Nuovo patto fiscale

Versione stampabile
tasse

Lo statalismo nel nostro Paese pervade tutto o quasi. Compresa la versione italiana di Wikipedia. Alla voce "flat tax" - quel sistema fiscale basato sulla tassazione con aliquota proporzionale del reddito personale e un vantaggio fiscale su base familiare - la celebre enciclopedia online recita: "Va evidenziato il fatto che la flat tax va ad esclusivo vantaggio di quella parte di popolazione che eccede le aliquote massime di reddito". Aggiungendo: "Di fatto, oltre il 90% della popolazione pagherebbe le stesse tasse che paga con un sistema progressivo, e chi ha un reddito basso o medio basso pagherebbe più tasse di quanto non ne pagherebbe con un sistema progressivo". 

E' una scusa bella e buona per difendere l'abominevole sistema fiscale italiano, capace, nello stesso tempo, di indurre al lavoro nero chi viene pagato peggio e di spingere le imprese a produrre sempre meno. La flat tax, dicono i denigratori, farebbe pagare più tasse ai poveri e meno ai ricchi. Ora, lasciamo stare il fatto che con un sistema del genere probabilmente si otterrebbe che "i ricchi" troverebbero vantaggioso pagare le tasse invece di cercare scappatoie all'estero. Come pure si potrebbe allargare il sistema di detrazioni per le famiglie e la no tax area per i redditi più bassi, senza fare nessun attentato alla giustizia sociale. 

Ma pensiamo soprattutto a un'altro aspetto che riguarda la nostra vita quotidiana. Quanto sarebbe facilitata l'esistenza dei contribuenti? Quanto tempo in meno dovremmo trascorrere dal commercialista? Metti in fila quanto hai incassato, dividi per venti (a Hong Kong l'aliquota è scesa fino al 15%) e il gioco è fatto. Finalmente ci sarebbe una vera semplificazione. Ma già ci sembra di risentire gli uccellacci di prima: "Avremmo meno risorse da distribuire alla collettività!". Come se i sistemi fiscali progressivi avessero ontologicamente connaturato il raggiungimento di tale obiettivo...

In conclusione, il suggerimento per tutti quelli che vogliono battersi in favore della flat tax è uno solo: cominciamo modificando la relativa voce in italiano di Wikipedia. Spieghiamo ai cittadini che la rivoluzione fiscale della flat tax si basa su tre principi: efficienza, equità e semplicità. 

Aggiungi un commento