#IoStoconSilvanaDeMari

Versione stampabile
silvanademari_denunce

Tutto rinviato al 14 settembre. Si è conclusa così la prima fase del processo contro la dottoressa Silvana De Mari, accusata di diffamazione per alcune dichiarazioni pubbliche in cui aveva equiparato l'omosessualita' a una malattia. Il Comune di Torino è tra i soggetti che n tribunale, hanno chiesto di costituirsi parte civile nel processo. A denunciare la dottoressa era stato il Torino Pride. La procura di Torino aveva chiesto l'archiviazione del procedimento sostenendo che non era possibile individuare un bersaglio specifico delle frasi offensive ma il gip Paola Boemio aveva ordinato di formulare un capo di imputazione. 

Nel frattempo la campagna di solidarietà a Silvana De Mari, in difesa della libertà di espressione e contro la dittatura del politicamente corretto continua. 

CommentiCommenti 6

Rosanna Curatelli (non verificato) said:

Io sto con Silvana De Mari !!

Marco Casadei (non verificato) said:

qui non è in pericolo la libertà di espressione, questa vicenda kafkiana mette in pericolo il buonsenso comune delle cose. Solidarietà e rispetto per Silvana De Mari. Compassione per coloro che la accusano in quanto non sanno quello che fanno.....

ANTONIO (non verificato) said:

NELL'EPOCA DELL'INGANNO UNIVERSALE DIRE LA VERITA' È UN ATTO RIVOLUZIONARIO.
IO STO CON SILVANA DE MARI !

Antonella Costantino (non verificato) said:

Processo assurdo,appoggio la Dott. Silvana de Mari