Tutte le news

Versione stampabile

Il senatore Alfredo Mantovano, ha presentato una mozione al Senato con la quale chiede al governo italiano di esprimere al vertice di Hamas e al Governo dei Territori preoccupazione e condanna per l’omicidio di Rami Ayyad.

Ayyad è stata ucciso perchè ritenuto “colpevole” di essere un cristiano di culto evangelico e il gestore della “Libreria protestante della Sacra Bibbia”, nel rione Zaitun di Gaza.

Nella mozione si ricorda che nei mesi scorsi Ayyad e vari esponenti delle poche comunità cristiane rimaste in Palestina avevano ricevuto minacce di morte. Hamas - sostiene Mantovano in un comunicato- pur assicurando oggi che i responsabili del crimine saranno catturati, tuttavia non ha assunto alcuna iniziativa per proteggere la vittima, e anzi ha contribuito pesantemente ad accentuare il clima di ostilità e di odio verso chi pratica una fede diversa da quella islamica. Ciò mentre il governo italiano continua a mantenere un atteggiamento di ambiguità verso Hamas: basta ricordare prosegue - le parole più volte pronunciate dal ministro degli Esteri D’Alema circa la legittimazione del voto ricevuta dai dirigenti del movimento, quasi che essa impedisca all’Italia e all’Europa di valutare il disprezzo dei diritti umani nelle zone che Hamas governa, e il contributo attivo di tale organizzazione ad attività terroristiche. Per questo il senatore chiede che l’Italia si renda promotrice in sede Ue di una azione seria, organica e non occasionale, tesa a tutelare le minoranze cristiane in Palestina, e comunque la libertà religiosa, ponendo il rispetto di quest’ultima quale condizione ineludibile per ogni tipo di aiuto al governo palestinese.

Aggiungi un commento