Abruzzo sul piede di guerra

Versione stampabile
terremoto l'aquila ue tasse

Trenta giorni di tempo per restituire le tasse sospese dopo il terremoto dell’Aquila dell’aprile 2009. Per 350 imprenditori la richiesta da parte della Commissione europea giunge, come si suol dire, “tra capo e collo” e rischia di tramutarsi in una nuova stangata per l’economia abruzzese che ancora stenta a riprendersi dopo la catastrofe non solo materiale provocata dal sisma.

Da Bruxelles non vogliono sentire ragioni: la Commissione Europea ha scelto di aprire una procedura d'infrazione per "aiuti di Stato", bocciando di fatto la sospensione del pagamento delle imposte che ammontano a circa 75 milioni di euro. Non bruscolini, dunque. Un problema che, per la verità, va avanti da 9 anni, di governo in governo, ma che ora necessita di essere affrontato di petto.

Intanto a L’Aquila tutti sono sul piede di guerra: dalle istituzioni locali alle associazioni di categoria ai sindacati, tutti hanno annunciato manifestazioni e misure anche clamorose pur di impedire il pagamento. Imprese e partite Iva hanno già presentato ricorso al Tar dell'Abruzzo: i giudici amministrativi si riuniranno a L'Aquila il prossimo 18 aprile. La giunta regionale, invece, ha convocato un summit con tutti i soggetti coinvolti per stilare un piano d'azione istituzionale concertato con la politica e le associazioni del territorio ad ogni livello.

E in Parlamento c’è chi si è mosso con anticipo. Come abbiamo anticipato sull’Occidentale, alcuni giorni fa i senatori Gaetano Quagliariello (Idea), Alberto Bagnai (Lega) e Nazario Pagano (Forza Italia), tutti eletti in Abruzzo, hanno presentato un'interpellanza parlamentare per chiedere al governo di "attivarsi con la massima urgenza, sollecitudine e risolutezza" in Europa per "riaprire le negoziazioni sulla procedura d'infrazione" relativa alla sospensione dei tributi. Una decisione, quella della UE, che secondo i senatori "non considera che i costi subìti da un territorio colpito da un sisma come quello del 2009 in Abruzzo non sono computabili soltanto in danni materiali, bensì anche in danni immateriali derivanti dal blocco di un'intera economia, degli apparati istituzionali locali e dal grave fenomeno di spopolamento conseguente alla distruzione di interi paesi e comunità". Le agevolazioni fiscali, infatti, non implicherebbero dunque nessuna "alterazione della concorrenza", ma solo "un risarcimento rispetto a un danno subìto, esso sì in grado di falsare e minacciare il mercato concorrenziale".

Eppure, oltre ad attivare alla svelta un canale di trattative con i vertici europei, il governo può già fare qualcosa: assicurare cioè l'applicazione della soglia di irrilevanza dell'aiuto, il cosiddetto de minimis, secondo i parametri del Temporary Framework, vigente all'epoca del terremoto, considerando come soglia dell'ammontare massimo quella di 500mila euro. Alzare quest’ultima significherebbe mettere in salvo tutte le aziende, in attesa che arrivino segnali distensivi anche da Bruxelles.

CommentiCommenti 3

Eliseo Malorgio (non verificato) said:

Dal tenore di questo articolo si direbbe che il redattore si sarebbe aspettato un'atteggiamento "umano" da parte della UE.
Lei sa che cos'è la UE sig. Ferrero?
UE, l'UNESCO, l'ONU, il FMI, la BM, et ceteram, di umano non hanno proprio un fico secco. Sono seguaci della menzogna e della morte
Si tratta invece di una società segreta (ma per quale ragione segreta se sono dediti ad interventi umanitari ?).
Si tratta di una "società" che ha obbiettivi molto diversi dai principi del diritto romano "Neminem laedere" (non danneggiare nessuno) e molto diversi anche dall'odiato insegnamento cristiano. Il loro motto è invece "Il diritto risiede nella forza" (Il lupo azzanna gli agnellini... e... tanti saluti).
Prego sig Ferrero legga con attenzione, parola per parola il testo dei famosi "protocolli", e vedrà il ritratto precisissimo di quel che accade oggi in Europa e specialmente nel nostro Paese.
Che cosa ci vede lei di strano nell'aborto, (strage di innocenti) nell'eutanasia, nei vaccini obbligatori e letali, nelle scie chimiche dirette ad avvelenare le colture le acque ed il clima, nella promozione dell'omosessualità (cioè di un disturbo psichiatrico), e di ogni tipo di aberrazione sessuale, della pederastia e della pedofilia, nella promozione delle droghe, e di ogni altro disordine morale classificato dalla tradizione cristiana come "vizio capitale", come lussuria, avidità ecc, E le invasioni banbariche (per le quali i barbari devono avere la precedenza prebende e privilegi, mentre i cittadini italiani devono essere appunto saccheggiati, con la benedizione di governi e di magistrature di traditori?), in ossequio al piano Kalergi creato per distruggere la civiltà cristiana?
Non vede che si deve cancellare e dimenticare il nome di Cristo, (loro scomodo nemico) ?
Non vede sig Ferrero che è in atto a marce forzate il piano perfetto di destabilizzazione della nostra civiltà esattamente come accadde in Russia nel 1917con la rivoluzione bolscevica?, ad opera di personaggi della stessa categoria e formazione di coloro che oggi finanziano il suo giornale e pagano il suo stipendio?