Versione stampabile

E’ l’ora del “malcontento democratico” e della conta dei feriti. Presentate le liste, il Pd cerca di riassorbire l’ondata di ritorno e la rabbia degli esclusi illustri, la delusione di chi si aspettava un trattamento migliore e ora prende atto di una dura realtà. Una mappa, quella dello scontento, che va dal Nord al Sud e attraversa il partito sia attraverso la protesta di singoli esponenti sia attraverso la reazione di alcune componenti politiche interne.

Il caso più eclatante è quello dei Radicali. Il caso scoppia in mattinata quando a Radio Radicale Emma Bonino si lascia andare a uno sfogo e a un duro attacco contro Walter Veltroni. «Ci era stata data, scritta a mano, la lista dei candidati radicali e ora emerge chiaramente che la proposta da loro fatta dei nove eletti non è mantenuta». Non è una questione di trattativa, ma «la certezza che siamo eletti tutti noi non c'è». «Chiediamo e vogliamo la certezza che il Pd sia coerente con la proposta che ci ha fatto». Poi la stoccata sugli alleati: «Ad oggi risultano inaffidabili rispetto alle proposte che ci hanno fatto. Questa è la situazione». Riguardo alla sua personale candidatura la Bonino avverte: «Non intendo candidarmi in Piemonte perché non sono un soprammobile, da loro sbrecciato che si può prendere e spostare dove vogliono. Non sono un oggetto che può essere usato o spostato. Stando così le cose non sono nemmeno convinta che valga la pena di essere candidata da qualche parte».

La replica di Veltroni non si fa attendere: «I nove eletti radicali ci sono, ci sono» dice il candidato premier del Pd rispondendo a Bruno Vespa, rassicurando i pannelliani. Ma il giallo è presto chiarito: le nove candidature ci sono ma la posizione nelle liste non è tale da assicurare l’elezione. E così arriva la richiesta esplicita di Marco Pannella. Tutte le nove candidature radicali siano poste nelle teste di lista e in due diverse circoscrizioni, almeno una della quali sia tra le più popolose. «Per intenderci, le nove nomine radicali dovrebbero in teoria essere le prime, le più certe, obbligate nell’ordine di presentazione di lista delle candidature. Potremmo anche chiederlo, pretenderlo, poiché vi sono in causa componenti e interessi patrimoniali, anche se immateriali, nella tutela legittima del diritto alla propria immagine (e/o identità)», osserva Pannella.

L’esponente radicale aggiunge che “con la diligenza e l’onestà del buon padre o della buona madre di famiglia ci limitiamo invece ad esigere che tutte le nove candidature radicali siano poste prudenzialmente almeno dopo le prime o primissime candidature di ogni lista e, comunque, ciascuna in almeno due diverse circoscrizioni, almeno una delle quali dovrebbe essere prescelta fra le 12 più popolose del Paese”.

La campagna per le “posizioni sicure” non convince, però, i dirigenti del loft che replicano di aver fatto tutto il possibile per blindare i radicali. Una tesi che non convince lo stato maggiore di Via di Torre Argentina che reputa blindate le sole candidature di Emma Bonino, Maurizio Turco, Marco Beltrandi, Rita Bernardini e Donatella Poretti. Molto meno garantite le posizioni, sempre secondo il partito di Marco Pannella, di Elisabetta Zamparuti al terzo posto in Basilicata, Matteo Mecacci quinto a Lazio 2 Camera dove nella scorsa legislatura si elessero quattro deputati con il premio di maggioranza, Maria Farina Coscioni quinta in Friuli alla Camera e Marco Perduca ottavo in Toscana al Senato. A questo punto pare che i radicali per svelare l’inganno potrebbero chiedere la prova del nove: se quei posti sono tanto sicuri, metteteci qualcuno del Pd e date a noi le loro posizioni. E qualcuno, tanto per chiarire le cose, ricorda che il simbolo, per precauzione, è stato comunque presentato con la dicitura “Bonino per Pannella presidente”. Uno strappo che già in serata, in una conferenza stampa, viene ridimensionato dallo stesso Pannella che si limita a chiedere che “i patti vengano rispettati” e quindi venga assicurata l’elezione di tutti e nove i candidati. “Non romperemo con il Pd. Ma useremo tutti gli strumenti perchè siano eletti” dice lo storico leader.

Ma non c’è solo la furia dei radicali a turbare la concitata giornata post liste di Walter Veltroni. Nelle ex sedi di Margherita e Ds, sale infatti la protesta delle donne, molte delle quali piazzate in posizioni impossibili, con scarsissime possibilità di essere elette. Così come non mancano le lamentele delle donne escluse come l’ex sottosegretaria Beatrice Magnolfi. Ma la violenta legge dei numeri ha fatto parecchie vittime illustri. Restano fuori Umberto Ranieri, Giuseppe Lumia,  Rino Piscitello e Nello Palombo. Ma c’è il caso soprattutto di Stefano Ceccanti, professore di diritto pubblico comparato de La Sapienza, lasciato alla porta con sua grande sorpresa.

Il costituzionalista avrebbe dovuto essere candidato nella quota nazionale messa a disposizione di Veltroni ma sarebbe stato “passato” a quella regionale, nel caso specifico la Toscana essendo lui pisano. In questo modo la responsabilità sarebbe ricaduta sul segretario regionale. Quel che è certo è che la sua esclusione ha fatto rumore visto che Ceccanti è uno dei tre detentori del simbolo de L'Ulivo e che a lui si devono la maggior parte del programma elettorale in materia di riforme istituzionali e anche lo statuto del Pd. Oltre a lui mancano all’appello anche Mimmo Lucà e Marcella Lucidi, con il ridimensionamento dell’anima cattolico-progressista. Malumore diffuso c’è anche nella pattuglia dei popolari laziali con Silvia Costa che accusa i vertici nazionali. Così come proteste e recriminazioni arrivano dai democratici della provincia di Siracusa che non avranno rappresentanza né a Montecitorio nè a Palazzo Madama. Un atto d’accusa importante visto che viene da una delle province più uliviste della Sicilia mentre la provincia di Catania esprimerebbe ben 5 o 6 parlamentari.

Ugualmente “frizzante” la situazione in Campania. Le scelte operate dallo stato maggiore dei Democratici continuano a suscitare proteste e malumori. Soprattutto a Caserta dove l'unico ad avere qualche chance di elezione è Adolfo Villani, ex diessino e vicepresidente della Provincia. Esclusi i fedelissimi di De Mita come il casertano Piero Squeglia e Bruno Cesario, deputati uscenti. Così come accade per il deputato uscente Mimmo Tuccillo, vicino al ministro Beppe Fioroni. Una «piazza pulita» che a Caserta rischia di tradursi in una sorta di «diserzione» alla campagna elettorale, come stanno stanno meditando alcuni «pezzi da novanta» del Pd locale. Il capofila della protesta è Sandro De Franciscis, attuale presidente della Provincia di Caserta che ha già annunciato le dimissioni da segretario provinciale del Pd. «Caserta e la sua provincia sono state massacrate e ignorate. Evidentemente il Pd non ha bisogno del voto dei casertani. A questo punto io voterò Pd, ma la campagna elettorale se la facciano loro. Si tratta di liste - attacca - scritte in nottata e frutto di accordi sottobanco».

Di fronte a questa ondata di proteste il Pd, per ora, sceglie la linea della fermezza. «Come abbiamo votato ieri – dice Dario Franceschini - solo in caso di rinunce, potranno essere sostituiti dei nomi. Statuto e regolamento ci obbligano a questo e in base a queste regole io sono personalmente garante del voto di ieri». L’ira dei pannelliani, però, non accenna a placarsi. E a questo punto non sono escluse sorprese o deroghe, con possibili correzioni in extremis. Quel che è certo è che l’idillio tra Radicali e Pd sembra essere svanito. E il fuoco sembra destinato a covare a lungo sotto la cenere.

CommentiCommenti 5

tacitus (non verificato) said:

Questo è il nuovo del PD :un indegno mercato delle
vacche che nemmeno la prima repubblica.....

Fracchia (non verificato) said:

I lucani "gongolano" per la candidatura della carneade - Zamaparutti.

playboy24 (non verificato) said:

Nel PD nessuno deve avere la certezza dell'elezione,è necessario misurarsi mostrare capacità e senso politico. Sono con il candidato premier.