In crescita

Versione stampabile
banche popolari imprese famiglie

Per le Banche Popolari il 2017 è stanno un anno da ricordare. I primi risultati provvisori elaborati da Assopopolari per il 2017 parlano chiaro e registrano una crescita degli impieghi rivolta principalmente alla sua clientela di riferimento, le piccole e medie imprese e le famiglie. In particolare nel corso dell’anno passato i nuovi finanziamenti per le aziende minori sono stati pari a circa 30 miliardi di euro mentre i nuovi mutui per acquisto abitazione accesi dalle famiglie hanno raggiunto la cifra di 15 miliardi di euro. Anche sul fronte della raccolta bancaria i dati per gli istituti della Categoria mostrano un aumento significativo degli aggregati principali, con i depositi saliti del 3% e quelli in conto corrente del 4,5%.

“Queste prime elaborazioni confermano ancora una volta l’impegno delle banche associate in favore dei territori serviti. Un impegno che dimostra di essere basato, come si evince dai dati, su un legame sempre più stretto con la propria clientela e da una vocazione territoriale costruita attraverso una partecipazione sempre più attiva alla promozione dell’economia locale e alla crescita di tutta la comunità nel suo insieme” dichiara il Segretario Generale dell'Associazione Nazionale fra le Banche Popolari Giuseppe De Lucia Lumeno.

“In una fase nella quale l’economia italiana mostra segnali di ripresa – ha proseguito De Lucia Lumeno – è importante ricordare come in una struttura produttiva quale quella italiana che rappresenta la seconda manifattura in Europa e che si caratterizza per una presenza capillare e diffusa di piccole e medie imprese, le banche del territorio, e tra queste le Banche Popolari, rappresentano ancora oggi una delle risorse più importanti al servizio della crescita del Paese e uno strumento essenziale per permettere al nostro sistema imprenditoriale e produttivo di raccogliere le sfide derivanti da un mercato sempre più concorrenziale ed internazionale con il quale necessariamente le nostre aziende sono chiamate a confrontarsi in misura più competitiva”. 

CommentiCommenti 3

Eliseo Malorgio (non verificato) said:

Pregiato sig De Lucia Lumeno,
scopro, leggendo questo articolo che lei è un importante esponente di una Associazione tra Banche popolari.
Premesso che non è mia intenzione offendere personaggi in alto loco, tuttavia ho la strana impressione che lei, entusiasta sostenitore del suo ruolo, non si renda conto della realtà in cui viviamo. Le invio perciò alcune informazioni che i cittadini italiani, e specialmente i personaggio del suo livello e posizione dovrebbero comunque conoscere. Infatti giornalisti, economisti, media fanno pensare ai cittadini che «la crisi passa» o che se ne possa uscire praticando sacrifici e sviluppo, solo perchè le persone sono inconsapevoli delle grandezze in gioco e dei meccanismi che le muovono.
Ma ogni creazione di denaro, nell’attuale sistema, avviene sempre con pari creazione di debito gravato di nuovi interessi: perciò questo sistema matematicamente non può sostenersi poichè per effetto della sua stessa struttura mantiene in crescita gli scompensi interni e all’esterno recessioni e tensioni sociali.
Il mondo è dunque diventato un colossale «Schema Ponzi», una «piramide finanziaria», in cui gli interessi sul debito già emesso vengono pagati contraendo nuovi debiti.
In tale contesto, che cosa vuol dire «possiamo farcela; ancora qualche sacrificio, possiamo uscire dalla crisi; o, il peggio è passato; e, si vede una luce in fondo al tunnel»?
Si mente a tutto spiano per mantenere gestibile la popolazione