Gasparri e Quagliariello

Versione stampabile
Eutanasia-Eugenia-Roccella-biotestamento-cattolici-Renzi-Gentiloni

“Il ministro della Salute Giulia Grillo, con adamantina chiarezza, ha reso ancor più evidente ciò che già avrebbe dovuto essere chiaro a quanti hanno a cuore la tutela della vita”. Lo dichiarano in una nota congiunta i senatori Maurizio Gasparri (FI) e Gaetano Quagliariello (Idea) commentando le parole del ministro Grillo pronunciate a margine della presentazione del rapporto sulle cure palliative: "La legge sull'eutanasia è assolutamente prioritaria per questo Paese" ha dichiarato il ministro.

“I fatti – proseguono Gasparri e Qugliariello - sono semplici: la pessima legge della scorsa legislatura sulle disposizioni anticipate di trattamento ha aperto un varco all’eutanasia nel nostro Paese, la Corte Costituzionale ci si è infilata dentro per allargarlo, e i sostenitori della ‘dolce morte’, ben rappresentati anche nell’esecutivo e nella maggioranza, si fanno forti dell’assist giudiziario perché venga portata avanti la propria agenda. Purtroppo, a dispetto dei contratti di governo, fuori dal palazzo la realtà e i tribunali non conoscono ‘moratorie’. Per i difensori della vita stare fermi non significa limitare i danni ma siglare la resa. L’ordinanza della Corte Costituzionale si è innestata sugli elementi eutanasici della pessima legge sul testamento biologico. Per fermare l’eutanasia, dunque, non basta opporsi alle nuove leggi in discussione: bisogna correggere quelle che già ci sono e tappare la falla prima che sia troppo tardi. I nostri disegni di legge, chirurgici e mirati – concludono Gasparri e Quagliariello -, sono già depositati e a disposizione dei colleghi di buona volontà”.  

Aggiungi un commento