Giovedì 18 Dicembre 2014
Agosto italiano/ 3

Cosa non farebbe Nerd per la sua maglietta dei Guns N' Roses

17 Agosto 2010

Di pomeriggio tardi è bello stare in spiaggia con il sole che non batte più e una luce particolare che anticipa il tramonto. Ero lì indeciso se farmi o no l'ultimo bagno quando rispuntano gli Errani, Yoghi e Nerd che erano andati a passeggiare sulle dune. Si siedono come una piccola tribù in cerchio sul bagnasciuga e inizia lo show. Caro lo sai che non dovresti portare magliette del genere, dice la mamma a Nerd, che ne indossa una con su una stampa di una vecchia copertina dei Guns, in cui si vede un robot stupratore che minaccia una biondina piangente e dai vestiti laceri. Perché non posso portarla, fa eco il ragazzo che toccagli i Guns ed estrae le balls. Mi sembra un’immagine fascista, ecco tutto, risponde calma la signora, calcando il tono sull'unica parola che per lei equivale a una bestemmia.

Yoghi, anche lui un passato da metallaro, prova a difendere Nerd spiegando che la musica va oltre gli steccati dell’ideologia ma il Babbo stavolta contraddice il suo compagno, è vero, la musica non ha confini politici, ma quella indosso a Nerd non è una bella immagine, è violenta, sessista e quindi fascia. Nerd riaffonda con la testa sulla tastiera del computer, mentre i grandi continuano a parlare di politica. Si parla della crisi di governo di questa estate. Il Babbo e la Mamma votano da anni e con svogliatezza la sinistra glam, oppure disertano le urne colti dal raptus dell’antipolitica, so' tutti ladri, mandiamoli in galera. Yoghi invece un po’ se lo difende il governo in carica, suscitando il ribrezzo della Mamma e la compassione del Babbo. Lo guardano come se fosse l'orso delle nevi.

Ma come fai a giustificarli, ti rendi come hanno trattato il povero presidente della camera che non aveva fatto niente di male, soltanto detto la verità. Secondo la Mamma, il presidente è persona seria e onesta,  contro di lui è stata montata una vergognosa campagna mediatica. Scusate, Nerd solleva la testolina a forma di apple per fare una domanda: ma un minuto fa non stavate dicendo di essere antifascisti? Silenzio di tomba. Certo che lo siamo, caro, dice la Errani, e lo erano anche i tuoi nonni. Nerd fa una faccia stranita come a dire sarò pure under 18 e ignorante ma, eleganza e rettitudine a parte, il presidente della camera è un vostro avversario o no? Gli Errani si guardano, il Babbo dice "le cose sono più complicate di quel che sembrano, ma tienila pure la maglietta dei Guns, non vorremmo mai toglierti qualcosa che ti piace".

l'Occidentale è protetto da Kaspersky
© 2007-2011 Occidentale srl. Tutti i diritti riservati. redazione@loccidentale.it
L'Occidentale è una testata giornalistica registrata. Registrazione del Tribunale di Roma
n° 141 del 5 Aprile 2007.