Tutte le news

Versione stampabile
disoccupazione-giovanile

Dopo qualche mese in cui i giornaloni ci hanno raccontato che, per quanto riguarda l'occupazione, l'Italia era tornata a navigare in acque tranquille, adesso l'Istat ci racconta come la disoccupazione sia tornata a crescere nel Belpaese. Secondo le stime preliminari dell'Istituto di ricerca il tasso è salito all'11,3% (+0,2 punti percentuali). La stima delle persone in cerca di occupazione a maggio cresce dell'1,5% (+44mila). L'esercito dei disoccupati conta 2 milioni 927mila persone. Cresce anche il tasso di disoccupazione giovanile, che a maggio sale bene al 37% (con un incremento di 1,8 punti da aprile).

Ovviamente dal calcolo del tasso di disoccupazione sono stati esclusi i giovani inattivi, cioè coloro che non sono occupati e non cercano lavoro, nella maggior parte dei casi perché impegnati negli studi. L'incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 9,4% (cioè meno di un giovane su 10 è disoccupato). Tale incidenza risulta in aumento di 0,4 punti percentuali rispetto ad aprile. Il tasso di occupazione cala di 0,5 punti, mentre quello di inattività rimane invariato.

Per l'Istat, inoltre, a maggio 2017 la stima degli occupati cala dello 0,2% rispetto ad aprile (-51 mila unità) attestandosi, dopo il forte incremento registrato il mese precedente, ad un livello lievemente superiore a quello di marzo. Il tasso di occupazione si attesta al 57,7%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali. Ma il governo ci racconta altre storie, è così che va.

 

Aggiungi un commento