Versione stampabile

Hugo Chávez ha deciso che il 27 Maggio l’emittente venezuelana Radio Caracas TV (RCTV) chiuderà i battenti. Oppure, per dirla con il presidente sudamericano, il governo ha deciso di non rinnovare la concessione per l’utilizzo della frequenza su cui trasmette RCTV. Una decisione decisamente “autoritaria”. Soprattutto perché priva di un motivo apparentemente valido. Ufficialmente l’emittente chiuderà perché accusata di “fomentare la guerra psicologica nel popolo venezuelano”, in realtà però c’è un’altra accusa che risale al 2004: la RCTV faceva parte di coloro che sostennero il golpe anti-Chávez. Il tentativo golpista fu appoggiato da diversi media, alcuni decisero poi di smorzare i toni, sposando la politica di riconciliazione proposta dall’esecutivo venezuelano, altri invece non furono dello stesso avviso e decisero di mantenere posizioni apertamente antigovernative: RCTV e Globovisión.

Naturalmente questa decisione ha suscitato le ire del presidente di Radio Caracas, Marcel Granier, che si è rivolto all’Unione Europea e a Washington. Ai primi ha chiesto solidarietà per l’evidente violazione della libertà di espressione, ai secondi l’appoggio necessario per difendere la libertà di stampa dal governo vigente. In una conferenza stampa congiunta con il Partito Popolare Europeo, i Socialisti e i Verdi nel Parlamento Europeo, Granier ha dichiarato che “la minaccia di chiusura tramite la decisione del presidente Hugo Chávez  viola in modo palese l'articolo 13 del Trattato Inter-Americano dei diritti dell'uomo, che proibisce la discriminazione, la gratificazione e la punizione nei confronti dei giornalisti e delle emittenti per la loro posizione” (politica). Mentre nella capitale statunitense si è rivolto al Governo, alla Commissione Intermamericana dei Diritti Umani e all’Organizzazione degli Stati Americani (OEA) affinché “il mondo democratico dica basta alle minacce e alle pressioni di Chávez” che esercita un potere illegale, dal momento che la sua emittente  può operare fino al 2022 in accordo con la legge venezuelana sulle Telecomunicazioni. Due fronti di protesta quindi, uno di carattere istituzionale legato alla libertà di espressione, e l’altro decisamente più personale che si rivolge direttamente al presidente e alla sua politica di governo.

La stessa politica di governo che è stata criticata anche da sei diversi direttivi di altrettante emittenti televisive, che hanno “rifiutato energicamente la decisione del governo venezuelano di revocare la licenza della Caracas Radio Television, una misura che costituisce uno sfortunato precedente dei principi democratici della regione. La proprietà statale delle frequenze radiotelevisive non può diventare uno strumento di restrizione della libertà di espressione e di informazione”.

Al coro di proteste si sono uniti anche migliaia di cittadini che, guidati dal leader dell’opposizione Manuel Rosales, sono scesi in piazza a Caracas per protestare contro il presidente Chávez. “La manifestazione – ha detto Rosales – darà inizio a una ribellione democratica che deve far capire al governo che il popolo sa che Chávez e la sua combriccola vogliono appropriarsi di tutti i mezzi di comunicazione per dirigere il paese”.

La decisione sulle sorti di Radio Caracas Television è attesa per il 26 maggio, ma per quanto intensa sia l’attività per salvare l’emittente di Marcel Granier, è assai probabile che non ci sia nessun cambio di rotta da parte di Chávez, sempre più intenzionato a far tacere la “tv fascista”. Chissà come legge tutta la vicenda la sinistra italiana, che conta soprattutto nell’ala radicale molti “ammiratori” di Chávez, sempre attenti a schierarsi contro le censure, e che invece questa volta non si sono ancora fatti sentire.

CommentiCommenti 8

luca (non verificato) said:

Beh, non sono proprio sicuro che qui in occidente esista una reale democrazia nei media, tanto meno che sia mai esistita in america latina ... so comunque che esiste una nuova televisione, un esperienza da seguire per chi ha a cuore la libertà e dignità della stampa, Telesur, che trova quartier generale proprio a Caracas http://www.telesurtv.net/

Anonimo (non verificato) said:

Tante liberta' sono in pericolo se ci sono delle caratteristiche chiare. Quelle in Venezuela sono chiare come il sole. Lo stato, il governo, e il partito di Chavez sono sotto lo stesso tetto. I poteri legislativi, esecutivo, e gudiziario sono sotto lo stesso tetto. La milizia Venezuolana, le istituzioni amministrative, e le anagrafe sono sotto lo stesso tetto. La casa che sostiene questo tetto appartiene solo a Chavez, non ha porte, solo finistre da cui esce solo una voce, quella del "Comandante". Da sotto si sentono solo urli, quelli del popolo che ha fame, ma questa casa diventa sempre piu' grande, sempre con piu' finestre ma continua a non avere porte.

Anonimo (non verificato) said:

Questa decisioni di Hugo Chavez Frias risponde ad un specifico piano di controllare tutte le comunicazioni in Venezuela come ha espresso uno dei in ripetute occasioni los stesso Hugo Chavez

Marco (non verificato) said:

io sono stato in venezuela e continuo ad avere contatti. Chavez è un pericolo per l'umanità come lo è il presidente dell'Iran suo amico. Mi stupisco come l'Onu non dica niente e come in Italia certe facce toste abbiano avuto il coraggio di farlo arrivare ospite dell'attuale governo, visto che parlano tanto di libertà del popolo..criticare Bush come guerrafondaio per poi accettare Chavez come ospite, significa essere degli ipocriti, imbroglioni, falsi e antidemocratici...andate a vedere...andate...una delle migliori e gentili popolazioni nelle mani di un dittatore che ha ucciso, non rinchiuso, ucciso i suoi nemici politici...

Anonimo (non verificato) said:

Ciao, dovremmo spedire in Venezuela 'la casta' dei giornalisti europei 68-77.
Saremmo finalmente liberi di informarci in pace, sereni, in un'Europa finalmente libera.

pierbucco (non verificato) said:

Questa è la libertà dei compagni comunisti,non vogliono che la gente sappia delle porcherie che combinano (Cina docet)e c'è chi in Italia li ha mandati al potere ,la prossima volta al posto di andate a votare state a casa ,farete meno danno