Reazioni sconsiderate

Versione stampabile
terremoto

"Finalmente hanno avuto anche loro giorni neri. Oh Allah, uccidili e falli vagabondare": ecco uno dei tanti commenti che in questi giorni appaiono di continuo sui siti internet arabi, sui forum e blog islamisti, come sta riportando l’agenzia Adnkronos/Aki.

Fanatici seguaci di al-Qaeda, jihadisti e semplici lettori islamici si sprecano in ringraziamenti e preghiere ad Allah affinché possa continuare l’opera di morte e distruzione derivata dal sisma in Abruzzo. Dopo aver assistito alle tragiche immagini trasmesse anche dalle Tv arabe, si è subito attivato il cancan della rete, palesando i sentimenti di una – speriamo esigua, ma ne dubitiamo – parte del mondo musulmano verso l’Occidente.

"Oh Allah, rendi stabili presso di loro il terremoto e le disgrazie, maledici l’Europa, Israele e gli Stati Uniti", implora Ashiq al-Irhab, nickname che in arabo vuol dire Desideroso del terrorismo, e lo si legge sul forum di al-Falluja, il quale attualmente ospita molte dichiarazioni di questo tenore.

"Oh Allah, fai salire queste cifre, distruggi i nostri nemici e aiuta i musulmani" supplicano i vari utenti, tra cui l’autore di questo post che si fa chiamare Figlio della Palestina. Su alcuni forum, come al-Shura, vengono continuamente aggiornate le cifre delle vittime, e ogni aumento di morti viene salutato dai lettori con la speranza di un suo ulteriore incremento.

Il signor Nureddin al-Zanki così commenta: "La nostra arma è più forte del fucile, è l’arma delle invocazioni e più ne facciamo più aumenta il bilancio delle vittime. È un’arma più forte di quelle possedute da al-Qaeda".

Stessa musica sui forum Ansar e Mujahidin, dove le disgrazie che colpiscono l’Occidente sono sempre state viste – e non fa eccezione questa – come la punizione divina di Allah verso il mondo degli infedeli non musulmani. Ovviamente a fronte di tutto questo non sembra esserci da parte delle autorità islamiche un parallelo e magari superiore atteggiamento di condanna per un tale mal’interpretato fervore politico-religioso, quasi che a imam e mullah esso possa addirittura far piacere, il che non vogliamo credere.

Di contro al succitato comportamento delle comunità arabe ne emerge poi un altro che non è male ricordare. Lo stato democratico di Israele ha una superficie di circa 20.000 chilometri quadrati, ossia inferiore a quella della Sicilia, con una popolazione di sette milioni d’abitanti. Vive in perenne condizione di allarme militare e sociale, sotto minacce insostenibili e impensabili per qualsiasi altro paese civile. Il 6 aprile scorso, tuttavia, il governo israeliano ha offerto spontaneamente tutto il suo aiuto possibile allo stato italiano per l’emergenza terremoto. L’Occidente, dal suo canto, continua a mandare aiuti alle organizzazioni palestinesi conniventi col terrorismo...

 

CommentiCommenti 12

Francesco Mangascià (non verificato) said:

Gli comprassero un computer pure a quelli di Guantanamo,coi soldi nostri...

Anonimo (non verificato) said:

Che gentaglia non meritano neppure la "religione" che pregano.

Anonimo (non verificato) said:

Chi gioisce di un dramma non ha avvenire, il fanatismo è destinato a crollare perchè fondato su dei valori cedevoli che prima o poi cadranno sotto l' urto dell'amore. Oggi sono orgoglioso di essere italiano, oggi sono orgoglioso di un popolo come quello abruzzese che ha dimostrato una dignità una compostezza morale che alcuni mendicanti dell'islam dovrebbero umilmente riconoscere e plaudire , piuttosto che dileggiare e schermire. In abruzzo i morti appartegono ad un'intera nazione, che piange e soffre insieme ai loro cari. Dio perdona questi miserabili che ignorano il valore delle parole. Siamo un popolo superiore a voi, la storia lo certifica, e vi batteremo perchè difronte alle tragedie riconosciamo il dolore. Pezzenti!

mauro (non verificato) said:

Questi anatemi islamici più che ignobili sono ridicoli. Non passa settimana senza qualche decina di morti islamici ammazzati da altri islamici in qualche moschea, non abbiamo neanche bisogno di impegnarci a rimandargli gli accidenti. E Allah in veste di Dio della Vendetta dev'essere ignorante come i suoi accoliti se scuote gli innocenti Abruzzi invece della Satanica Faglia di Sant'Andrea in California. Se poi ci mettiamo d'impegno, comunque, Marocco, Iran, Algeria, Turchia, Pakistan e Indonesia sono in zona tettonica rossa: occhio, che gli anatemi occidentali di rimando portano una sfiga da paura.

tacitus (non verificato) said:

Neanche questo servirà ad insinuare qualche dubbio
nelle menti (?) degli oltranzisti del multiculturalismo e del politically correct.
Sveglia Italia, sveglia Occidente ! Una convivenza
pacifica fra Cristianesimo ed Islam è una puerile
utopia.

Pisolo (non verificato) said:

Vogliamo finalmente tutti, ma proprio tutti, dare ragione alla Fallaci?

Ritvan Shehi (non verificato) said:

Per par condicio informo il sig. Nardi di quanto segue:

"Anche l’UCOII, Unione delle Comunità e organizzazioni islamiche in Italia, si è prontamente mobilitata allestendo, ad Ancona, la “Moschea della fratellanza”, per dare accoglienza a tutti gli sfollati."
Fonte: Agenzia Fides; MISNA; Corriere della Sera.(http://www.poim.it/vis_news.php?id_art=232)

Inoltre, "l'islamica" Albania, tramite il suo Premier "islamico" Sali Berisha ha offerto per i terremotati 50 000 euro. Quando gli USA "cristiani" ne hanno offerti...50 000 dollari.

P.S. Mi raccomando al Comitato Di Redazione di censurare anche questa mia, in puro stile "Occidentale".

Anonimo (non verificato) said:

E allora? Chi mi dice che il loro cordoglio è sincero?
Si può sempre fingere!
Devono mostrarsi buoni anche se poi non lo sono poi tanto!
Ricordo che quelli dell'UCOII sono gli tessi che hanno paragonato Israele ai nazisti quindi di loro non mi fiderei.
E comunque quelli dell'UCOII non vengono mai nominati quindi il suo commento mi sembra al quanto fuori luogo!
Piuttosto non ha altro da aggiungere visto l'agghiacciante contenuto dell'articolo?

Andrea (non verificato) said:

che dire.... cominciamo a cacciarli via tutti e tornassero a campare e morire nei loro paesi..

ABN (non verificato) said:

Che la maggior parte dei musulmani siano persone caritatevoli e non facciano parte di queste congreghe di fanatici jihadisti è quanto si spera. Che lo sia anche l'Ucoii sarebbe auspicabile.