ARTICOLI

Il "ritorno" del Papa emerito

Il manifesto di Benedetto per l’Occidente (al collasso) che ha escluso Dio

di Benedetto delle Site
| 15 Aprile 2019

Al perfettismo, Ratzinger risponde ricordando che nella Chiesa c’è il grano e la zizzania, ma che ancora oggi nonostante gli scandali che continuano a venir fuori c’è una Chiesa dei santi

Cattolici in politica

Il partito di Bergoglio e le divisioni nella Chiesa

di Gaetano Quagliariello
| 20 Gennaio 2019

Ucciso politicamente Bettino Craxi, la sinistra è stata occupata politicamente dai dossettiani, mentre il degasperismo ha sconfitto gli esordi ultraliberali di Forza Italia e ha finito per diventare egemone nel centrodestra

La sinistra senza fede ignora la Jihad

di Assuntina Morresi
| 23 Aprile 2016

Speriamo traducano, e presto, Un silence religieux di Birnbaum.

Bussole

Intervista al Cardinale Sarah: non possiamo lasciare l'Uomo senza una strada sicura

Intervista al Cardinale Sarah di Lorenza Formicola
| 03 Aprile 2016

In esclusiva per l'Occidentale una conversazione con il Cardinale Sarah, uomo dalla fede ardente.

Bussole

Il rapporto tra scienza e religione di fronte alle sfide della postmodernità

di Giorgio Israel
| 25 Settembre 2015

Si è spento nella notte Giorgio Israel, epistemologo, storico della scienza, uomo schietto e dotato di grande senso critico e altrettanta cultura. Lo ricordiamo riproponendo il suo intervento agli Incontri di Norcia di Magna Carta del 2007. Tra religione, scienza e prova della ragione.

La Chiesa in movimento

Papa Francesco se ne frega degli schemi benpensanti dei giornali. Per lui la Chiesa è una vita

di Luigi Amicone
| 30 Luglio 2013

Avete visto le scene del Papa a Rio, no? Braccia aperte a ricevere chiunque gli si parasse davanti. Baci per donne e piccini. E mate con il primo che dalla folla gli allungasse cannuccia e beverone. E così, raccontano le cronache dei giornalisti al seguito, sarà stata la Gmg carioca una «Woodstock per conquistare il gregge perduto» (Repubblica), oppure un vero e proprio “espaldarazo”, come ha sognato El País, con questa sua bella illusione che il Papa sia volato in Brasile per «un riconoscimento degli indignados»? (Tratto da Tempi.it)

L'equilibrio possibile

Musso e l'eterna lotta tra scienza e religione

di Michele Marsonet
| 05 Novembre 2012

Il rapporto tra scienza e fede – o, se si preferisce, tra scienza e religione - è uno dei grandi temi del pensiero contemporaneo. Al dibattito non contribuiscono soltanto i filosofi, come molti ritengono, ma anche gli scienziati. Paolo Musso, docente di Filosofia della scienza all’Università dell’Insubria, offre una sintesi del dibattito in corso in un bel libro pubblicato da Mimesis Edizioni: “La scienza e l’idea di ragione. Scienza, filosofia e religione da Galileo ai buchi neri e oltre”.

Cronache dalla Summer School 2012

"A braccia aperte fra le nuvole": dal percorso della sofferenza alla scoperta della fede

di E.D.V.
| 12 Settembre 2012

"A braccia aperte fra le nuvole" è un bel libro di Fabio Salvatore,  presentato ieri alla Summer School di Fondazione Magna Carta e Italia Protagonista di Frascati. Parla della sofferenza, certo; di un cancro alla tiroide diagnosticato alla tenera età di 21 anni, ma anche della fede e, soprattutto, della notte necessaria all'autore per raggiungerla.

Bussole

Che la scienza non sia infallibile lo sanno anche molti scienziati (credenti)

di Michele Marsonet
| 06 Maggio 2012

Il positivismo, anche dopo il suo declino, continua a influenzare la visione della scienza dell’uomo comune. Ancor oggi, infatti, è diffusa nel grande pubblico l’errata opinione che il sapere scientifico possieda un’assolutezza e una incontrovertibilità che lo rende immune da obiezioni, ragion per cui la scienza viene spesso considerata l’unico paradigma cognitivo di cui disponiamo.

Fede e politica negli Usa di oggi

Ecco come l'America sta diventando una nazione di 'cristiani senza chiesa'

di Ross Douthat
| 05 Maggio 2012

Barack Obama, Mitt Romney e Rick Santorum si proclamano cristiani, ma le loro tradizioni teologiche e le loro esperienze personali di fede divergono in modo assoluto da qualunque altro insieme di contendenti alla presidenza del recente passato. Queste divergenze riflettono pienamente l’America odierna. (tratto da The New York Times)

L'ex superdirettore: "Lascio il Tg4 ma non l'azienda"

Nonostante il divorzio, Emilio vuole restare Fede(le) a Mediaset

di Alma Pantaleo
| 29 Marzo 2012

C’è un tempo per tutto. E arriva pure quello di passare il testimone alle nuove leve. Ma c’è chi a 80 anni suonati ancora non ne vuole sapere di schiodarsi dalla sua poltrona di superdirettore e batte i pugni sulla scrivania a suon di ‘non ci sto’. Sono da poco passate le 21.00 del 28 marzo 2012 quando un lancio d’agenzia riporta una nota di Mediaset che annuncia “in una logica di Rinnovamento editoriale della testata” la fine della storia di Emilio Fede alla guida del Tg4. Ma il giornalista non deve dire addio solo al ‘tiggì’.

Da Bersani a Fede: tutti gli orfani del Cav.

Benigni senza Berlusconi è come Linus senza la sua coperta

di Alma Pantaleo
| 08 Dicembre 2011

L’uscita di scena di Silvio Berlusconi, per quanto abbia fatto stappare bottiglie di spumante (che champagne in tempi di magra come questi sarebbe stato eccessivo) e sfilare trenini festanti per le strade, ha lasciato dietro di sé una fila di ammutoliti orfanelli che hanno perso la loro icona a cui rivolgere invettive e biasimi. L'ultimo in ordine di tempo è Roberto Benigni che, come ha dato prova lunedì scorso nello show di Fiorello, proprio non ce la fa a farsi scappare un “Cav”...

Diario della Summer School/ 1

Ragazzi, la facciamo o no questa rivoluzione conservatrice e liberale?

di Danilo Montefiori
| 05 Settembre 2011

Siamo alla Summer School per raccontare in un diario quotidiano le storie e le esperienze che gli studenti di Magna Carta vivranno in questi giorni a Villa Tuscolana. Ieri, tra una lezione e l’altra, gli parlavano del rilancio della cultura liberale e di una nuova rivoluzione conservatrice, convinti che quella della sinistra sia una falsa egemonia.

La Chiesa in movimento

Per il Papa l'evangelizzazione del mondo deve ripartire da Occidente

di Stefano Fontana
| 06 Gennaio 2011

Il Papa ha nominato i membri del neo costituito Pontificio Consiglio per la nuova evangelizzazione dell’Occidente. Quali riflessioni si possono fare, scorrendo i nomi dei componenti? Prima di tutto va ricordato che nella strategia di Benedetto XVI, senza nulla togliere all’importanza delle Chiese asiatiche ed africane, dalla rievangelizzazione dell’Occidente passerà l’evangelizzazione nel nuovo millennio.

Tea Party - Cronache del mondo conservatore

Su vita, famiglia e libertà di educazione c'è ben poco da negoziare

di Marco Respinti
| 24 Dicembre 2010

Vita, famiglia e libertà di educazione, sono quelli che chiamiamo “princìpi non negoziabili”. L’idea è che ogni costruzione sociale e ogni considerazione politica non possano partire che da lì: dalla difesa del diritto alla vita umana dal concepimento alla morte naturale, della famiglia naturale come dimensione propria all’essere umano, dalla difesa del diritto-dovere della famiglia naturale stessa a educare la prole.

L'Occidentale Puglia

Recuperare il senso delle tradizioni per riscoprire la fede

di Cecilia Fiorentini
| 09 Dicembre 2010

In tempi di relativismo, è tornato tra i fedeli il desiderio di ritorno alla tradizione e alla liturgia romana che restaura per mezzo del latino e dei canti gregoriani quella dimensione solenne, mistica e trascendente che la Santa Messa ha smarrito. Riscoprire gli antichi rituali è un modo per ritrovare il senso della nostra identità cattolica. Ed è proprio sulla scia di questo nuovo percorso di fede che Don Nicola Bux, nel suo libro dal provocatorio titolo "Come andare a Messa e non perdere la fede", ha interpretato tale nuova esigenza.

Il libro su Benedetto XVI

Detesto Flores D'Arcais per il suo illuminismo dogmatico e saccente

di Luca Negri
| 14 Novembre 2010

Forse pecchiamo di presunzione nel pensare che anche un santo potrebbe perdere la pazienza se messo al confronto con Paolo Flores D’Arcais. Il peggior anticlericalismo, risorto dopo l’elezione al soglio pontifico di Joseph Ratzinger, ha in lui un esponente di assoluto e rumoroso rilievo. Anzi nel suo caso non ci si limita a criticare l’istituzione del Vaticano, ma ci si fa banditori di un illuminismo dogmatico e partigiano. Per l'inventore di Micromega c'è solo un avversario peggiore del Cav., Papa Benedetto.

Figli di un dio minore

L'universo senza Dio del professor Hawking non è una novità

di Jay W. Richards
| 14 Novembre 2010

Stephen Hawking ha la cattedra in matematica all'Università di Cambridge che a suo tempo fu occupata niente di meno che da Isaac Newton. Perciò quando Hawking ha dichiarato che le nostre conoscenze fisiche dimostrano che Dio non ha creato l'universo, siamo stati obbligati a prestargli ascolto. Ma i suoi argomenti non sono né nuovi né tanto meno convincenti.

Gli Stati Uniti e la libertà religiosa nel mondo

Un rapporto evidenzia il ruolo della fede nella politica

di John Flynn
| 20 Marzo 2010

Negli ultimi tempi la religione è stata considerata sempre di più come un problema o una minaccia per la sicurezza nazionale o internazionale. In questo contesto, al fine di contrastare l’estremismo religioso, una strategia che è stata messa in atto è quella di relegare la fede a una dimensione puramente privata. Si tratta tuttavia di un grave errore, secondo un rapporto pubblicato il 23 febbraio dal Chicago Council on Global Affairs. (ZENIT)

Roberto Vecchioni

La musica è come la fede: sostiene e incoraggia

intervista a Roberto Vecchioni di Simona Santucci
| 24 Novembre 2009

Roberto Vecchioni è uno dei 260 artisti che qualche giorno fa ha incontrato Benedetto XVI in occasione dell’udienza concessa in Vaticano dal Pontefice agli artisti, a dieci anni dalla Lettera di Giovanni Paolo II. In questa intervista racconta le emozioni di quell’incontro.