Carlo Mascio

Quando non sai che pesci pigliare
di
Carlo Mascio
 | 
28 Aprile 2017

L’endorsement piddino a Macron appare sempre più come la rincorsa di un partito in affanno che tenta di affiancarsi all’uomo del momento per vivere di luce riflessa. Perché la “luce propria”, ovvero Renzi, sembra essersi spenta già da un pezzo. Mentre per i socialisti francesi, crollati al 6%, è già buio pesto. 

Rischio flop
di
Carlo Mascio
 | 
27 Aprile 2017

Renzi teme che un possibile flop dell’affluenza alle primarie Pd gli consegni una "leadership debole". Trasformando la vittoria alle primarie nella certificazione del fallimento del renzismo. E allontanando il sogno di andare al voto al più presto.

La bocciatura di Ficht
di
Carlo Mascio
 | 
24 Aprile 2017

Ficht ha tagliato il rating dell’Italia da BBB+ a BBB. Per l'Italia aumentano i rischi finanziari dovuti, come ha precisato l’agenzia, al “fallimento” dell’opera di riduzione del debito pubblico, che ha esposto il Paese “a potenziali shock sfavorevoli”, come pure ai “rischi politici” che dipendono da governi sempre più “deboli ed instabili”. 

Riempire il vuoto lasciato dai voucher
di
Carlo Mascio
 | 
19 Aprile 2017

L’abolizione dei voucher ha prodotto un vuoto normativo in materia di lavoro occasionale. Vuoto che impone di essere affrontato per evitare un assist clamoroso al lavoro nero. Ma come? A questa domanda risponde il disegno di legge presentato da Maurizio Sacconi, presidente della commissione Lavoro del Senato.

I conti tornano sempre meno
di
Carlo Mascio
 | 
19 Aprile 2017

“L'aumento dell'Iva in cambio della riduzione del cuneo fiscale non sarebbe un’operazione a somma zero”, a smontare le "buone ragioni" presentate dal ministro Padoan sulle colonne del Messaggero ci pensa l’Ufficio Studi della Cgia di Mestre.

Il grande bluff
di
Carlo Mascio
 | 
13 Aprile 2017

Tutti, governo, renziani e Commissione Europea, esultano e dicono di aver vinto la partita mantenendo in ordine i conti pubblici e al tempo stesso favorendo la crescita. Ma se si dà un’occhiata alle misure previste dal governo sul fronte economico si capisce che è un grande bluff.  

Non c'è rigore che tenga davanti al voto
di
Carlo Mascio
 | 
11 Aprile 2017

Dopo le pressioni delle scorse settimane, Bruxelles ha dato il suo “ok” alla manovrina italiana addirittura prima ancora che venga trovata la quadra definitiva sulla stessa. Cosa è successo di tanto miracoloso? Semplice, bisogna salvare il salvabile. Cioè le poltrone. 

Legge di stabilità 2017
di
Carlo Mascio
 | 
10 Aprile 2017

“La spesa pubblica crescerà di 24 miliardi di euro nel triennio 2017-2019, mentre le tasse sono destinate a salire di 3 miliardi”, lo dice il Centro studi di Unimpresa.

Paradossi di maggioranza
di
Carlo Mascio
 | 
07 Aprile 2017

C’è poco da fare. Questa manovrina non va giù proprio a nessuno. E a pochi giorni dalla sua presentazione, tutti alzano la voce e minacciano Padoan. Motivo? Per paura di scomparire, tutti, nella maggioranza e nel governo, si improvvisano “tecnici” e dicono “no” senza spiegare però dove trovare coperture e risorse alternative.

Crescita per modo di dire
di
Carlo Mascio
 | 
30 Marzo 2017

I "timidi segnali" di ripresa di cui ha parlato ieri Renzi sono una riedizione del già sentito "cresciamo poco, ma cresciamo". I soliti mantra che però si scontrano con i dati, tutti negativi, su ordini e fatturato delle industrie, sulla produzione industriale e sui nuclei familiari senza redditi da lavoro. 

Manovre "tecniche"
di
Carlo Mascio
 | 
28 Marzo 2017

Nella manovrina che il governo prepara per evitare la procedura di infrazione Ue spunta un miliardo per il post-terremoto. Meglio usare il condizionale, però, visto il divario tra i risultati e le promesse nella ricostruzione. Intanto tecnici, governo e renziani cercano un compromesso "non depressivo" sui conti. Ma che farà Bruxelles?

Pd, Governo e conti pubblici
di
Carlo Mascio
 | 
26 Marzo 2017

Sulla "manovrina" chiesta da Bruxelles, i renziani fanno buon viso a cattivo gioco e sembrano assecondare il ministro Padoan. Ma che tra i "tecnici" del governo e il Pd renziano ci sia più di qualche problema lo dimostrano le dichiarazioni rilasciate oggi da Teresa Bellanova al Corriere. 

Do ut des
di
Carlo Mascio
 | 
21 Marzo 2017

Adesso tutto è più chiaro. Dietro alle bizze e ai diktat di Renzi indirizzati al governo in vista della manovra aggiuntiva, da sempre indigesta all’ex premier, la posta in gioco era ben altra: la partita delle nomine dei vertici delle società partecipate dello Stato, dove l’ex premier voleva giocare un ruolo chiave, come se fosse ancora lui alla guida di Palazzo Chigi

Renzicomics
di
Carlo Mascio
 | 
14 Marzo 2017

Chi sperava che il Lingotto rappresentasse il momento del lancio programmatico del New Deal renziano in campo economico, con tanto di proposte fiscali e ricette sulla green economy studiate nel recente viaggio dell’ex premier in California e nella Silicon Valley, è rimasto tremendamente deluso. 

di
Carlo Mascio
 | 
10 Marzo 2017

Le banche come terreno di rilancio ma anche di rivincita, secondo Renzi, che sfodera un nuovo look tutto trasparenza sulle vicende bancarie. Ma purtroppo per lui, quasi tutti si sono accorti che questa è l’ennesima arma di distrazione di massa.

Arriva la procedura di infrazione?
di
Carlo Mascio
 | 
03 Marzo 2017

Come ha fatto la manovra correttiva a passare da “pericolosa” ad essere addirittura “indispensabile” e “priva di rischi”?

Seguendo la stampa
di
Carlo Mascio
 | 
22 Febbraio 2017

In una lettera a “La Repubblica”, la risposta del senatore di Idea-Popolo e Libertà al noto scrittore che lo ha accusato di fare "disinformazione dolosa" sul tema 

Effetto Brexit in Irlanda
di
Carlo Mascio
 | 
17 Febbraio 2017

Dopo la Brexit e con possibili "Frexit" e "Nexit" in caso di vittoria della Le Pen alle presidenziali francesi e di Wilders in Olanda, anche il premier irlandese Enda Kenny rilascia alcune dichiarazioni tutte da interpretare.

La questione degli insediamenti
di
Carlo Mascio
 | 
08 Febbraio 2017

"Due popoli due stati", una strada che fino adesso si è dimostrata solo fallimentare.

Tutte le news
di
Carlo Mascio
 | 
28 Gennaio 2017

Preoccupa il nuovo Rapporto Eurispes sull'Italia.