ARTICOLI

La lotta contro matrimoni forzati e violenze d'onore

La Gran Bretagna e l'incubo di quei "mostri" generati dal multikulti

di Alma Pantaleo
| 06 Aprile 2012

La questione dei matrimoni forzati rappresenta un problema, se non addirittura una vera e propria emergenza in Gran Bretagna. A testimoniarcelo qualche mese fa era stato il rapporto dell’Association of Chief Police Officers. Adesso, a conferma di questi dati, giungono quelli del Forced Marriage Unit (FMU) istituito dal governo come parte di uno sforzo continuo per creare una legge che criminalizzi il matrimonio forzato in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord.

L'uovo di giornata

La beneficenza di Celentano "tra la promessa e l'inganno"

di Alma Pantaleo
| 04 Aprile 2012

A essere sinceri, a noi qualche dubbio su ‘sta storia della beneficenza era venuto. E a distanza di mesi, le polemiche delle ultime ore quel dubbio ce l’hanno risvegliato. Vi ricordate quando poco prima che iniziasse il festival di Sanremo si era sollevato un gran polverone sul più che generoso compenso (si parlava di 300.000 euro a puntata) che Adriano Celentano avrebbe ricevuto - tra attese messianiche, prove blindate e richieste stravaganti - per la sua super ospitata alla kermesse canora? Al tempo, per calmare le acque, il Molleggiato si affrettò a specificare: “Tranquilli, non mi intascherò neppure un euro, darò tutto in beneficenza”. Bene, da fine gennaio ad aprile di settimane ne sono passate parecchie e di quei fantomatici soldi non se ne vede ancora l’ombra.

L'idea lanciata (involontariamente) dal Cav.

Un film su Berlusconi? Hollywood e Twitter hanno pronti cast e titoli

di Alma Pantaleo
| 30 Marzo 2012

Sicuramente sarebbe un #kolossal, come lo hanno hashtaggato su Twitter. È bastato che Silvio Berlusconi dichiarasse: “Prima o poi scriverò un film sulla mia vita” che sul web (e non solo), si è scatenato un vero e proprio toto-nomine per i papabili titoli e attori protagonisti. Vedere (la gallery) per credere...

L'uovo di giornata

Adesso i farmacisti prendono i parlamentari "per le palle"

di Alma Pantaleo
| 30 Marzo 2012

I farmacisti dettano le loro condizioni in fatto di liberalizzazioni e lanciano una provocazione/minaccia che già fa impallidire metà degli italiani (e delle italiane) bisognosi di quell’elisir che fa l’uomo (sessualmente) potente: “Vita dura per noi, niente Viagra per voi”. Ad annunciare questa singolare forma di protesta è stato il Sinafo, il sindacato regionale farmacisti ospedalieri del Lazio – ma appoggiato a livello nazionale –, che nel pomeriggio di ieri ha organizzato un sit-in di protesta davanti a piazza del Parlamento “contro l'iniquità nell'attribuzione dei punteggi ai titoli del servizio dei farmacisti pubblici, che operano negli ospedali e nelle aziende sanitarie locali”.

L'ex superdirettore: "Lascio il Tg4 ma non l'azienda"

Nonostante il divorzio, Emilio vuole restare Fede(le) a Mediaset

di Alma Pantaleo
| 29 Marzo 2012

C’è un tempo per tutto. E arriva pure quello di passare il testimone alle nuove leve. Ma c’è chi a 80 anni suonati ancora non ne vuole sapere di schiodarsi dalla sua poltrona di superdirettore e batte i pugni sulla scrivania a suon di ‘non ci sto’. Sono da poco passate le 21.00 del 28 marzo 2012 quando un lancio d’agenzia riporta una nota di Mediaset che annuncia “in una logica di Rinnovamento editoriale della testata” la fine della storia di Emilio Fede alla guida del Tg4. Ma il giornalista non deve dire addio solo al ‘tiggì’.

L'uovo di giornata

Le confessioni molto poco 'tecniche' di lady Elsa Monti

di Alma Pantaleo
| 28 Marzo 2012

Il governo tecnico si tinge di (giornalismo) rosa. Il rigorosissimo, compostissimo, discretissimo Mario Monti è finito tra le grinfie di Alfonso Signorini. Incredibile ma vero. A consegnarlo alla stampa tutta paparazzi e gossip è stata nientepopodimenoché la donna che da sempre sta al suo fianco: lady Elsa Monti. In dodici (ripetiamo, dodici) pagine di intervista fiume al settimanale Chi, la donna del presidente racconta non solo Monti premier ma anche Mario il marito, il padre, l’uomo. E quasi ci sembra di essere sul set di un film già visto, cambia solo la location (che non è più Arcore).

L'uovo di giornata

Il presidente della Repubblica dei (stra)Fatti Quotidiani

di Alma Pantaleo
| 27 Marzo 2012

Qualche giorno fa Giorgio Napolitano, aveva dichiarato: “Sono una persona molto in avanti negli anni. È necessario passar la mano, è necessario che si facciano avanti altri. Quindi, dopo il maggio 2013 ci potremo vedere di nuovo, quando vorrete, ma sarà da privato cittadino”. Dunque la partita per la  presidenza della Repubblica è ufficialmente aperta. L’annuncio ha, ovviamente, fatto partire surreali quanto assurde toto-nomine. Ma la palma per le proposte più ridicole la detengono senz’altro i lettori del Fatto Quotidiano che due-tre giorni fa, dando la notizia della non ricandidatura dell’attuale presidente della Repubblica, aveva lanciato il sondaggio: “Chi vorreste dopo Napolitano?” . “In meno di 48 ore sono fioccati 2mila commenti, a dimostrazione che il post-Napolitano è un tema sentito, comunque la si pensi” – si vanta oggi il quotidiano.  Sì comunque la si pensi, certo, ma insieme a quei 2mila messaggi sono fioccati nomi che a sentirli ci si incrociano gli occhi. Vedere per credere.

L'uovo di giornata

Diliberto, la maglietta anti Fornero e il video della discordia

di Alma Pantaleo
| 22 Marzo 2012

Altro che “non l’avevo vista”, altro che “non me ne ero accorto”.  Oliviero Diliberto quella scritta La Fornero al cimitero, che campeggiava a caretteri cubitali bianco su nero sulla maglietta della manifestante davanti a Palazzo Chigi, l’ha vista eccome. Non solo perché ce l’aveva sotto gli occhi ed è davvero difficile che una frase tanto brutale e feroce passi inosservata, ma anche perché con quella signora ci ha chiacchierato, scherzato e parlottato per cinque minuti abbondanti.

L'uovo di giornata

Lo Spiegel dà 10 e lode all'Italia, ma solo perché c'è "rigor Montis"

di Alma Pantaleo
| 21 Marzo 2012

Lo Spiegel (ri)dà i voti all’Italia. Sai che novità, quasi verrebbe da dire che ne sentivamo la mancanza. Ma stavolta sulla pagella nessuna sfilza di 2 o 4. Dopo esser stati messi sui ceci per il piatto di spaghetti con  la P38, dopo esser stati definiti codardi sul modello Schettino, dopo esser stati abbondantemente derisi per le foto di Silvio Berlusconi circondato da signorine avvenenti, adesso “lo specchio” degli specchi addirittura ci affibbia un 10. Ma attenzione, il sorprendente bel voto lo dà ad un italiano nello specifico: Mario Monti, “il professore intelligente che salva il paese, e dove possibile anche l'intero vicinato europeo”.

L'uovo di giornata

Per fare notizia a Fli non rimangono che le note (stonate) di Perina e Granata

di Alma Pantaleo
| 19 Marzo 2012

Fli è tornato e prova a stupirci… buttandola in musica. È successo sabato e domenica durante la convention del partito a Pietrasanta organizzata dai futuristi per contarsi e programmare i prossimi passi. Hanno trasformato il convegno in un grande karaoke? Vi chiederete. La risposta è: quasi. Flavia Perina e Fabio Granata, infatti, sono saliti sul palco e hanno messo in scena un’insolita performance dal titolo “È già bellissima” cambiando lo slogan della manifestazione “sarà bellissima” che mutua la nota invocazione di Paolo Borsellino. Il tutto sulle note di Sunday morning dei Velvet Underground. Altro che programmi politici, è il testo della canzone ad essere tutto un programma.

L'uovo di giornata

"Un due tre stella"? No, con la Guzzanti è un due tre noia

di Alma Pantaleo
| 15 Marzo 2012

Un due tre noia. Un due tre tedio. Un due tre catalessi. Udite, udite, ieri sera Sabina Guzzanti è tornata in tv con un nuovo programma su La7. Ma le attese e un’assenza durata lunghi nove anni non sono serviti a ritemprarla, né a liberarla dalle solite ossessioni. L’imitatrice sembra essere rimasta in standby per tutto questo tempo. Se ne ha la prova sin dai primi minuti della trasmissione quando esordisce con: “Che cosa stavamo dicendo, prima di essere interrotti nove anni fa?” . Ma è solo l’inizio di un lentissimo, barbosissimo comizio che riparte da dove era stato censurato quasi dieci anni fa, con la stroncatura della sua precedente creatura, Raiot: la legge Gasparri. Livelli da preistoria.

L'uovo di giornata

Per il Pd la Bindi rischia di diventare "più bella che intelligente"

di Alma Pantaleo
| 13 Marzo 2012

Tutti contro tutti. Soprattutto tutti contro Rosy. In queste ore nel Pd si è scatenata una tempesta di portata eccezionale. Il tema, i matrimoni gay, è quello che da sempre fa arrossire la politica italiana in generale ma che adesso sembra creare imbarazzi anche a quella parte della politica che si dichiara, almeno sulla carta, progressista. Ad alzare il polverone sono bastate due dichiarazioni di Angelino Alfano: una in cui  ribadiva semplicemente la posizione del Pdl sull’argomento – “Noi stiamo con la famiglia, la sinistra sta con i gay” – e un’altra in cui pungolava Bersani&co.: “Se la sinistra andrà al governo, farà quello che hanno fatto in Spagna. Ossia il matrimonio tra uomini, le coppie di fatto”. Parole che hanno aperto il vaso di Pandora del Partito democratico che ha visto tutti i suoi esponenti di spicco scappare come atomi impazziti, rifuggendo l’argomento perché preoccupati di scrollarsi di dosso l’accusa di “zapaterismo” filo-gay lanciata da destra e di tener buona la Chiesa.

L'uovo di giornata

Quei gladiatori con licenza che farebbero impallidire Spartacus

di Alma Pantaleo
| 12 Marzo 2012

Avete presente quei tipi (spesso neppure di nazionalità italiana) che si aggirano in zona Colosseo, vestiti da pseudo gladiatori/centurioni che tampinano senza ritegno i poveri turisti per convincerli a farsi scattare una foto-ricordo al ‘modico’ prezzo di 20 euro? Bene, questi truffatori in costume potrebbero presto essere iscritti ad un vero e proprio albo professionale. Non avete capito male. Stando alla proposta di delibera firmata da Giordano Tredicine (rampollo della famiglia di venditori ambulanti tra le più note ed influenti di Roma), i figuranti entrati ormai da po’ di tempo oltre che nel folklore romano soprattutto nelle cronache per risse, truffe e fastidi a carico dei visitatori della capitale, per ottenere l’autorizzazione del Campidoglio a svolgere la loro attività dovranno avere – come succede per avvocati, ingegneri o giornalisti – un tesserino e indossare una veste identificativa con i colori di Roma.

L'uovo di giornata

Baudo Iena... tristens

di Alma Pantaleo
| 09 Marzo 2012

Alla fine ce l’ha fatta, forse per sfinimento. Pippo Baudo è ritornato in tv. Alle Iene ieri stasera, assieme a Ilary Blasi ed Enrico Brignano, nelle vesti di velenoso giornalista incravattato c’era lui. Se l’accostamento poteva apparire assurdo già in partenza, dopo aver visto lo show si può certamente dire si sia trattato di uno spettacolo davvero triste. Sketch visti e rivisti (in stile Fantastico), battutine da vecchiardo al bar su “quant’è bona la moglie der Pupone”, ballettini legnosi al limite del ridicolo il tutto condito dal solito “L’ho inventato io” buttato qui e lì alla prima occasione.

L'uovo di giornata

La supercazzola di Travaglio, un Fatto (ormai quasi) quotidiano

di Alma Pantaleo
| 07 Marzo 2012

Errare è umano, si sa. Una realtà – quella di essere un comune mortale e sbagliare – che Marco Travaglio digerisce a fatica. Il fatto (non quotidiano) ma travagliesco è presto detto: lui che con cifre e dati si è costruito la fama di distruttore, stavolta si è demolito con le sue stesse parole e la rete grida alla supercazzola. Il velenosissimo giornalista di Servizio Pubblico è finito sul banco degli imputati per aver fatto recentemente una serie di errorini numerici sulla questione Tav, sbrodolati durante la puntata di giovedì scorso della trasmissione di Santoro.

L'uovo di giornata

La lezione a bassa velocità di Saviano sulla Tav

di Alma Pantaleo
| 06 Marzo 2012

C’eravamo quasi meravigliati che sul dibattito Tav non avesse ancora sentenziato. E invece è bastato aprire Repubblica di oggi per consultare il ‘Vangelo secondo Saviano’ sull’argomento. “Bisognerebbe partire da un dato di fatto – scrive –: negli ultimi trent'anni l'Alta velocità è diventata uno strumento per la diffusione della corruzione e della criminalità organizzata, un modello vincente di business perfezionatosi dai tempi dalla costruzione dell'Autostrada del Sole e della ricostruzione post-terremoto in Irpinia”. E fin qui vi direte, niente di nuovo sotto il sole. Ma poi incalza arrivando al punto della questione: “Bisogna avere il coraggio di comprendere che l'Italia al momento non è in grado di garantire che questo cantiere non diventi la più grande miniera per le mafie. Il governo Monti deve comprendere che nascondere il problema è pericoloso”. Insomma per lo scrittore di Gomorra la Torino-Lione porterebbe nient’altro che a una proliferazione incontrollabile del malaffare e per questo non va costruita.

L'uovo di giornata

Per l'Annunziata è facile costringere al coming out chi non c'è più

di Alma Pantaleo
| 05 Marzo 2012

Lucia Annunziata torna a (s)parlare di omosessualità. Dopo il suo recente intervento a Servizio Pubblico di Michele Santoro, quando gratuitamente tirò in ballo l’argomento sostenendo: “Io Celentano l'avrei difeso anche se avesse detto che i gay devono andare al campo di sterminio”, ieri la giornalista ha detto la sua sul funerale di Lucio Dalla, scomparso lo scorso 1 marzo. Mentre a Bologna cari, amici e fans davano l’estremo saluto al cantautore, dagli studi di In mezz’ora, l’appuntamento domenicale di Rai3, la Annunziata lanciava la sua granata: “I funerali di Lucio Dalla sono uno degli esempi di quello che significa essere gay in Italia: vai in chiesa, ti concedono i funerali e ti seppelliscono con il rito cattolico, basta che non dici che sei gay”. E insisteva: “E' il simbolo di quello che siamo, c’è permissivismo purché ci si volti dall'altra parte”.

Ancora nessuna notizia certa sulla cooperante

La falsa liberazione di Rossella Urru è il frutto di un corto circuito mediatico

di Alma Pantaleo
| 05 Marzo 2012

No, Rossella Urru non è libera. La cooperante di 29 anni sequestrata lo scorso 23 ottobre nel campo profughi di Tindouf non è mai rientrata domenica sera in Italia. Sì perché non è mai stata rilasciata. Invece sabato mattina tutti quanti urlavano vittoriosi il contrario dando per certa la news della liberazione. “Rossella è libera”, “Liberata la cooperante Rossella Urru”, si leggeva sulle aperture dei quotidiani, blog, e social network. Ebbene, la notizia si è sgonfiata nel giro di meno di 24 ore. E per un semplice motivo: c’è stato un vero e proprio corto circuito informativo.

L'uovo di giornata

L'horror vacui "da cattivo" colpisce ancora

di Alma Pantaleo
| 01 Marzo 2012

Noi italiani siamo fatti così: siamo culturalmente predisposti alle semplificazioni, soprattutto se si tratta di fare la divisione tra buoni e cattivi. Ruoli che siamo anche molto bravi a estremizzare, vedi l'ormai famoso dualismo Schettino-De Falco. Un esempio pratico di questa teoria antropologicamente tutta nostra ci viene fornito dall’editoriale di Cinzia Leone sul Riformista di oggi.

L'uovo di giornata

Altro che Nobel per la pace, Nobel per la farsa

di Alma Pantaleo
| 29 Febbraio 2012

Che quella del premio Nobel fosse diventata la fiera delle assurdità lo si era capito da tempo. Basta dare un’occhiata alla lista dei 231 candidati dell'edizione 2012 per capire che il Comitato di Oslo non si è smentito neppure quest’anno. Tra i nomi più o meno discutibili ce n'è uno che definire imbarazzante è riduttivo: il soldato dell'esercito statunitense Bradley Manning. Avete capito bene, si tratta proprio di lui, la presunta “talpa” di Wikileaks che mentre si trovava in servizio in Iraq passò documenti top secret a Julian Assange, scatenando una vera e propria bufera nel mondo diplomatico e che adesso vede pendere sulla sua testa come una lama, assieme a 22 capi d'accusa, l’ergastolo.