ARTICOLI

Tutto quello che Matteo Salvini non può fare senza il centrodestra

Senza il centrodestra il salvinismo si ferma a metà

di Francesco Boezi
| 07 Marzo 2019

Matteo Salvini vuole realizzare il suo programma di governo, ma per farlo deve passare dalle forche caudine dei pentastellati. Tav, sicurezza e battaglia antopologica: quello che il leader del Carroccio non può portare a termine senza l'intero centrodestra.

Deriva gender

La Germania lo ha stabilito per sentenza: i sessi sono tre

di Assuntina Morresi
| 09 Novembre 2017

Per i tedeschi, d'ora in poi, i sessi non saranno più due, maschio e femmina, ma tre. Entro il 2018, all’anagrafe si potrà essere registrati anche come “inter” o “divers”. E' il genere in cui potranno riconoscersi le persone intersex. 

Il dopo Charlie Gard

Una lobby per la vita? Sì, LifeAid

di Assuntina Morresi
| 08 Settembre 2017

Una rete internazionale per arginare la deriva etica e valoriale

Agosto Italiano

Roccella: "Di chi è il nostro corpo? Chiediamolo a Henrietta Lacks..."

di Staff
| 04 Agosto 2014

Eugenia Roccella ci parla di Rebecca Skloot e del suo La vita immortale di Henrietta Lacks. "Per capire che la risposta alla domanda 'di chi è il mio corpo?', nell'era della tecnoscienza e del mercato di cellule e tessuti umani, non è così scontata".

Agenda Biopolitica/ 2

Sacconi: "Servono subito gli Stati Generali della Bioetica"

Intervista a Maurizio Sacconi di Maria Antonietta Calabrò
| 09 Febbraio 2013

Maurizio Sacconi, senatore del Pdl,  ritiene che lo stanziamento di venti milioni di euro deciso dal governo per l'assistenza ai disabili più gravi sia insufficiente («meno di un terzo di quello che avevamo stanziato noi quando eravamo al governo») e torna a chiedere «una legge che impedisca altri casi di eutanasia». Nel quarto anniversario della morte di Eluana Englaro (tratto da Corriere della Sera)

Dubbi anche dalla comunità scientifica

Il Papa ha capito che nelle "banche della vita" c'è un bel po' di egoismo

di Carlo Bellieni
| 27 Febbraio 2011

Le parole del Papa nell’udienza di ieri ai membri della Pontificia Accademia per la Vita, che sollevano forti e concreti dubbi riguardo l’utilità di conservare “per uso proprio” e “in banca” il sangue che alla nascita si prende dal cordone ombelicale del neonato, solleveranno certamente delle critiche negli ambienti progressisti. Ma leggete cosa scrivono il British Medical Journal e le principali associazioni di pediatri, ostetrici e ginecologi...

Polemiche sul fine vita

Il diritto più prezioso

di Francesco D'Agostino
| 22 Febbraio 2011

Si sta avvicinando il giorno in cui a Montecitorio si discuterà il disegno di legge sul "fine vita". Il tema è giuridicamente complesso ed emotivamente coinvolgente. Dovrebbe essere affrontato con pacatezza di ragionamento, sobrietà lessicale, assenza di pregiudizi, rinuncia all’uso di toni superfluamente emotivi, rispetto nei confronti opinioni diverse dalle proprie.

(tratto da Avvenire)

La vita non si tocca

Prima viene l’uomo. Le ragioni della bioetica nella postmodernità

di Daniele Venanzi
| 03 Ottobre 2010

L'equivalenza tra scienza e progresso non fa altro che "ridurre l'uomo a una batteria", dice il Morpheus di Matrix, mostrando le ragioni del conservatorismo in ambito bioetico. In un’epoca dominata dal credo ambientalista, è necessario difendere le ragioni dell'amore per la vita umana che qualcuno vorrebbe sacrificare sull’altare della scienza.

Temi etici al centro dell'agenda di governo

Il Cav. punta sul partito dei moderati e incassa il placet d’Oltretevere

di Lucia Bigozzi
| 01 Ottobre 2010

In quarantotto ore Berlusconi rovescia il tavolo: dalla Camera esce con una maggioranza più ampia, bissa al Senato portandosi a casa un risultato ancora più largo. Con Fini cambia schema: chiude le polemiche, manda segnali distensivi e punta sul vincolo di lealtà al quale quel voto di fiducia, d'ora in poi, impegna i futuristi. Incassa il placet d’Oltretevere su bioetica e famiglia e rilancia il progetto che ha in testa da quindici anni: il partito dei moderati.

Il premier incassa l'ok del Senato: 174 sì e 129 no

"Vogliamo rilanciare il Pdl andando oltre il Pdl originario"

di Gaetano Quagliariello
| 30 Settembre 2010

Dopo il voto favorevole di Montecitorio anche il Senato ha votato la fiducia al governo. I sì sono stati 174 mentre i no 129 (nessun astenuto). A sostegno del discorso programmatico di Berlusconi si sono espressi Pdl, Lega, Fli, Mpa, il senatore  Villari (Misto) eFosson (Union Valdotaine). I no sono stati quelli di Pd, Udc, Idv, Api e Io Sud. Pubblichiamo l'intervento del vicepresidente dei senatori del Pdl Gaetano Quagliariello nell'Aula di Palazzo Madama.

L'Occidentale Biopolitica

Il "cantiere dei moderati" parte dalla bioetica ma guarda lontano

di Lucia Bigozzi
| 22 Settembre 2010

Il cantiere è aperto. La prima pietra sono i temi della bioetica, l’ultima alla fine dell’opera sarà (o dovrebbe essere) il ‘grande partito dei moderati’ per stare all’auspicio di Gaetano Quagliariello e all’obiettivo di prospettiva che Maurizio Sacconi fissa spronando cattolici e riformisti dei vari schieramenti a verificare sul campo le condizioni per costruire ‘l’unità politica nel nome di una laicità adulta”. La strada da fare è ancora molto lunga ma i segnali di possibili intese su temi condivisi e valori ‘non negoziabili’ ci sono già. A cominciare dall'agenda bioetica del governo.

Dopo la proposta di Quagliariello ai moderati

Binetti (Udc): "Pronti al dialogo col Pdl ma sui fatti e senza cooptazioni"

di Lucia Bigozzi
| 17 Settembre 2010

Qualcosa si muove tra i moderati. Nel Pd dove l’area cattolica è ridotta ormai a una riserva indiana, nel Pdl dove si lavora al cantiere di un ressemblement che può tradursi in alleanza elettorale e in una prospettiva più lunga, nel partito dei moderati che Gaetano Quagliariello evoca come sfida che il Pdl deve porsi. I segnali di disponibilità a ritrovarsi su battaglie comuni ci sono e sono trasversali. Bioetica, garantismo, famiglia, lavoro sono i temi sui quali si misura il confronto e si misureranno le possibili convergenze.

Premi di cubatura al traguardo

Berlusconi chiama per fare pace ma a Fini ancora non basta

di Lucia Bigozzi ed Emanuela Zoncu
| 10 Settembre 2009

Sembrava che lo strappo tra Berlusconi e Fini fosse destinato a una ricucitura rapida. E fino a ieri sera sembrava così. Nel vertice del Pdl a Palazzo Grazioli prima e poi alla festa nazionale del movimento giovanile, il premier ha mandato segnali distensivi all'inquilino di Montecitorio. Ma la versione del Cav. non è piaciuta al presidente della Camera. 

Dopo lo scontro sulla laicità

Calabrò: "Il biotestamento non c'entra nulla, Fini gioca la sua partita"

Intervista a Raffaele Calabrò di Emanuela Zoncu
| 28 Agosto 2009

Raffaele Calabrò, relatore del ddl approvato al Senato sul Testamento biologico, probabilmente non si spingerebbe a dare un giudizio così netto su Gianfranco Fini se non fosse davvero convinto che un tema delicato e controverso come la bioetica non andrebbe mai tirato in ballo “per rispondere a esigenze di carattere personale”.

Così vicini eppur così lontani

Il Papa dà lezioni a Obama su quel che pensa la Chiesa dei temi etici

di Stefano Fontana
| 12 Luglio 2009

Utili i colloqui personali, però alla fine Benedetto XVI ha dato in mano al presidente americano Obama il testo della sua ultima enciclica sociale, uscita alla vigilia del G8, il testo della “Dignitas personae”, l’istruzione della Congregazione della fede sulla bioetica, e la corona del rosario. Insomma, le cose che contano, per la Chiesa, sono sempre le stesse.

People first è la parola d'ordine

Welfare, bioetica e sicurezza: il Pdl riparte dalla "persona"

di Lucia Bigozzi ed Emanuela Zoncu
| 03 Luglio 2009

Il paradigma è “la centralità della persona”, dentro ci sono proposte e contributi per il Pdl e il governo. Quattro i punti chiave: legge sul fine-vita e temi etici, quoziente familiare,  sussidiarietà, economia sociale di mercato, volontariato territoriale, partecipazione dei lavoratori alla gestione e agli utili dell’impresa. Di questo hanno discusso ministri, parlamentari e vertici di partito nel convegno promosso dalle Fondazioni "Nuova Italia" e "Bettino Craxi".

La "svolta personale" del presidente della Camera

Immigrazione e bioetica: lo strappo di Fini scuote il Pdl e irrita il Vaticano

di Lucia Bigozzi
| 19 Maggio 2009

Effetto Fini, effetto tsunami. In un colpo solo il presidente della Camera dispensa moniti e sollecitazioni a maggioranza e governo su immigrazione, cittadinanza e bioetica. Tema quest'ultimo sul quale apre un nuovo fronte polemico con la Chiesa.

L'eterna lotta tra Guelfi e Ghibellini

La deriva di Firenze tra la crociata pro-Englaro e il j'accuse dei preti "militanti"

di Francesco Pugliarello
| 03 Aprile 2009

La cittadinanza onoraria al padre di Eluana Englaro ha riacceso nel capoluogo della rossa Toscana gli animi battaglieri di medievale memoria. D’improvviso è riapparsa una città ribelle e sempre più arroccata su sé stessa. Con pericolose spinte nichiliste che vedono alcuni preti "militanti" in prima linea nella "crociata" contro la Chiesa.

Fuori Gioco

Il 2009 in Francia sarà l'anno della bioetica

di Francesco Vergani
| 23 Gennaio 2009

No all'eutanasia, no all'accanimento terapeutico, sì al sostegno statale alla diffusione dei palliativi. Questi i capisaldi del programma di Jean Leonetti, presidente del comitato che in Francia coordina gli Stati Generali sui temi bioetici. Affrontati in modo laico e senza dover dividere ad ogni costo credenti e non credenti.

Un punto di vista liberale

Sbagliato parlare di "condanna a morte" per Eluana

di Luisella Battaglia
| 11 Luglio 2008

Un dibattito appassionato quello su Eluana Englaro. Lacerante, certo, sul piano morale e politico ma utile, se condotto con pacatezza e voglia di capire, a far crescere l’attenzione dell’opinione pubblica sulle questioni cruciali della bioetica.