Il Comitato "Difendiamo i nostri figli" a Catania

Versione stampabile
musumeci gandolfini

“Oggi siamo in Sicilia per sostenere un candidato, Nello Musumeci, che firma un manifesto che lo impegna nella difesa dei valori antropologici della famiglia, della vita, della libertà educativa e del diritto dei bambini a non essere programmati fin dal concepimento orfani di padre o di madre”. Così Massimo Gandolfini, portavoce del Comitato "Difendiamo i nostri figli" ha esordito ieri a Catania nel corso di una manifestazione organizzata da Idea - Popolo e Libertà dal titolo "Accendiamo il futuro - Insieme per la famiglia" comunicando il sostegno del comitato animatore del Family Day e protagonista delle battaglie contro l'ideologia del gender a Nello Musumeci, candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Sicilia.

“Questa manifestazione – ha continuato Gandolfini - è la prima tappa di un impegno che si protrarrà per tutta la campagna elettorale e che ci vedrà a fianco di coloro che sono disposti a tutelare i nostri principi non negoziabili". "E’ mancato, soprattutto negli ultimi anni, un impegno serio per la famiglia che è e resta centrale nelle politiche sociali. Al di là dei temi strettamente etici, affidati alle sensibilità di ciascuno di noi, abbiamo il dovere di promuovere culture a sostegno dei nuclei familiari, soprattutto quelli più disagiati e numerosi" ha dichiarato Musumeci sottolineando come, in una Sicilia che conta il 42% di povertà, sia necessario promuovere programmi che garantiscano anche "un tetto ai meno abbienti". "Se offriamo garanzie per il futuro - ha continuato il candidato del centrodestra - sono certo, avremo sempre meno culle vuote ed invertiremo la tendenza dell’attuale condizione demografica che diventa una minaccia".

All'incontro erano presenti anche Filippo Savarese ed Emmanuele Di Leo, membri del Comitato "Difendiamo i nostri figlio, e il leader di Idea Gaetano Quagliariello secondo cui “le elezioni siciliane indicheranno con chiarezza due cose: che se il centrodestra è unito è il vero competitore del Movimento 5 Stelle e garanzia che il Paese non scivoli nel governo della demagogia, e che, affinché ciò non accada, è necessario che il centrodestra abbia dei princìpi e un’identità”. Proprio per questo grazie all'incontro di Catania con il comitato animatore dei Family Day, ora "i siciliani - ha concluso il senatore - sanno qual è la casa di chi non intende svendere princìpi antichi e tradizioni importanti". 

Aggiungi un commento