Da Johnny al principe di Sansevero

Versione stampabile
fenoglio

Il 25 Aprile del 1945 le truppe americane liberano Milano e Torino, mentre scoppia l’insurrezione contro le forze occupanti a Genova. Il Fascismo è caduto, la Seconda Guerra mondiale è agli sgoccioli, l’Italia ha avuto la sua “Gettysburg”. Da allora, ogni anno, le massime autorità del nuovo stato repubblicano celebrano con solennità questa ricorrenza, incontrando i partigiani che in quelle sanguinose giornate si batterono a fianco degli Alleati nelle principali città italiane.

Persone come Salvo D’Aquisto, i militari dell’esercito del Sud e i tanti piccoli eroi sconosciuti che con gesti comuni si batterono per la causa della libertà. Il 25 aprile è un momento di unità nazionale, insomma, e la Resistenza un’eredità dello spirito risorgimentale, ma entrambe fatte da anonimi combattenti ignoti alla memoria del Paese. I piccoli eroi sconosciuti come Andrea Giovene – scrittore e nobile napoletano che si era battuto orgogliosamente da ufficiale nei ranghi dell’esercito regio, nelle campagne di Grecia e Albania e poi sul fronte russo, prima di finire in un campo di concentramento nazista e raccontare il suo periglioso ritorno a casa nella monumentale Autobiografia di Giuliano di Sansevero, opera decisiva per comprendere la Seconda Guerra mondiale e il dopoguerra in Italia.

Tradotta in diverse lingue, in odor di Premio Nobel, nel nostro Paese l’Autobiografia ha trovato scarso spazio editoriale (nulla di più dopo la vecchia e frastagliata edizione Rizzoli), forse perché il suo autore aveva criticato con la stessa foga l’avventurismo fascista, la vigliaccheria di Casa Savoia, il germe del cancro partitocratico all’interno del Comitato di Liberazione Nazionale. Ci vorranno decenni prima di "riabilitare" quelle centinaia di migliaia di uomini – i soldati spediti sui fronti delle guerre fasciste – dimenticati rapidamente a dispetto delle poche decine di migliaia di partigiani che, per lungo tempo, sono stati gli unici e assoluti protagonisti dell’antifascismo. Quella di Giovene, per esempio, fu una “Resistenza interiore” di cui si è colpevolmente perso traccia.

Così come c’è un altro romanzo che ha sempre punto sul vivo i depositari, veri o presunti, della mitologia resistenziale: Il partigiano Johnny di Beppe Fenoglio, uno scrittore che al suo esordio, nel 1952, quando uscirono i racconti di I ventitré giorni della città di Alba, fu duramente criticato dal quotidiano “L’Unità” – “Fenoglio ci presenta degli strani partigiani, che stanno tra la caricatura e il picaresco, che combattono per avventura o addirittura per niente e per nessuno…”. Giudizio che fa il paio con quello epresso a decenni di distanza da un grande vecchio del giornalismo italiano, Giorgio Bocca: “Fenoglio della Resistenza non ha capito nulla. Io di quei venti mesi ho una idea politica e storica. So qual è il valore della Resistenza, so perché il sogno che la innervava è naufragato. Fenoglio è come Pansa”, Pansa Giampaolo.

Dove sta invece la “particolarità” del romanzo di Fenoglio? Nell'aver intrecciato il resoconto autobiografico, la sua estrazione familiare culturale e sociale, l'esperienza partigiana a fianco dei “partigiani blu” (badogliani, liberali e conservatori), con una dimensione epica, una “epica storica”, in cui la Resistenza viene spogliata di tutta la sua retorica, e della guerra restano gli uomini, brutali e poetici, eroici e laceri, che si trascinano nel fango e si tolgono la vita uno con l’altro. Una narrazione che fin dal titolo, per non parlare dell’impasto linguistico, è un tributo alla all’America degli Hemingway e dei Dos Passos, a Shakespeare come al nostro Ariosto, e dunque un’ode all’individuo libero della Civiltà Occidentale, intraprendente e coraggioso: un ideale cavalleresco che unisce gli (anti)eroi di Fenoglio e quelli di Giovene. Ferito e in fuga dalla Germania, Giuliano di Sansevero dona i suoi ultimi vestiti di lana a una famiglia di profughi polacchi,"in Dio e con gli uomini generoso".

Sono i destini dei singoli a fare la Storia, gli amori, le amicizie, i viaggi, le lotte, la morte (“Ricordati che senza i morti, i loro e i nostri, nulla avrebbe senso”), il palcoscenico dello scandaloso romanzo breve Una questione privata, un'opera meno conosciuta di Fenoglio che fa sbiadire Uomini e no di Vittorini o Il sentiero dei nidi di ragno di Calvino (le scuole italiane si sono dovute accontentare per molto tempo della Agnese va a morire di Renata Viganò). Proprio Calvino dirà che Una questione privata fu il romanzo che tutti gli scrittori coetanei di Fenoglio avrebbero voluto scrivere.

Anche in Johnny regna la disillusione e non si sa neppure che fine faccia il partigiano alla fine del romanzo, se sia vivo o morto. Una delusione che deriva dal chiedersi e ragionare su quello che poteva essere e non è stato. Quale fu, per esempio, il valore dei mancati processi ai fascisti da parte dei tribunali Alleati nel dopoguerra? Per alcuni crearono una sorta di ‘spazio vuoto’ che si riempì di ritorsioni e di vendette, secondo altri, invece, favorirono una transizione, per quanto possibile pacifica, verso la democrazia, facendo da argine al comunismo sovietico. Ma al di là di queste domande resta la capacità, tutta letteraria, di Fenoglio, di andare oltre la Storia raccontando delle storie private, delle testimonianze fotografate nel momento in cui accadevano, e probabilmente per questo, più avvincenti e realistiche di molta storiografia sulla Resistenza.

Anche da quest'epica liberale però restano tagliati fuori i fascisti, che l’autore non riesce a giudicare né a raccontare, un nemico imperscrutabile che può essere solo sconfitto. Negli anni Settanta, Renzo De Felice avrebbe spiegato la composizione sociale del Fascismo e i motivi per cui le classi sociali emergenti che lo avevano generato e sostenuto erano destinate comunque ad entrare a far parte della Storia repubblicana, che non avrebbe potuto più disfarsene. In Fenoglio non c’è ancora questa coscienza o se c'è emerge a sprazzi. Per onorare i “piccoli eroi dimenticati” della Resistenza (e non) sarebbe bello, allora, ripartire da un dialogo fra Johnny e un ufficiale repubblichino durante una tregua del conflitto. “Bene: che farete, ragazzi, dell’Italia?”, chiede il fascista. “Una cosa alquanto piccola ma del tutto seria”, risponde Johnny. Aye, Sir.       

Aggiungi un commento