Battete un colpo

Versione stampabile
unioni civili biotestamento

“La radicale solitudine di Eugenia”: è il titolo di un articolo di qualche giorno fa sul venerdì di Repubblica, a firma Filippo Ceccarelli. Non certo un sostenitore politico di Eugenia Roccella, a cui l’articolo si riferiva, ma un osservatore attento che, guardando la foto di un incontro a cui tutto il centrodestra partecipava con i suoi leader più rappresentativi (Salvini e Meloni in primis), ha commentato che l’unica convinta di quel che si diceva in quel momento, era lei (https://www.loccidentale.it/articoli/146503/la-radicale-solitudine-di-eugenia).

In quell’intervento la Roccella, fra l’altro, prometteva che, se fosse entrata di nuovo in parlamento, si sarebbe adoperata per eliminare la legge sulle unioni civili. Un impegno non nuovo: all’indomani della approvazione della Cirinnà, lei ha depositato la richiesta di raccolta delle firme per un referendum abrogativo, che non ha potuto avere seguito per il regolamento referendario stesso, che vieta tale raccolta nell’anno che precede le elezioni politiche.

L’intervento della deputata di Idea è stato ignorato da chi era all'incontro segnalato da Ceccarelli, ma non dai sostenitori della legge Cirinnà, a partire dalla stessa Cirinnà, che è intervenuta subito dopo con durezza contro la Roccella, e dai militanti LGBT che hanno attaccato in massa la sua pagina fb. I giornalisti, a caccia di notizie nella campagna elettorale appena iniziata, hanno sperato in qualche dichiarazione succosa, e hanno iniziato a chiedere ai leader del centro destra cosa ne pensassero dell'eventuale eliminazione o modifica della legge sulle unioni civili, e se fossero d'accordo con le affermazioni della Roccella. Salvini e la Meloni hanno preso subito le distanze, dichiarando che l'unico punto di riserva erano le adozioni gay. Berlusconi prima ha detto di si, mettendo insieme anche una possibile revisione alla norma sul biotestamento, in una bella intervista su Libero, per poi fare un passo indietro e allinearsi al no degli altri due. La possibilità di cambiare queste due leggi è così entrata nel dibattito politico elettorale, anche se alla Roccella non si sono affiancati i leader politici del centrodestra, ma, piano piano, solo alcuni candidati della coalizione, a titolo personale.

Eppure gli italiani, in tutti i sondaggi, si sono sempre mostrati in maggioranza contrari a una equiparazione delle convivenze omosessuali al matrimonio, come invece sta avvenendo adesso, nei pur scarsi numeri delle coppie che hanno usufruito della legge. Per non parlare dell’utero in affitto, formalmente ancora vietato dalla 40, ma di fatto sdoganato da molte sentenze che legittimano la registrazione in Italia delle nascite all’estero di bambini, da madre surrogata, anche grazie a un comma della Cirinnà, che consente ai giudici di procedere in questo modo, senza comminare sanzioni a coloro che vi hanno fatto ricorso. Analoghe considerazioni potrebbero essere fatte per la legge sul biotestamento, appena entrata in vigore: ha molti punti problematici, anche dal punto di vista della mera applicazione, e già è stata invocata da tribunali in termini di aperura al diritto a morire. Perchè rinunciare in partenza a cambiarle, nel nuovo parlamento, come propone Eugenia Roccella?

In questi giorni si fa un gran parlare del rosario e del vangelo esibiti da Salvini sul palco, e ci si divide fra chi lo giudica una furbata accalappia voti e chi invece lo apprezza, ritenendolo una sorta di “outing” cattolico. Fioccano anche le dichiarazioni di sostegno a vita e famiglia, in generale, da parte dei leader della coalizione di centrodestra. Ma sulle due leggi che più le hanno minate, la vita e la famiglia, i leader continuano a essere latitanti, dandole ormai per acquisite. Anzi: accettando, nelle dichiarazioni, di farle passare come "diritti" che non si possono più mettere in discussione.

Nonostante queste mie riserve, ribadisco che voterò solo all'interno della coalizione di centrodestra (per la precisione, la cosiddetta "quarta gamba"). Perché? Perché vorrei ricordare a tutti che tutte queste leggi, dalle unioni civili al biotestamento passando per il divorzio breve, le dobbiamo alla vittoria del PD nel 2013, dovuta a una piccolissima maggioranza di voti, rispetto al centro-destra: lo 0.37% in più, a livello nazionale, alla camera. Molto meno dell'1%. Un piccolo scarto, pari più o meno a quello che fece Ferrara con la sua "lista pazza"; uno scarto che, comunque, è stato sufficiente a impedire al centrodestra di guidare il governo, e ha costretto alla coalizione. Non voglio che la triste storia si ripeta. 

Ma a proposito del centrodestra, che voterò, voglio aggiungere: è sicuramente di impatto sventolare rosari e fare dichiarazioni rassicuranti sul valore della tradizione. Tutti gesti e atti che a me lasciano invece totalmente indifferente, se non sono seguiti da scelte molto concrete. E' un po' come suonare i tamburi di guerra ma poi rimanere tranquillamente accampati a giocare a carte. Vorrei quindi chiedere di nuovo e innanzitutto alle “prime file” della coalizione di centro destra, ai leader, cosa intendono fare dell’appello della Roccella, una volta entrati in parlamento: volete modificarle o no, queste leggi? Riuscite a capire cosa è in gioco, con queste due leggi? Se la coalizione di centrodestra vincesse, o comunque avesse, come sembra, un risultato importante, le condizioni politiche per modifiche importanti ci sarebbero: per quale motivo sembrate aver rinunciato in partenza?

CommentiCommenti 11

luca (non verificato) said:

Certo anche io sono più vicino alla lista idea, ma non posso dimenticare che sono stati loro (lupi) a votare a favore, facendosi infinocchiare con la solita e sbagliata regola del male minore. Potevano far cadere il governo. e se non ci riuscivano, pazienza, avrebbero mostrato coerenza e fiducia nella Divina Provvidenza.
Per questo non li voterò. Certo, non voterò PD.

Andrea (non verificato) said:

Non riesco a capire tanto accanimento contro le unioni civili.... Se una coppia eterogeneo vuole sposarsi e figliare, sicuramente non glielo impedisce una coppia gay.
Ok, volete eliminare le unioni civili, fatelo. Ma a questo punto, dal momento che ci sarebbero cittadini di serie A e serie B, sarebbe anche giusto che gli omosessuali, in quanto non tutelati dallo Stato italiano, pagassero meno tasse.

Per aiutare le famiglie etero io avrei una proposta : impediamo a chi è separato, divorziato, a chi ha prole senza essere sposato,..di candidarsi nel centro destra, in quanto impresentabile.

Mi sembra una cosa giusta e moralmente saggia. Perché non raccogliamo le firme per far sì che diventi una proposta di legge?

Gianluca Conenna (non verificato) said:

Articolo veritiero. Stimo tantissimo la Roccella e il partito Idea sul coraggio e la presa di posizione su questi temi. Io purtroppo però non voterò loro perché non ho intenzione di sostenere Lupi e Capezzone.

Eliseo Malorgio (non verificato) said:

Suicidio, eutanasia, unioni di gay ed altre porcate dello stesso tenore, sono soltanto aberrazioni umane condannate dal buon senso, dalla cultura cristiana (non quella del due papi), e dal diritto naturale.
Sono tutte proposte non nuove, già praticate nella Russia bolscevica, e sono promosse dalla cupola satanista. anticristiana, che sta tentando di destabilizzare il mondo occidentale e specialmente l'Italia.
Le tecniche di destabilizzazione non sono una novità. Vennero già attuate per lo scopo preciso suddetto.
La lotta, gentili signori, è sul piano spirituale e mostra i suoi effetti immediati sul piano della nostra realtà quotidiana.
Perdersi in dibattiti sulle singole questioni, come l'aborto, o il matrimonio gay, fa perdere la visione complessiva di insieme di questi fenomeni.
E per avere una visione "elicotterica" del tutto occorre tener presente che i padroni del mondo fortemente spiritualizzati, appartengono a sette sataniste, massoniche, del B'nai Britt: sono praticanti di magia nera e menzogne attraverso i mezzi di comunicazione, di lotta e cancellazione del loro Nemico: Gesù Cristo, sono praticanti di omicidei rituali, di rituali tenebrosi contrari alla dottrina cristiana e di liturgie di morte in omaggio appunto al principe della morte e della menzogna (di cui parla Cristo parlando a scribi e farisei.

Antonio (non verificato) replied:

Hai dimenticato i capelloni, le minigonne, la musica beat e, perchè no?i giovani che si baciano per la strada....

Antonio (non verificato) said:

Ci vuole una bella mente sgombra da altri pensieri ed un bel po' di tempo da perdere per mettersi ancora a dissertare su una leggina così ovvia e doverosa...e, egregia redattrice, sa che se qualcuno nel centrodestra davvero decidesse anche solo di discutere sull'argomento, spaccherebbe la coalizione, dato che tanti sono d'accordo sulle unioni civili?ha letto che Berlusconi si è tanto risentito con i giornali per essere stato "frainteso", lui che è così liberale, paladino dei "diritti acquisiti"?!?

Daniele (non verificato) said:

Gentilissima Assuntina,
tutto il suo percorso pregresso le rende onore e le confesso che la seguo con molta attenzione e sono con lei specie in quelle battaglie sui principi non derogabili.
Mi stupisce o meglio mi crea confusione che poi lei però caldeggi e assicuri il suo voto a personaggi che non hanno esitato a cambiare casacca e solo grazie a loro il nostro Paese ha dovuto sopportare per 5 lunghi anni questi soggetti abusivi e falsi.
Lupi, tra l'altro è stato abbandonato proprio da chi lo aveva portato agli allori, quella CL che ora si defila che ha fatto affari con i migranti come le cooperative e che in modo oserei dire scandaloso, dopo aver appoggiato in modo chiaro Sala a Milano ora dopo le sberle ricevute si astiene, almeno così dicono, dalla politica attiva!
In conclusione, la continuerò a seguire, le sarò vicino, e con me la mia famiglia nelle sue ardite e temerarie ma utili e necessarie battaglie per i principi non negoziabili ma purtroppo non la seguiremo nel voto, per questi signori. Di sicuro non voterò a sinistra ne stia certa!

Angelo Enrico D'ELIA (non verificato) said:

Cara Assuntina,mi faccio spesso una domanda:ma perchè concordo sempre al 100% sul pensiero di Assuntina MORRESI?Saremo forse degli incorregibili visionari appassionati al Vero?

claudio baleani (non verificato) said:

Perché sembra che vi abbiano rinunciato in partenza? Perché la maggior parte degli italiani la pensa come la Cirinnà, salvo che sulle adozioni. Su quello no, ma anche lì i numeri stanno lì vicini. Chi se la sente di fare una campagna elettorale "etica"? Nessuno, salvo il favoloso popolo della famiglia che ha preso lo zero virgola. Appoggiare il partito che in teoria sta dalla parte tua non significa che nel caso in cui quello vinca dopo fa quello che dici tu. Non funziona così. Non ha mai funzionato così nemmeno all'epoca della DC. Avevamo il partito dei cattolici al governo e avevamo la scuola più burocratica e statalista del mondo. Il fatto è che in teoria la pesano come te, in pratica no, per niente. Ed è inutile prendersela con Lupi. Ha cercato il male minore e affossare Lupi significa aggravare la situazione.