Il meglio de l'Occidentale/Esteri

Versione stampabile
danimarca

Sembrava una proposta destinata a cadere nel vuoto, forse solo una provocazione. Invece il Partito Popolare Danese l’ha spuntata: la Danimarca sospende il trattato di Schengen e reintroduce i controlli alle frontiere. Ad annunciarlo è stato Claus Hjort Frederiksen, ministro delle finanze del governo danese: “Durante gli scorsi anni abbiamo visto crescere i crimini transfrontalieri” ha spiegato, “questa decisione punta a frenare il problema”. Troppa immigrazione e troppa criminalità da oltreconfine per il governo danese: il gioco non vale più la candela, meglio tornare al passato.

Entro due, massimo tre settimane la polizia tornerà a controllare chi entra dai confini con la Germania, ma anche nei porti e sul ponte che collega Danimarca e Svezia. Il ministro Frederiksen ha spiegato che saranno istallate nuove apparecchiature elettroniche di identificazione alla frontiera tedesca, strumentazioni in grado di identificare le targhe delle macchine.

Così come gran parte delle leggi sull’immigrazione introdotte nell’ordinamento danese, anche stavolta a spingere per il ripristino dei controlli alle frontiere è stato il Partito Popolare Danese. Lotta all’immigrazione clandestina, lotta alla criminalità internazionale, lotta al narcotraffico: questi alcuni dei capisaldi del partito. La leader Pia Kjærsgaard aveva già speso parole molto chiare: “I controlli alle frontiere sono un diritto per i nostri cittadini”, un diritto ritenuto necessario per porre un freno soprattutto all’entrata in Danimarca di stranieri provenienti dai paesi dell’Europa orientale, paesi ritenuti (non solo a Copenhagen) inaffidabili nel gestire l’emigrazione: troppo pochi i controlli alle frontiere, senza regole i flussi migratori. Agli occhi del Partito Popolare danese, l’ondata di profughi proveniente dai paesi nord-africani ha aperto un secondo fronte al quale guardare con preoccupazione: “Abbiamo problemi con i cittadini dell’est Europa che stanno venendo qui e corriamo il rischio di avere gli stessi problemi con quelli dal Nord Africa” aveva detto Pia Kjærsgaard.

E così come accaduto spesso finora, il Partito Popolare Danese è stato accontentato sui controlli alle frontiere in cambio dell’appoggio alla riforma sulle pensioni presentata dal governo e in discussione da diverse settimane. Il partito della Kjærsgaard fornisce al governo liberal-conservatore del premier Lars Løkke Rasmussen un appoggio esterno fondamentale.

La Danimarca è entrata nell’area Schengen nel 2001, sei anni dopo la firma dell’accordo che aveva abolito le frontiere consentendo a tutti i cittadini europei di circolare liberamente tra gli stati. La decisione di oggi rappresenta un passo importante, ed è interessante vedere come reagiranno altri paesi dove il tema immigrazione è piuttosto caldo. La Danimarca ha dato l’esempio, altri potrebbero seguirlo. Oltretutto a Copenhagen sembrano convinti che la loro decisione rientri nei parametri europei. Per ora da Bruxelles si preferisce la cautela: Marcin Grabiec, portavoce del Commissario europeo per gli affari interni Cecilia Malmström, ha detto che dovranno leggere le carte, prima di dare un commento. Ma è indubbio che si tratta di una grossa grana.
 

CommentiCommenti 12

giovanni cespa (non verificato) said:

Ma, la Danimarca..., ma cosa ha fatto di concreto questo paese. questa popolazione per essere tale negli ultimi 50 anni? Se sparisse la Danimarca, nel bene come nel male, qualcuno al mondo se ne accorgerebbe?

Anonimo (non verificato) said:

di sicuro se sparisse romania e nord'africa se ne accorgerebbero in moltissimi

babba (non verificato) said:

Queste sono Nazioni che prendono decisioni senza complessi ne timori, prendono decisioni per il bene comune senza retorica e demagogia. Sono delle Nazioni.Lei sig. Cespa seguiti a leggere topolino.

Daniela (non verificato) said:

Vorrei far notare che la popolazione danese è di 5 milioni e mezzo: appena si vedono arrivare 100 immigrati, per loro sono un numero assurdamente enorme.E' una popolazione ultrapatriottica, che tiene alle proprie caratteristiche e tradizione. Non immaginatevi una situaizone simile all'Italia dove ad ogni semaforo c'è qualquno che chiede l'elemosina o vi siano "vucumprà" in giro. No.Non esistono.
Ho vissuto in Danimarca per 6 mesi e questa non è la realtà lì presente: la maggior parte degli immigrati è turca e lavora in pizzerie e kebab-place, e per di più sono relegati al di fuori del centro cittadino.
Fra tutte le nazioni che potevano sospendere il trattato,la Danimarca doveva proprio essere l'ultima.

Anonimo (non verificato) said:

Sarebbe troppo bello se capitasse in italia ma purtroppo è inpossibile ed è troppo tardi!!!!

Anonimo (non verificato) said:

Sarebbe bello che capitasse anche in italia ma purtroppo è impossibile ed è trppo tardi!!!!

GIANNANTONIO (non verificato) said:

finalmente qualcuno si sveglia chissa quando i nostri poveri coglioni politici lo sapranno fare metterci le palle per questa povera italietta ormai senza forze

Antonio (non verificato) said:

ottima cosa, ma è troppo tardi...come chiudere la stalla quando i buoi sono scappati. Solo che in questo caso le bestie sono rimaste dentro,purtroppo!

tommaso (non verificato) said:

bravi i danesi (discendenti dei vikinghi) che hanno fatto almeno questo piccolo passo. noi invece lasciamoci andare verso il baratro. sig. Cespa: la Danimarca cosa ha fatto? niente di male a differenza di altri paesi, anzi in un ottica futura qualcuno dovra' ringraziare i Danesi.

scemo (non verificato) said:

Brava la Danimarca,L'Italia dovrebbe fare lo stesso prima che sia troppo tardi.riguardo a quel signore sono daccordo con babba,continui a leggere topolino,e legga anche Alice nel paese delle meraviglie e biancaneve e i sette nani.