Pressing sull'Ue

Versione stampabile
terremoto l'aquila tasse

"La scabrosa vicenda della restituzione delle tasse all'Aquila richiede un intervento su almeno due fronti". Lo ha detto il senatore Gaetano Quagliariello, leader di 'Idea', a margine della riunione convocata all'Aquila presso la Regione Abruzzo con tutti gli attori istituzionali del territorio. "Da un lato - ha affermato Quagliariello - bisogna fermare le azioni di recupero guadagnando il maggior tempo possibile affinché l'Unione europea, sulla quale il pressing deve essere fortissimo, possa riconsiderare una decisione a dir poco surreale, che in nome del mercato e della concorrenza rischia di buttare fuori dal mercato gli operatori economici di un territorio in difficoltà. Dall'altro lato non va arrestata l'interlocuzione col governo affinché per la soglia di irrilevanza dell'aiuto, il cosiddetto 'de minimis', venga applicato il parametro del 'temporary framework', e dunque 500mila euro. L'interpretazione restrittiva della UE è infatti circoscritta a una nota a margine, e dunque ben può essere superata da una diversa interpretazione che per applicare il 'temporary framework' tenga conto della serie storica dei provvedimenti e della datazione degli stessi. Ne va del futuro dell'Aquila - ha concluso il senatore di 'Idea' - e della dignità del nostro Paese".

CommentiCommenti 5

Eliseo Malorgio (non verificato) said:

Egregio Dott Quagliariello,
Lei osserva la condotta e i successi di ordine: politico, economico militare, strategico e quant'altro del formidabile Putin?
Ma donde ha origine tanto spettacolare successo su tutti i fronti e, all'opposto, tante ridicole e penose sconfitte dell'Europa governata dai burattini di Sion?
Lei ricorda le vicende cantate dal vecchio Omero sulla guerra di Troia, forse di 11 mila anni fa?
In quelle vicende, gli dei greci Athena, Poseidon, Zeus, ecc,, schgierati ora da una parte, ora dall'altra a sostegno dei protagonisti umani, degli eroi di quel conflitto, hanno tuttora molto da insegnare ai protagonisti delle vicende politiche dell'Italia di oggi.
Al di sopra della Massoneria, del mondo delle banche, della pietosa classe politica italiana (Renzi, Gentiloni, Letta, Monti, Grillo, coi loro mentori "europei",vi è il sostegno della "virtù" della "stella a cinque punte col vertice verso il basso, inscritta in un cerchio", mi sono spiegato?
Nelle mani di questo potere, l'inerme popolino italiota, soggiogato dall'avidità di denaro, dalla lussuria, e da ogni altro vizio capitale, è completamente disarmato
Se invece, in opposizione alle forze suddette si ricorresse alla Potenza dello Spirito Santo, di Gesù Cristo, della Vergine Maria, e della Comunione dei Santi, Le forze oscure che stanno distruggendo il nostro Paese non avrebbero alcuna chance.
Queste considerazioni, che ad un osservatore superficiale possono apparire persino bigotte, le conosce invece alla perfezione l'eccellente Vladimir Putin, il quale, a dispetto delle "autorità cattoliche" che a suo tempo ignorarono le esortazioni della Vergine apparsa a tre innocenti pastorelli in località di montagna in Portogallo nel 1917, ebbene dicevo, il primo ministro russo, pur essendo comunista, fece CONSACRARE IL SUO PAESE AL NOME DELLA VERGINE MARIA, esortazione ignorata dai papi in Italia, i quali ebbelo la faccia tosta di censurare le parole della Vergine, affinchè non venisse fuori il messaggio "segreto". Putin ripristinò il culto cristiano ortodosso, riaprì le chiese ed i conventi che erano stati devastati dalla rivoluzione bolscevica e dai sionisti dell'epoca, e sta ora mettendo in ridicolo e dettando legge agli attoniti agenti anglo franco Usraeliani nei territori in guerra del Medio Oriente.
N'est ce?

Eliseo Malorgio (non verificato) replied:

Errata corrige:
Vicende della guerra di Troia risalenti a 11 secoli fa, non a 11 mila anni fa.

Eliseo Malorgio (non verificato) replied:

Ho fatto una terribile onfusione con le date. Prego scusare: La guerra di Troia risale a circa nove seculi prima di Cristo. Poi da Cristo ad oggi altri venti secoli:: Totale 29 secoli fa. Questo il tempo che ci separa da quelle vicende.
Incredibile come è facile fare errori in questi casi. "Profondo è il pozzo del passato" e insondabile, diceva Thomas Mann.