Altri 265 milioni di Euro a favore di Itavia

Versione stampabile
ustica_giovanardi

"La Cassazione Civile con sentenza passata in giudicato ha ulteriormente ribadito che gli Italiani dovranno sborsare altri 265 milioni di Euro a favore di ITAVIA per una battaglia aerea che la Cassazione Penale con sentenza passata in giudicato ha stabilito non essere mai avvenuta, accertando al di-là di ogni dubbio che nessun missile ha mai colpito il DC9 dell'ITAVIA". Lo dichiara il senatore Carlo Giovanardi (Idea-Popolo e Libertà). 

"Nel corso del processo penale - continua - è stata depositata una perizia, firmata da 11 dei più autorevoli esperti mondiali in cui si certifica che il DC9 ITAVIA è esploso a causa di una bomba collocata nella toilette di bordo, mai smentita da perizie successive"

"L'associazione "Per la verità su Ustica" presieduta dalla signora Giuliana Cavazza, che perse la madre nella tragica esplosione del DC9, - conclude - continuerà a battersi perché l'italia non continui ad essere dileggiata in tutto i mondo per queste incredibili contraddizioni". 

CommentiCommenti 4

Marco (non verificato) said:

Che sia stato un missile o che sia stata una bomba, il risultato non cambia: sono mancati dei controlli che dovevano essere garantiti da organi di controllo dello Stato.
L'Italia ha già fatto una bruttissima figura portando avanti questo processo per 38 anni, cercando in tutti i modi di dare le responsabilità ad altri soggetti non collegati con il governo, ma ora è stato sancito che è mancato il controllo.
Il solo fatto di non avere tracciati radar della zona che potessero dimostrare cosa fosse successo basta per dare senso al concetto di mancato controllo e dare quindi la responsabilità allo Stato.

Giulio Dante Guerra (non verificato) replied:

Lo Stato è un'astrazione, i cittadini-contribuenti persone reali e concrete. Perché io, Giulio Dante Guerra, nato a Lucca il 13/9/1946, devo risarcire, con le tasse che pago, le vittime d'un disastro aereo in cui non ho nessuna responsabilità? Paghino, di tasca loro, i veri responsabili, chiunque siano.