E io pago!

Versione stampabile
bollette luce gas

Tasse, occulte o palesi, e rincari: è questa, evidentemente, la "ripresa" a cui si riferisce Gentiloni, quella del costo della vita. Ebbene sì, nel 2018 le bollette di luce e gas, per esempio, saranno più salate. Secondo quanto indicato dall'Autorità per l'Energia, dal prossimo primo gennaio la famiglia tipo registrerà un incremento del +5,3% per le forniture elettriche mentre per quelle gas del +5%. Questo significa, nel dettaglio, che per l’elettricità la spesa (al lordo tasse) per la famiglia-tipo nel periodo compreso tra il 1° aprile 2017 e il 31 marzo 2018 sarà di circa 535 euro, con un incremento corrispondente a 37 euro/anno. Quanto al gas, invece, nello stesso periodo la spesa della famiglia tipo aumenterà di circa 22 euro/anno.

E meno male che la sinistra cosiddetta “di governo”, come l’ha definita il premier qualche giorno fa nel corso della conferenza stampa di fine anno, da mesi ripete a più non posso il solito ritornello: “la ripresa c’è”. Non solo, sia Renzi che Gentiloni si sono più volte vantati di non aver aumentato le tasse in questi anni. Peccato che le cose non stiano proprio così. E i rincari ne sono la chiara dimostrazione.

Se si pensa che, ad esempio, la bolletta dell’elettricità in questi ultimi anni è stata trasformata in una sorta di vaso di Pandora, dove sono state inserite, a volte in modo occulto, le accise più disparate, allora è naturale che i rincari siano quasi la regola. Basti pensare che circa un quinto della nostra bolletta (e non è davvero poco) è destinato ai programmi per le fonti di energia rinnovabili. Fondi che, però, arrivano dritti dritti nelle tasche dei produttori di energia rinnovabile come la Germania, dato che l'Italia non ha attuato una vera e propria politica nel settore e così i consumatori italiani sono costretti dal governo a finanziare i produttori esteri. Per non parlare della “tassa Rai” che, grazie alla sua inclusione nella bolletta dell’elettricità voluta dal governo Renzi, ha annientato l'evasione sul canone, storicamente molto significativa. Un fatto positivo? Si se questo, portando a un notevole aumento di introiti, avesse portato anche a una riduzione importante del canone. Invece la tassa Rai finisce per appesantire la spesa familiare e gonfiare gli sprechi di mamma Rai e i portafogli dei vari Fabio Fazio & co.

Morale della favola? A pagare di tasca propria i compromessi e le prebende piddine sono sempre i consumatori. Insomma, un bel regalo per il 2018.  

CommentiCommenti 3

maboba (non verificato) said:

Hanno solo confermato che c'è la ripresa. Oltre quella per i fondelli (vedi alla voce terremotati), c'è la ripresa dei soldi dei contribuenti a favore dello stato e delle sue propaggini..