ARTICOLI

Questione di genere

Aladdin, il nuovo film della Disney che non piace alle femministe

di Federica Ciampa
| 04 Giugno 2019

Per le femministe "Jasmine deve andare da sola a vedere il mondo, perché non c’è abbastanza spazio sul tappeto ed Aladdin può andare da solo!". 

No al mercato dei bambini

Contro l'utero in affitto (finalmente) anche una parte del femminismo italiano

di Angela Napoletano
| 11 Ottobre 2017

Una parte del mondo femminista si sta finalmente rendendo conto che l’utero in affitto sta diventando, anche in Italia, una prassi normale, eticamente accettabile, e non una pesante forma di sfruttamento delle donne più povere (spesso dei paesi terzi) e di compravendita dei bambini.

Se ci fosse una Franca Viola islamica

Stupri: chi difende le donne musulmane?

di Eugenia Roccella
| 10 Settembre 2017

Dopo il violentissimo stupro di gruppo avvenuto a Rimini, sembra che il problema sia tutto e solo di percentuali. Nei dibattiti e negli articoli è scattata una gara delle cifre: quanto stuprano gli italiani rispetto agli immigrati? Ma in realtà, il punto è capire perché la stessa violenza viene trattata in modo tanto diverso nel caso che il colpevole sia italiano o immigrato. 

E poi si chiedono perché ha vinto il Don

Trump, Luxuria e il gender

di Assuntina Morresi
| 09 Dicembre 2016

Negli Usa censurati i “Monologhi della vagina”, un classico del teatro femminista, perché accusati di transfobia.

E' il mercato (dei corpi) bellezza!

Il liberismo selvaggio del senatore Lo Giudice

di Eugenia Roccella
| 25 Maggio 2014

Il senatore Lo Giudice ha rivendicato il contratto con cui una giovane donna americana gli cederà il proprio figlio. Il Pd è favorevole al nuovo mercato del corpo e della procreazione? Noi no; il mercato è quello degli oggetti, non può riguardare i corpi. La sinistra dica ai cittadini, agli elettori, cosa ne pensa, e lo faccia con chiarezza.

L'opinione del noto orientalista

La Turchia dovrà confrontarsi con la modernità: parola di Bernard Lewis

di Eugenio Del Vecchio
| 05 Marzo 2012

In una recente intervista pubblicata sul Turkish Policy Quarterly, Bernand Lewis, uno dei massimi esperti d'Oriente ancora in vita, traccia un quadro d’insieme quanto mai esaustivo del ruolo della Turchia nell'odierno scenario mediorientale. Per Lewis la Turchia rappresenta un vero e proprio unicum. E’ il confronto con i paesi limitrofi a risaltare inequivocabilmente la gran mole di risultati raggiunti da Ankara in termini di libertà civili e di performance economiche.

Dal convegno sulle pari opportunità a Pescara

Le quote rosa saranno pure discriminatorie ma sono necessarie

di Isabella Marianacci
| 23 Gennaio 2012

Esserci dove vengono prese le decisioni”, questo il titolo del convegno organizzato dalla Commissione Pari Opportunità della Regione Abruzzo a Pescara. Obiettivo: accendere i riflettori sul processo di empowerment al femminile. Come orientarsi tra rivendicazioni di uguaglianza ed affermazioni di differenza in un mondo che va progressivamente e faticosamente femminilizzandosi?

L'uovo di giornata

Care Giovanne d'Arco, reinventatevi. "Se non ora quando"?

di Alma Pantaleo
| 12 Dicembre 2011

Il troppo storpia. E stavolta le inarrestabili paladine dell’iniziativa “Se non ora quando”, nata qualche mese fa con l’intento attuare la rivoluzione rosa del XXI secolo, dovrebbero auto convincersi che sia così e deporre le “armi”. Nella giornata di ieri alcune donne si sono riunite a Roma e in una decina di altre città d’Italia per scrivere l’ennesima ‘puntata’ del loro movimento, il primo dopo la caduta di Berlusconi. Ed è stato, come c’era da immaginare, un totale fallimento. Sul palco di piazza del Popolo si sono avvicendate Lunetta Savino, Emma, Erica Mou, l’Orchestra Europa Musica, Paola Turci, Marina Rei. Ma che tristezza ad abbassare lo sguardo: la piazza era popolata tre volte meno i mercatini di Natale di piazza Navona.

La "Lady di Ferro" che cambiò la Gran Bretagna

Happy birthday, Mrs Maggie!

di Alma Pantaleo
| 13 Ottobre 2011

Il tredici ottobre 1925, la cittadina di Grantham, nel Lincolnshire, avrebbe dato alla luce “La” donna che ha rivoluzionato la politica britannica. Quella donna che parafrasando San Francesco D’Assisi, il 4 maggio di trentadue anni fa apriva la porta del 10 di Downing Street dando avvio all’unica “pink premiership” della storia del governo inglese. Quella che sarebbe passata alla storia come la “Lady di ferro”: Mrs Margaret Thatcher. Oggi, a 86 anni da quell’alba gloriosa, le auguriamo happy birthday!

Ambiguità e contraddizioni delle quote rosa

Un problema culturale non deve avere per forza una soluzione giuridica

di Serena Sileoni
| 29 Giugno 2011

Uno dei difetti del legislatore contemporaneo è credere di poter controllare ogni aspetto della vita. Spostare sempre più in là il confine tra il ragionevole buon senso e l’obbligo giuridico comporterà nient’altro che aumentare la complicazione giuridica. Illudersi di prevedere tutto il prevedibile finirà per non lasciare più nulla alla responsabile, spontanea e libera cooperazione tra individui. (tratto da brunoleoni.it)

Dove governano le donne

Per adesso la Germania ha congelato le "quote rosa"

di Ubaldo Villani Lubelli
| 14 Marzo 2011

In Germania, come in tutta Europa, si discute di "quote rose". Applicarle per legge è un'idea del centrodestra, proposto dal ministro del lavoro von der Leyen (CDU) e dall'altra ministra, Kristina Schröder, “giovane, potente ed incinta”, che vorrebbe "quote flessibili". La decisione finale spetta alla Cancelliera Angela Merkle (una donna...). Inizialmente contraria, per adesso ha congelato l'argomento.

Festeggiare l'8 marzo

Elogio delle femmine, senza essere femministe

di Daniela Coli
| 08 Marzo 2011

Piero Ostellino è stato quasi linciato dalle femministe d’antan per avere scritto che avere trasformato in prostitute le ragazze ospiti alle cene del Cav. era un’offesa alla libertà e alla dignità della donna in base all’antico e legittimo principio femminista l’utero è mio e me lo gestisco io: il diritto alla libertà della donna di gestire il corpo a proprio piacere.

Nuove tendenze

L'aborto è femmina. Ma le femministe non hanno niente da dire

di Carlo Bellieni
| 12 Novembre 2010

Continuano ad essere pubblicati sulle riviste scientifiche articoli che denunciano l’uso dell’aborto selettivo per far fuori i “feti-femmine”. L’aborto dei feti femmina è una pratica più recente dell’infanticidio femminile, spiega l’autore, perché solo da pochi anni si sa determinare il sesso del feto, ma è in netta ascesa; e per questo motivo non solo è fuori legge, ma anche è proibito rivelare ai genitori il sesso del nascituro.

La festa di Purim

Il femminismo ha riscritto anche la storia dell'antichità

di Francesca Di Giorgio
| 16 Luglio 2010

La festa di Purim ricorda un fatto accaduto circa 2500 anni fa in Persia, quando la comunità ebraica si salvo per un pelo da una delle periodiche persecuzioni a cui l'ha fin troppo spesso esposta la Storia. Un episodio antichissimo, insomma, ma le moderne femministe sono riuscite a inserire le loro rivendicazioni anche in questa vicenda, che invece parla della oppressione e liberazione di un popolo.

Femminismo addio

Sarah e le altre. Le donne che guidano l'America verso un futuro più felice

di Bruce Walker
| 04 Luglio 2010

Ann Coulter, Nikki Haley, Angela McGlowan, e naturalmente lei, Sarah Palin. Vengono quarant'anni dopo l'infatuazione della società verso il movimento femminista. Ma da allora una cosa è chiara: nessun sesso ha un vantaggio sull’altro. E sono state proprio le donne conservatrici a respingere con forza la nozione per cui fosse necessaria un'inquisizione di sinistra per proteggerle dal "cuore tenebroso" degli uomini.

Il Weekly Standard dà la pagella alla Spagna

Piuttosto che affrontare la crisi, il governo Zapatero riscrive le fiabe

di Fabrizia B. Maggi
| 16 Aprile 2010

La settimana scorsa, il Weekly Standard ha definito la Spagna nientemeno che “il Paese più pericoloso per il sistema economico occidentale” e ha accusato Zapatero di non affrontare seriamente la crisi. Il governo socialista, infatti, invece di attuare le riforme essenziali si preoccupa di riscrivere le fiabe popolari perché considerate maschiliste e denigranti. E intanto la disoccupazione aumenta.

Troppo normale per piacere alle star

Per Madonna la Palin e McCain sono come Hitler

di Giuseppe De Bellis
| 09 Ottobre 2008

Sembrava che Sarah Palin avesse conquistato il cuore delle donne americane, invece la Gilda hollywoodiana e le popstar le hanno dato il benservito. L’accusano di populismo sperando d’intaccare il suo consenso, ma lei continua ad essere forte e popolare.

Superare i confini della differenza

di Michela Nacci
| 30 Marzo 2008


"Senza le donne non vi è più società. Ecco perché è necessaria un’etica possibile fra i sessi su cui fondare il nostro avvenire". Dopo che il mondo è stato frantumato dal pensiero della differenza tra maschile e femminile esiste un modo per ricomporlo alla sua unità?

Sui temi etici si combatte una battaglia culturale oltre che politica

di Paola Liberace
| 24 Febbraio 2008

Non è mai stato così chiaro come in questa campagna elettorale: i temi etici - o meglio, biopolitici - quelli che riguardano i limiti dell'umano, la vita e la morte, per intenderci, sono ormai al centro di un dibattito e di una battaglia culturale oltre che politica. Su questi temi si deciderà non tanto chi vincerà le prossime elezioni ma soprattutto quale società vogliamo e ci immaginiamo per il  futuro delle nuove generazioni.

Vive la differénce!

di Andrea Pamparana
| 16 Aprile 2007

La differenziazione sessuale inizia nell’embrione umano dopo la sesta settimana. A partire da quel momento e fino al giorno della nostra morte noi siamo maschi o femmine. Come ha scritto l’antropologa Francoise Héritier “è l’osservazione della differenza dei sessi che è al fondamento di ogni pensiero, sia tradizionale che scientifico”.