Libertà, questa sconosciuta...

Versione stampabile
manifesto pro vita aborto

“Il manifesto affisso a Roma da Pro Vita è stato oscurato: questo è il concetto che grillini e Pd, Raggi e Cirinnà hanno della libertà di espressione.” Lo dichiara la parlamentare di IDEA, Eugenia Roccella.

“Inutile ricordare ai nuovi censori che – continua – il diritto di parola, fondamentale in democrazia, va difeso anche e soprattutto quando questa parola non ci piace, quando il pensiero espresso è diverso, magari opposto, al nostro. Il manifesto è stato rimosso perché “lesivo dei diritti individuali”: ma in che modo l’immagine realistica di un feto di 11 settimane può ledere i diritti di qualcuno? Dopo il massacro di Parigi, in tantissimi hanno rivendicato la libertà di parola dichiarando: “Je suis Charlie“. Oggi gli stessi, se non sono in malafede, dovrebbero protestare con forza contro questa aggressione illiberale al diritto ad esprimere le proprie idee,  dichiarando: sono io  quel bambino non nato, sono io la creatura di poche settimane raffigurata nel manifesto cancellato.”

CommentiCommenti 5

Eliseo Malorgio (non verificato) said:

Sacrosante parole le sua Signora Roccella. Dobbiamo lasciare il diritto di parola anche a chi non la pensa come noi. Tuttavia, in tal caso, è necessario e giusto lasciare spazio anche alle repliche eventuali, specialmente se supportate da principi morali universali, come quelli della Civiltà Cristiana.
Sfogliavo in questi giorni una mia vecchia antologia della letteratura italiana e vi ho incontrato alcune frasi estratte dalle "Osservazioni sulla morale cattolica" di Alessandro Manzoni e che faccio senz'altro mie:
" L'uomo che legge il Vangelo sente nel suo cuore la Divinità di esso. L'uomo è confuso e afflitto nello scoprire nel suo significato una contrarietà ad esso. L'uomo che vorrebbe almeno essere animato dal giudizio concorde degli uomini. L'uomo che cerca invano questa testimonianza nei libri e nelle conversazioni umane, entri un giorno nella povera chiesa di un qualunque villaggio.
Gli uditori rozzi, non certo abituati a discussioni metafisiche, stanno però aspettando una Voce che parli loro di quel che è più inportante nell'uomo: nel più colto come nel più ignorante: che parli loro dell'anima, del fine per cui fummo creati, della moralità delle azioni, della Divinità".

silvo (non verificato) said:

Un grande plauso a Eugenia Roccella !!! brava! Facciamone un "Manifesto " e che tutti gli uomini liberi lo sottoscrivano !!

silvo (non verificato) said:

è sempre il solito ritornello, la libertà di espressione vale qundo ci si appellano i "compagni" ma non per tutti gli altri, che anzi facciano attenzione a non infrangere i "dogmi" del politically correct. Il logico, il sensato, l'ovvio buon senso democratico non sono riconosciuti dai "compagni", pronti a linciare chi sta fuori dal loro coro !! Dài, sig.ra Roccella, faccia seguito con una bella petizione ovvero un manifesto per la vita, vedrà che raccoglierà un numero inaspettato di adesioni !!