Tutte le news

Malore per Gentiloni, operato al Gemelli. Ora sta bene

di
 | 11 Gennaio 2017
malore gentiloni

Lieve malore per il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni che, di rientro dalla visita istituzionale di Parigi, si è recato nella serata di ieri al policlinico Gemelli di Roma dove i medici hanno immediatamente deciso di effettuare un intervento di angioplastica, operazione finalizzata ad applicare uno stent che permetta al sangue di fluire meglio nei vasi a rischio ostruzione.

Gentiloni, come riferiscono fonti della Presidenza del Consiglio, dopo l’operazione perfettamente riuscita nella notte, sta bene ed è vigile. Al momento non sono previsti bollettini medici. Tuttavia, per monitorare le sue condizioni, dovrà rimanere a disposizione dei medici dell’unità di terapia intensiva cardiologica (Utic) del policlinico romano ancora per qualche giorno. Probabilmente fino a venerdì.

Non mi sento bene” aveva detto il premier ai suoi collaboratori già nel corso del faccia a faccia all’Eliseo con Hollande. Fastidio evidente anche dall’espressione del volto sofferente durante l’incontro e nelle foto di rito con il presidente francese. Di qui la decisione di procedere ad un controllo al Gemelli dove, al seguito di una attenta coronarografia, lo staff dell’Utic, guidato dal professor Antonio Rebuzzi, ha predisposto l’operazione.

Rinviati i prossimi appuntamenti in agenda, a partire dalla visita istituzionale prevista per domani a Londra dove il premier avrebbe dovuto incontrare la sua collega Theresa May. Gentiloni è alle prese con il classico tour europeo di ogni neo presidente del Consiglio e la prossima settimana dovrebbe fare tappa a Berlino per incontrare Angela Merkel, salvo imprevisti.

"Personalmente e a nome di 'Idea - Popolo e Libertà' rivolgo al presidente Paolo Gentiloni sinceri e affettuosi auguri di pronta guarigione". Lo dichiara il senatore Gaetano Quagliariello, presidente di 'Idea - Popolo e Libertà' che si aggiunge ai tanti auguri e attestati di vicinanza pervenuti al premier da tutte le forze politiche. 

Aggiungi un commento