Tutte le news

Versione stampabile
frontex

Per lo più arrivano dall'Africa sub-sahariana, ma anche Bangladesh. E' una sorta di nota a piè di pagina non trascurabile, e in qualche misura anche imparziale, quella che l'agenzia Frontex ha messo come a margine di questo momento epocale. Gli sbarchi erano già da tempo un problema e un'emergenza, ma adesso le cose hanno valicato davvero ogni limite delle aspettative. E quella che è stata battezzata sotto il nome di "emergenza", resta qualcosa di estremamente pericoloso. Una nota, dicevamo, che vuol dire che tra i migranti che arrivano lungo la rotta del Mediterraneo centrale "sono ben pochi coloro che hanno bisogno di protezione, la probabilità che ottengano lo statuto di rifugiati è molto bassa", è quello che riferisce il direttore di Frontex, Fabrice Leggeri in audizione al Parlamento europeo. Il che vuol dire che, siccome non sono rifugiati politici, non c'è una guerra da cui scappano, il diritto internazionale non contempla che gli venga concesso automaticamente qualsivoglia diritto.

Si tratta, pertanto, perlopiù, come scritto e riscritto da queste pagine da tempo ormai, di "migranti economici: essenzialmente - ha aggiunto - provengono da Paesi sub-sahariani. Ma stranamente sono numerosi anche i cittadini dal Bangladesh, che arrivano per via aerea a Tripoli". Sempre in audizione al Parlamento, Fabrice Leggeri ha riferito poi: "Ieri c'è stato un incontro a Varsavia per vedere come il piano operativo può essere migliorato e potenziato, per vedere come possa essere migliorata la solidarietà per sostenere l'Italia, perché possa affrontare questa straordinaria pressione". 

Nella riunione di ieri a Varsavia Frontex ha deciso, soprattutto, di "vedere come il piano operativo di Triton può essere adattato, emendato, migliorato e come la solidarietà dell'Ue può essere rafforzata per aiutare l'Italia a far fronte alla pressione nel Mediterraneo centrale"."L'Italia è in prima linea, ma l'Italia ha anche il sostegno dell'Ue grazie all'operazione Triton", ha ricordato Leggeri, spiegando che sono dispiegate 12 imbarcazioni, 5 mezzi aerei e 400 funzionari o guardia coste. Ma, il problema, comunque, per quanto importante non può continuare ad essere il numero di imbarcazioni dispiegate.

CommentiCommenti 3

Eliseo Malorgio (non verificato) said:

l'attuale onda di "migranti" ha caratteristiche differenti da altre "9nvasioni" di cui parlano i libri di storia.
Non si presentano come invasioni di orde armate. Invasioni "pacifiche", apparenti richieste di aiuto: differenti da quelle medievali dell'anno mille. Le coste italiane del sud sono ancora oggi costellate da torri di guardia normanne, a forma di piramide tronca. Infatti i re normanni che occupavano la Sicilia e il sud della penisola dell'epoca avevano costruito quelle torri. Esse servivano a dare l'allarme all'entroterra in caso di attacco di predoni mussulmani che si avvicinavano al litorale con le loro veloci navi da assalto.
"Mamma li turchi!" si dice ancor oggi in Sicilia, in ricordo di quei tempi. Tempi in cui l'Islam aveva aggredito l'Europa prendendola entro una tenaglia gigante, da un lato invadendo la penisola iberica, dall'altro quella balcanica.
Le attuali invasioni sono pure differenti dai traffici di schiavi negri subsahariani deportati dall'Angola e Mozambico in catene nelle Americhe e là venduti come forza di lavoro a basso costo.
Le attuali invasioni barbariche hanno qualcosa di più subdolo. Sono un cavallo di Troia: sono un'astuta forma di invasione apparentemente pacifica, camuffata da richiesta di aiuto. Le attuali migrazioni vengono oggi finanziate e preparate ad arte da menti diaboliche, dai vari Soros dai noti vertici della piramide mondialista: dagli eterni nemici dell'umanità col proposito preciso di destabilizzare e distruggere e sottomettere l'Europa. Impiegano perciò i famosii protocolli messi in atto col compiacente tradimento e collusione di governanti e istituzioni amministrative anch'essi strumento di distruzione del proprio Paese.