Tutte le news

Versione stampabile

La legge Prodi-Levi intende creare un controllo burocratico nei confronti di chiunque pubblichi un sito o un blog online, anche senza fini di lucro: “sarebbe la fine di internet in Italia”, dice Beppe Grillo, che sarebbe costretto “a trasferirsi in un paese democratico”.

Ecco come il comico genovese spiega la nuova proposta di legge-censura su internet: “ Palazzo Chigi ha approvato un testo per tappare la bocca a internet e nessun ministro in Cdm si è dissociato. La prova? La legge Prodi-Levi prevede che chiunque abbia un sito debba metterlo sul Roc dell’autorità delle comunicazioni, produrre certificati e pagare soldi anche se non lo fa a fini di lucro. Il 99 per cento del blog chiuderebbe. Il restante 1% risponderebbe, in caso di reato, di omesso controllo e incapperebbe negli articoli 57 e 57 bis del codice penale. In pratica, galera sicura. Se questa legge passa, sarà la fine della Rete in Italia. Io sarò costretto a trasferirmi in un Paese democratico”.

Risponde Ricardo Franco Levi: “Noi vogliamo creare le condizioni per un mercato libero, aperto e organizzato. Censure? Controlli dall’alto? Macché. Infatti il testo prevede l’abolizione della registrazione presso i tribunali, fino ad oggi obbligatoria per qualsiasi pubblicazione, e sostituirla con una più semplice notifica presso il registro degli operatori della comunicazione tenuto dall’Agicom”.

Si scatenano intanto gli utenti del sito “Beppe-Grillo.it” che hanno postato migliaia di commenti sull'argomento, ne riportiamo di seguito alcuni.

-“La migliore risposta possibile è fare causa ai responsabili dei maxi danni che dovremo pagare(3MLD di euro) noi perché il parlamento si ostina a mantenere rete 4 in chiaro!

FACCIAMO CAUSA AI PARLAMENTARI CHE COSTITUISCONO IL PARLAMENTO!

NOI ELETTORI NON AVEVAMO LA POSSIBILITà DI SCEGLIRE CHI ORA CI RAPPRESENTA! NON POSSIAMO E NON DOBBIAMO PAGARE PER LORO!

SE CI SONO AVVOCATI CHE RITENGONO FATTIBILE UNA CAUSA DI QUESTO TIPO E CHE HANNO LE PALLE PER NON FARSI COMPRARE FATEVI AVANTI!

SE CI SONO PERSONE D'ACCORDO CON ME FACCIAMO UNA BELLA RACCOLTA FONDI E ANDIAMO FINO IN FONDO!

NON PROSEGUIAMO A NASCONDERCI DIETRO L'ANONIMITà MA LOTTIAMO PER LE GIUSTE CAUSE!”

-Che io sia maledetto se tornerò a votarli.

-Bravi! Bravi 3 milioni di pecoroni che sono andati alle primarie a rendere omaggio a questi 4 sciacalli!

Adesso avremo il benservito.

Che popolo di pecoroni!

Bah

-“Reporter senza frontiere”: l’Italia nella classifica sulla libertà di informazione è solo al 35 posto nel mondo, collocata tra Bosnia Erzegovina e Macedonia e dietro a tutti i Paesi del vecchio continente...

Si può proprio dire che ... siamo alla frutta ! :))

-SCOMMETTIAMO

che stasera i tg rai non daranno notizia di questo fatto ?

Riparleremo poi della questione se la Rai é solo uno strumento del Governo del momento o se é realmente un organo di informazione imparziale. Di sicuro, questa notizia non sta passando inosservata, ergo non potranno dirci che non ne hanno parlato perché "non rilevante" o cose del genere.

CommentiCommenti 3

Lo psicologo (non verificato) said:

Roba da film demenziale.

O da terzo mondo.

In ogni caso non temete troppo, una follia del genere non passerà in Parlamento.

Mi auguro solo che non ne tirino fuori una delle loro fastidiose tasse.