ARTICOLI

Il dilemma energetico

La crisi non deve fermare gli incentivi green

di Marco Saccone
| 21 Maggio 2010

E’ inevitabile che la politica economica italiana risponda con fermezza alla crisi economico-finanziaria che sta mettendo in crisi l’Euro. D’altra parte però il sistema di incentivi, che ha funzionato da propulsore dell’efficienza energetica, non può essere sacrificato sull’altare  di queste necessità economiche contingenti. Tratto da Geolo.

Il green business

Google e le energie rinnovabili

di Marco Saccone
| 11 Maggio 2010

La convergenza tra il mondo dell’Information Techology e delle energie rinnovabili non è più solo un sentore, ma già un business. Da diversi giorni nel web si parla degli investimenti che Google sta compiendo nel settore delle energie rinnovabili, a partire dalla creazione di una divisione Google Energy. Tratto da Geolo.

Case automobilistiche in affanno

Se il settore auto vuole invertire la marcia deve accettare una nuova sfida

di Marco Saccone
| 15 Febbraio 2010

Non è un caso che il settore auto motive soffra in maniera particolare la crisi economica globale. La ragione risiede nella particolare catena del valore che caratterizza quest’industria. Essa infatti, volendo semplificare, si basa su due principi tra loro interconnessi, uno di tipo economico e uno di tipo organizzativo.

Un romanzo senza leggerezza

Se Calvino leggesse "Emmaus" di Baricco sarebbe molto a disagio

di Marco Saccone
| 17 Gennaio 2010

Una delle principali preoccupazioni di Calvino riguardava il crisma della "esattezza" linguistica e narrativa. Le immagini sono divenute "in gran parte prive della necessità interna che dovrebbe caratterizzarle - diceva l'autore delle Lezioni Americane - come forma e come significato". Anche le immagini di Emmaus, il nuovo libro di Alessandro Baricco, si dissolvono immediatamente lasciando una sensazione di estraneità e disagio.

Omaggio al Futurismo

A Milano l'albero di Natale più alto e luminoso del mondo

Intervista ad Antonio Barrese di Marco Saccone
| 07 Dicembre 2009

Lo studio di Antonio Barrese è la traduzione in solido della sua personalità. Metri quadri di finestre luminose che rompono il ritmo grigio dei palazzi milanesi. Quella vetrata che corre  lungo la strada sembra un occhio enorme, vivace, colorato...

Elogio degli scrittori americani

Foster Wallace aveva capito tutto su scandali, trans e Grande Fratello

di Marco Saccone
| 01 Novembre 2009

A un anno di distanza dalla morte di David Foster Wallace, rendiamo omaggio a questo grande  scrittore americano. Ci proviamo, sperando di non apparire velleitari, con un piccolo esercizio mimetico ispirato a "Verso Occidente l'impero volge il suo corso". Un libro che scarnifica la società dello spettacolo.

Il posto fisso? Insulto all'intraprendenza

di Marco Saccone
| 26 Ottobre 2009

Il posto fisso è il peggior lascito della cultura socialista e pseudo egualitaria che ha condizionato l’organizzazione sociale odierna a partire dagli anni seguenti la seconda guerra mondiale.

La riforma di Obama

Polizze sanitarie obbligatorie anche a chi non le vuole

di Marco Saccone
| 14 Settembre 2009

Milioni di americani vivono consapevolmente senza copertura sanitaria. Non perché non possano permettersi le polizze assicurative, ma perché, giovani e sani, preferiscono usare in modo diverso le proprie risorse. Da qui il progetto di Obama: ampliare la base di raccolta economica obbligando per legge coloro che recepiscono un sufficiente reddito familiare a sottoscrivere una polizza assicurativa.

"Caritas in veritate"

Con l'enciclica il Papa fa il liberale e spiazza anche i più tifosi del mercato

di Marco Saccone
| 06 Luglio 2009

Mette soggezione leggere l’Enciclica così come l’ha enunciata il Papa. La sorpresa deriva dal fatto che sia il custode della fede cristiana a diagnosticare la genesi dei mali che corrodono i sistemi economici odierni e a delineare il modello filosofico che le società occidentali debbono seguire per trascinarsi fuori dallo stato di febbrile impotenza in cui giacciono.

Partita tripla

E alla fine la Fiat è riuscita a convincere sindacati e governo (Usa)

di Marco Saccone
| 04 Maggio 2009

Nell’avventura del salvataggio di Chrysler la partita l’hanno giocata in tre: l’amministrazione Obama, la Fiat e la Uaw. Rispettivamente, un governo, un'industria manifatturiera straniera, un’istituzione sindacale. Una nuova idea di intelligenza collettiva al sevizio dell’innovazione e del mercato come fonte del rilancio di un paese.

Gli sbagli della Finanza

Il caso Fiat-Chrysler insegna: il mercato punta sul medio-lungo termine

di Marco Saccone
| 07 Aprile 2009

Fiat è in questo momento il catalizzatore mediatico della reazione che il sistema economico-capitalistico ha messo in campo: la reazione di Piazza Affari alla joint venture americana dimostra la voglia del mercato di tornare a dare sostanza al tempo dell’economia. Il mercato capitalistico esprime il desiderio di rifondare il proprio pattern di crescita su pilastri di medio-lungo termine.

Saggi sulla crisi

La "valanga" che ha colpito gli Usa ha seppellito il sogno di farsi una casa

di Marco Saccone
| 05 Aprile 2009

L'ex ministro del Tesoro Henry Paulson ha riassunto così la tempesta economica che ha investito gli Usa: “Le istituzioni finanziarie che nel corso del 2008 sono fallite avevano un patrimonio di 4,7 trilioni di dollari”. Bruciati. Come racconta il corrispondente del Corsera Massimo Gaggi nel libro "La valanga".

Chi è "unfit" Berlusconi o l'Economist?

di Marco Saccone
| 18 Aprile 2008


La prospettiva della stampa internazionale sul turnaround elettorale italiano è stata unifocale. Molti quotidiani americani ed europei si sono apertamente schierati a favore della vittoria del Partito Democratico. Ma niente di nuovo sotto al sole.

La salvezza di Alitalia passa per Air France, il sindacato non può guardare altrove

di Marco Saccone
| 08 Aprile 2008

Fu chiaro quasia tutti, un anno e mezzo fa circa, che i paletti contrattuali imposti dal governo nel piano di privatizzazione di Alitalia avrebbero scacciato qualunque acquirente.

A Tata non basta la Nano per invadere il mercato

di Marco Saccone
| 04 Aprile 2008


Ratan Tata, con il lancio della sua nuova “Nano” turba i sonni dei produttori di automobili e in particolare di quelli americani ed Europei alle prese con l’asfissia dei mercati saturi. E’ un Indiano a riaprire il tema della competitività delle nostre economie industriali nell’era della globalizzazione.

Come si salva l'ambiente con il profitto

di Marco Saccone
| 01 Ottobre 2007


I Ceo di tutte le multinazionali hanno un nuovo elemento da considerare nella loro agenda competitiva: la tutela ambientale. Non più come vincolo, come insieme di target fissati da una qualche authority ostile e lontana, ma come obbiettivo competitivo e, come tale, di profitto.

Cos'è la Wikinomics e come ci cambia la vita

di Marco Saccone
| 20 Agosto 2007


Il modo di creare valore è radicalmente cambiato. Lo assicurano Don Tapscott e Anthony D. Williams nel loro lavoro fresco di stampa. Il titolo è volutamente provocatorio e dirompente: wikinomics, la collaborazione di massa che sta cambiando il mondo.

Fortune premia Apple, Google e Toyota

di Marco Saccone
| 16 Maggio 2007


Il podio, nell’ambita competizione per il titolo di impresa più innovativa del mondo è così composto: Apple, Google, Toyota. Eccole le tre big, le imprese che occupano la ribalta nella classifica annuale stilata da Fortune e Boston Consulting group.  La lista è il risultato del giudizio incrociato di 2.500 top manager internazionali e di quello dei consumatori chiamati a decidere quali fossero le aziende più innovative nella tecnologia.

La Gibson festeggia i 100 mila pezzi l'anno

di Marco Saccone
| 27 Aprile 2007


La Gibson Mandollin-Guitar Mfg.Co.Ltd festeggia oggi i suoi 105 anni di vita, consolidati in un nuovo record: 100 mila pezzi venduti all’anno e un giro d’affari che aumenta del 20% nell’ultimo decennio. Nacque nel 1902 come impresa artigianale  per volontà di Orville Gibson nella cittadina di Kalamazoo, nel profondo Michigan.

Il mercato premia Toyota e punta sul Sol Levante

di Marco Saccone
| 26 Aprile 2007



La Toyota annuncia dal suo headquorters di Nagoya il tanto atteso sorpasso di General Motors. Gli analisti sostengono che il balzo degli utili è da imputare a due fattori:  la debolezza dello yen sui mercati internazionali che ha garantito un buon livello di esportazioni giapponesi, e la notevole performance dell’impresa nei mercati esteri. L’azienda nipponica ha recentemente sferrato un attacco frontale alla sua rivale storica, intaccando un bacino di vendita quasi esclusivo per le case statunitensi.