggimento coloniale

Desidero segnalare che a Yol fu rinchiuso anche mio padre: Tenente di Fanteria da Montagna Gino Chiericato. Catturato nel Dicembre del 40 in Albania e approdato a Yol dopo aver fatto tappa al Pireo, a Creta, ad Aden e a Bangalore. Fu "ospite" del Campo 25 per i motivi per cui detto campo fu istituito. Tornò (usava dire "con la faccia pulita")nel Dicembre del 46. Possiedo l'originale della sua foto segnaletica che lui riuscì a trafugare dal suo fascicolo poco prima del rimpatrio.
Un affettuoso saluto.

vorrei segnalare,tra i prigionieri del campo 25, anche mio nonno tenente PIETRO B.ne D'AMORE, catturato (come si legge nei suoi appunti) il 4 Aprile 1941 e giunto a Yol il 27 febbraio 1942.

Vorrei segnalare mio zio il Generale RICCARDO DE COSA Comandante del 86° Reggimento Fanteria “Sabratha”, catturato ad EL-ALAMEIN il 16 Luglio 1942 a quota 23, insieme ai suoi soldati!

anche mio padre fu prigioniero degli inglesi in india era tenente dei bersaglieri Antonio Intrigliolo di Francofonte (SR) fu tra i primi ad essere preso prigioniero e ritornò nell'agosto del 1946
grazie
Maria Teresa

Manca il nome di mio padre, Soldato semplice Ravara P. Giovanni, classe 1907. Grazie. Vanna

Vorrei segnalare un altro dei POW presenti a Yol. Si tratta di mio padre, Menicocci Eurialo, richiamato il 25/8/39 presso la divisione CCNN 23 Marzo, 219 legione, 118 btg, e nominato capomanipolo il 16/5/40. Catturato a Bardia iil 3/1/41. Trasferito in India in un campo che non sono riuscito a ricostruire, è stato trasferito all'inizio del 1944 a Yol, prima 25 2b e poi dal 20/12/45 al 25 1b. E' stato dimesso dal campo il 11/11/46 e arrivato a Napoli il 26/11/46. Consigliere comunale del Msi nel comune di Ariccia (Rm) in un periodo che non sono riuscito a ricostruire, è deceduto nel 1966.

aggiungo il nome di mio padre tra i prigionieri Italiani a YOL:
Petrini Ernani Paolino nato a Lentella ( CH ) 15/02/1915 Sottotenente AUC del 52 reg fanteria ALPI specialità " linea e giunto " assegnato alla 42 Brigata Coloniale
prigioniero a Cheren 23 gennaio 1941
Arrivato al nuovo campo di Yol- Kangra Walley (Yol) nel Kashemir il 1 Aprile 1942-
grazie e complimenti
pino

salve vorrei segnalare che anche mio padre Tenente di Artiglieria ALBERTI BENVENUTO da Fidenza fu internato a Yol. Fu catturato a Tobruk il 14-12-1941. Rientrato in Italia nel 1946
E' possibile avere maggiori informazioni sul campo di Yol e sulla vita di questi prigionieri ?
Grazie
Paolo Alberti
Bologna

Anche mio cognato fu prigioniero a Yol

CHIAMBERLANDO ten. degli Alpini (mi pare 3° Reggimento) Jacopo-Giuseppe, da Susa, cl. 1914

vorrei segnalare che anche mio padre, Nicola Bellomo nato a Bari il 18/04/1913 ed ivi deceduto il 07/05/2010, ufficiale di artiglieria, catturato in Libia all'inizio della guerra, è stato prigioniero in India, presumo al campo di Yol.
Sono sicuro che a lui avrebbe fatto molto piacere essere inserito in questo elenco dato che parlava spesso della sua lungha prigionia sotto l'Himalaya, durata sei anni, dove, a suo dire, aveva perfezionato la conoscenza della lingua inglese al punto da ricevere i complimenti dei madrelingua, cosa di cui andava oltremodo orgoglioso, e diventare insegnante di quella lingua nei confonti dei suoi connazionali.

FIORE GIUSEPPE - 05/03/1919 - ROCCANOVA (PZ)
TENENTE DELL'ESERCITO ITALIANO ,FANTERIA, PRIGIONIERO CAMPO 25 ALLE FALDE DELL'HIMALAYA E YOL. RIENTRATO IN PATRIA NEL 1947 AL PORTO DI NAPOLI.

Due giorni fa ho ricevuto dalla "Fondazione 10.000 in Himalaya" il bel volume di Lido Saltamartini. Le immagini danno una chiara idea di come potesse essere la vita quotidiana a Yol e di quanto ingegno fossero dotati i suoi "ospiti". Lo consiglio a tutti coloro ne fossero interessati (inoltre la Fondazione ha scopo benefico. . . ).
Vorrei anche segnalare il libro di Ferdinando Bersani "I dimenticati" Edizioni Mursia. L'edizione in mio possesso è di una decina d'anni fa ma qualche copia potrebbe essere ancora in giro.
Anche Bersani, catturato in A.O.I., fu rinchiuso a Yol.

Vorrei segnalare che anche mio padre, MAURINO OSVALDO, classe 1917 (genio guastatori)deceduto a Roma nel dicembre 1961, è stato catturato a Tobruk (?) bel 1941 e portato in India, a Yol, e poi nel campo 25 dei non collaborazionisti. Mi risulta che in quello stesso campo fosse prigioniero anche quello che durante la prigionia divenò suo grande amico e successivamente cognato, ANTONIO FANIGLIULO (Marina). Sarei felice di ricevere qualche notizia da eventuali compagni di prigionia.

Segnalo il nome di mio zio Danelio Carotti, tenente di artiglieria, catturato a Zuetina il 6,2,1941 in Africa sett.. Presente in alcuni campi egiziani fu trasferito in India nel 1942, prima nel campo 20, poi a Yol, prima campo 26 e poi, come non cooperatore, nel campo 25

Egregi Signori, nella lista dei prigionieri nel campo di prigionia indiano di Yol, manca il nome di
Augusto CAVALLARI (romagnolo)
Mio grande Amico ora scomparso. Vi chiedo di poter riparare a questa omissione. Grazie.

ritengo utile segnalare anche il nome di mio padre fatto prigioniero a Tobruc il 22.11.41 in servizio s.ten 16 fanteria savona 3 btg 9 cps s.ten Abonante Francesco nato a Falc Alb (cosenza)il 17.12.1915
il 30 7 1946 si è imbarcato da Bombay per fare rirorno in patria

Gnetili Signori,
ringrazio Loro per l'inclusione di mio padre Gualtiero fra i prigionieri di guerra che soggiornarono in prigionia in India. Mi permetto di fare Loro osservare che il cognome e`BENARDELLI, su cui ho scritto il libro "Yol" (http://www.arterigere.it/libri/20_collana_++L_+Impronta_degli_Alpini++/Y...).
Grazie e cordiali saluti, Mainardo Benardelli

Aggiungo il nome di mio padre tra i prigionieri Italiani a YOL.

Tte. Mario Branz nato a Sanzeno(TN ) il 25/01/1914 e deceduto in Argentina il 20/09/1999. Aparteneva a la 102 ª Divisione Fanteria Trento.

Fu Catturato a Tobruk sul forte Pilastrino il 15 aprile 1941 e arribo al 27º campo POW a Yol il 1º maggio 1942.Numero di prigioniero 17882.

Due dei suoi compagni di baracca erano Igino Lasagna(Milano) e Tulio Dipre(Trento) che non li vedo nel elenco e che non hanno avuto figli.

Quello che si vedo e Felice Manzinello(Trento). Tante grazie.

Silvia Branz

Vorrei segnalare il nome di mio padre Nanni Settimio Sotto Capo Manipolo della 219 Legione C.C.N.N. fatto prigioniero a Bardia il 3.1.1941 a Yol era prima nel campo 28/2 e poi nel campo 25 è rientrato in Italia nel Dicembre del 1946.
Vorrei chiedere al Sig. CRISTIAN BIANCHINI come è riuscito a contattare la Fondazione di Saltamartini per avere il libro 10.000 in Himalaya.

Grazie

Vorrei segnalare l'assenza dall'elenco dei prigionieri italiani a Yol del nome di mio padre : tenente Giovanni Genovesi,divisione Sabratha,fatto prigionier ad El Alamein il 16 luglio 1942 e rimpatriato il 23 dicembre 1946.Il mio adorato papà,nato a Casalbordino(Ch) il 28-02-1919 è deceduto il 22-02-2009.Gradirei in sua m3moria che il suo nome venisse inserito nell'elenco.Grazie, Eleonora Genovesi

Vorrei segnalare il nominativo di mio padre, sottotenente d'artiglieria Amleto BRIGHI, di Rimini, catturato nel deserto libico ai primi del '41 ed internato al campo di Yol n. 27.
Rientrato alla fine del 1946.
Grazie.

Mi era stato detto che il libro di Saltamartini era ormai introvabile e che la Fondazione 10000 in Himalaya non esisteva più; invece vedo che lei è riuscito ad acquistare il libro. Gentilmente, mi potrebbe indicare i contatti che ha utilizzato per arrivare alla Fondazione. Io ho questi recapiti telefonici che ho chiamato invano: Tel. 02. 4801.1719
Fax 02.481.2556 indirizzo: via Petrarca 8 - 20123 Milano.
Mi sa dire se corrispondono ai suoi? Grazie mille.

Segnalo infire anche un altro nominativo che era a Yol con mio padre, trattasi di un certo SPOTTI Carlo (non sono certo del nome) mantovano.

Vorrei segnalare il nominativo di un altro prigioniero di YOL tale prof. BROLLI UMBERTO di Roma, molto amico di mio padre.

ho già segnalato il nominativo di mio padre FRANCESCO ABONANTE sten 16 fanteria Savona 3a BTG 9 cps matricola 174508 prigioniero e ferito in battaglia 22.11.41 partito da Bombay il 30.7.46

Volevo segnalare che mio padre (ten. Valentino Valenti da Pavia) insieme a Otto Bandera da Vicenza e a Michelangelo Vassallo da Milano, con lui prigionieri a Yol, furono protagonisti fra il 1944 e 1946 di difficili ascensioni himalayane sulle montagne circostanti il campo. I resoconti tecnici delle ascensioni sono pubblicati nel libro "Alpinismo Italiano nel mondo" pubblicato dalla sede centrale del CAI nel 1951

Ho già scritto per chiedere l'inserimento del nominativo del mio papà.Fornisco ulteriori informazioni.Mio padre,professore Giovanni Genovesi,tenente dell divisione Sabratha,ha combattuto dapprima a Tobruck nel giugno 1941,poi ad El Alamein dove fu catturato dagli inglesi il 16 luglio del 1942.Portato a Yol al campo 25, ivi rimase fino al novembre 1946, in quanto non collaborazioni sta.Rientrò a casa solo il 23 novembre 1946 dopo essere sbarcato al porto di Napoli.Ha insegnato per 40 anni ed è deceduto il 22 febbraio 2009 a quasi 90 anni,essendo nato il 28 febbraio 1919.Chiedo in sua memoria l'inserimento del suo nominativo.Grazie

Aggiungi un commento