L'omicidio di Mireille Knoll

Versione stampabile
mireille knoll antisemitismo

Non ci sono dubbi: quello di Mireille Knoll, l’85enne morta nell’incendio della sua abitazione, a Parigi, è stato un assassinio. Sulla tremenda verità emersa dall’autopsia del corpo della donna, devastato da 12 pugnalate, pesa una pesante aggravante, forse il più sconcertante dei moventi: l’antisemitismo. Mireille era ebrea. Il destino le ha risparmiato l’orrore della Shoah quando, grazie al passaporto brasiliano della madre, nel 1942, riuscì a fuggire al rastrellamento del Velodrome d’Hiver, una massiccia operazione della polizia nazista che, in pochi giorni, portò all’arresto di 30 mila ebrei parigini, di cui almeno 4 mila erano bambini. La donna ha scelto di rimanere nella sua amata Parigi anche dopo la guerra, ha sposato un uomo, anche lui ebreo sopravvissuto all’Olocausto, e ha messo su famiglia. L’odio razziale a cui era scampata da bambina è tornato a bussare alla sua porta dopo quasi 70 anni, ma questa volta non c’è stato nulla da fare.

I balordi, a quanto pare, si sono forzatamente introdotti nella sua abitazione, un modestissimo appartamento popolare dell’undicesimo arrondissement, e l’hanno barbaramente pugnalata fino a farla morire. Poi, hanno appiccato l’incendio. Gli inquirenti hanno temporeggiato un po’ prima di far sapere che la follia omicida era mossa da odio antisemita. Per qualche giorno hanno seguito la pista del furto aggravato; poi è venuto fuori che la vittima aveva recentemente presentato un esposto contro un vicino che l’avrebbe minacciata di farle bruciare la casa. La dinamica del delitto ha richiamato alla mente un altro omicidio a sfondo razziale, quello di Sarah Halimi, una donna ebrea uccisa nell’aprile del 2017 dal vicino musulmano.

Non si hanno ancora molti dettagli sull’identità degli uomini che la polizia ha posto in stato di fermo. I telegiornali si affrettano a sottolineare che l’omicidio si è consumato nel segno della persecuzione nazista, quella che rimanda all’estrema destra. Nessuno osa neppure ipotizzare che l’origine di questa tremenda barbarie debba essere invece ricercata nell’odio razziale che i musulmani nutrono verso gli ebrei.

Noi de l’Occidentale l’abbiamo raccontato in diverse occasioni, l’ultima proprio qualche giorno fa: la comunità ebrea francese è vittima di un assedio sempre più serrato e violento da parte dei cittadini di origine islamica. Ormai è rischioso persino denunciare le ingiurie e le minacce che gli ebrei ricevono ogni giorno, perché il rischio è che possano sfociare in vere e proprie rappresaglie. Si preferisce cambiare casa, quartiere, città. Qualcuno decide persino di lasciare la Francia. Il politically correct impone che questi fatti vengano taciuti, o perlomeno raccontati in parte. Nessuno osa puntare il dito contro la comunità islamica, i “nuovi” cittadini che la laicissima Francia multietnica ha il dovere di proteggere.

CommentiCommenti 5

claudio baleani (non verificato) said:

Bene. Sono molto contento di questo articolo, Non potrebbe essere anche il caso di rammentare che l'odio antiebraico è iniziato da noi e non dai mussulmani? Non sarà il caso di essere meno fanatizzati con questa guerra contro il "politicamente corretto", non essendo una alternativa il "politicamente scorretto"? Intanto una povera vecchia è morta, probabilmente vittima della scemenza che vede cospirazioni mondialiste degli ebrei.

Eliseo Malorgio (non verificato) replied:

Scemenza sarà l'approvazione delle attività SION ISTE TALMUDISTE E DEGLI ADORATORI DELLA STELLA A CINQUE PUNTE oltre a quella dei SOSTENITORI DELLA PRATICA DEMENZIAL CRIMINALE DELLE BANCHE (micidiali distruttori dell'economia delle nazioni a vantaggio della ricchezza dei banchieri e loro camerieri.

Eliseo Malorgio (non verificato) said:

Qualcuno con limitata conoscenza della storia del passato si chiederà:
"Ma da dove nasce tanto odio contro il popolo giudaico?"
A questa domanda si può trovare risposta nell'articolo di Maurizio Blondet apparso in questi giorni sul site Blondet e friends: "Israele alla fase "Terminator". Nell'articolo sono riportati gli atti criminali dei soldati di Israele, responsabili di inaudite crudeltà contro la popolazione civile di Gaza indifesa e specialmente contro bambini e bambine che vengono torturati, violentati incarcerati feriti e lasciati morire in carcere vittime di odiosi e incredibili violenze e abusi commessi tra l'indifferenza dei giornali ovviamente finanziati da questi complici e camerieri di tali criminali.
Vi è una spiegazione ad una talre assenza di umanità? Si può intendere soltanto accettando la differente mentalità di questa razza, la quale si comporta esattamente come un animale feroce contro un agnello indifeso: avendo nel proprio bagaglio culturale che "Il diritto risiede nella forza" e non nell'umanità né nei principi del diritto romano e cristaiano: "Neminem laedere"
ma dei questo voi, giornalisti cristiani di questo bellissimo giornale, di questo argomento non fate alcun cenno, pena l'esser dichiarato "antisemita" o "fascista" o "negazionista" e per questo passibili di prigione, di torture, di maltrattamenti... o no?
Ovvio, perchè non si può dire la Verità sui comportamento dei satanisti "padroni del mondo", ancora per poco. Verrá quindi il Cristo afar giustizia di questi miserabili torturatoiri e assassini di innocenti.