In Spagna

Versione stampabile
matrimoni gay

“Una volta gli ambasciatori erano famosi per le loro doti diplomatiche e le capacità di svolgere sobriamente il loro difficile compito. Non sembra corrispondere a questo profilo l’ambasciatore d’Italia in Spagna Stefano Sannino, attivista LGBT, che secondo notizie di stampa ha celebrato presso l’ambasciata d’Italia a Madrid un matrimonio tra due imprenditori spagnoli con tanto di ‘auguri di figli maschi’”. Lo dichiara l’ex sottosegretario con delega alla famiglia del Governo Berlusconi Carlo Giovanardi. “Sarebbe bene ricordare – continua Giovanardi- che: la nostra sede diplomatica è territorio italiano dove sono state riconosciute le unioni civili ma non i matrimoni gay; gli “sposi” erano spagnoli e non italiani; l’Ambasciata è stata utilizzata per un raduno di trans, omossessuali e lesbiche in un evento non di rappresentanza. A questo punto – conclude Giovanardi - ci aspettiamo che il Governo sposti l’ambasciatore Sannino in un ruolo dove non si possa confondere l’utilizzo di un pezzo d’Italia all’estero con le proprie opinioni personali in piena collisione con la nostra Costituzione e il nostro ordinamento giuridico”. 

Per firmare l'appello clicca qui: 

https://www.loccidentale.it/articoli/146784/nozze-gay-in-ambasciata-firm...

CommentiCommenti 8

Giuseppe Grana (non verificato) said:

L'allontanamento mi sembra il minimo che si debba fare.

Alessandro Magiera (non verificato) said:

Vicenda indecente da denunciare alla Farnesina

Carmen Gomez (non verificato) said:

D'accordo. E' una vergogna

Franco faggian (non verificato) said:

Indecente !.

maurizio orsini (non verificato) said:

il denaro dei contribuenti non deve essere impiegato per sostenere ambasciate usate per festine private dell’ambasciatore.

Annalisa Peracchio (non verificato) said:

Siamo contrari alla strumentalizzazione ideologica e faziosa dell'ambasciata italiana all'estero. Che si occupino dei loro ruoli reali. Grazie