ARTICOLI

Eutanasia di Stato?

Vincent Lambert e il grande confronto sulla sacralità della vita umana nelle democrazie occidentali

di Eugenio Capozzi
| 20 Maggio 2019

E in Europa, dove le legislazioni abortiste prevalgono ancora nella stragrande maggioranza dei casi, vediamo contrapporsi con sempre maggiore veemenza la propaganda che cerca di criminalizzare e impedire l'obiezione di coscienza contro l'aborto. 

Ritorno alla tradizione

Francia, attaccando Macron risorge anche la destra moderata

di Federico Castiglioni
| 16 Maggio 2019

 Quest’idea, che noi chiameremmo “identitaria”, suona provocatrice in Francia (anche a destra) e lo stesso Wauquiez è finito nell’occhio del ciclone più volte per essersi rifiutato di celebrare di persona i matrimoni gay nella sua città

#Europee

Ora a Bruxelles tremano per l’ondata sovranista in Francia

di Federico Castiglioni
| 05 Maggio 2019

L’intenzione di Marine Le Pen sembra quindi quella di voler conquistare più i consensi dei moderati che delle ali dello spettro politico nella prossima campagna elettorale, avvantaggiandosi del crollo registrato dal partito Repubblicano in Francia

La questione libica

Così il bonapartismo di Macron sta compromettendo la Via Italiana in Libia

di Simone Moretti
| 25 Aprile 2019

Dopo l'ascesa al potere di Macron di là delle Alpi (divenuto subito idolo delle sinistre europee annaspanti sotto le sferzate del vento sovranista) e l’avvento del governo a tinte gialloverdi nel Belpaese, le tensioni striscianti tra i due vicini sono esplose in maniera fragorosa

Europeisti a casa propria

Se l'europeismo di Macron significa fare (solo) gli interessi francesi...

di Federico Castiglioni
| 23 Aprile 2019

Per finire non si può tacere dell’ipocrito atteggiamento verso la questione migratoria, dopo anni in cui l’Eliseo ha continuato a mandare avanti nell’accoglienza governi mediterranei compiacenti, lasciando che fossero sempre loro a pagare il prezzo politico di quelle scelte. 

Dopo i gilet gialli...

A Macron gli sono rimasti solo i "suoi" intellettuali (e pure pochi)

di Vito de Luca
| 18 Marzo 2019

Le Grand Débat, l’hanno chiamato. Un’idea non originale (l’avevano già fatto sia Sarkozy, sia Hollande, seppur convocando i chierici a gruppi), ma valida nelle intenzioni

Da oggi la nostra nuova rubrica: #Tax&Tax

Web tax ed economia digitale: tutto quello che c'è da sapere (fino ad ora)

di Giovambattista Palumbo
| 29 Gennaio 2019

La nuova web tax, di cui alla Legge di Bilancio 2019 prende dunque spunto dalla proposta di Digital service tax inglese e comunitaria, cercando di valorizzare anche lo sfruttamento dei big data.

Non solo gilet gialli

Le élites (media inclusi) non hanno ancora capito i populismi

di Vito de Luca
| 08 Gennaio 2019

Ma c’è da considerare che se il populismo non se la passa troppo bene, l’anti populismo sta anche peggio, vedi le traversie di Macron, in Francia. 

#GiletGialli

Altro che En Marche! Quella di Macron è una marcia indietro

di Vito de Luca
| 04 Dicembre 2018

Quanto al metodo, aver parlato di «ascolto reciproco» e «co-costruzione con tutti gli attori sociali», per poi giungere alla decisione di sospendere le accise sul carburante, esso lascia intendere che Macron sia sceso dalla torre dorata dell’Eliseo

Giorno di Festa

M5S-Lega, Conte e quei conti che non tornano (soprattutto ai giornalisti)

di Lodovico Festa
| 23 Maggio 2018

Come gestire le nuove forze tenute ai margini dello Stato fino ad ora? Includerle e moderare i toni o aggredirle frontalmente come fanno il nostro piccolo establishment e i disarticolati sistemi di influenza internazionale? 

Giorno di Festa

Quelli che...tornare a votare è una sciagura

di Lodovico Festa
| 27 Aprile 2018

Perché quegli sciagurati elettori italiani sono diversi dagli altri europei e non devono poter ricorrere normalmente al voto per risolvere i problemi dell’indirizzo politico della nazione?

Giorno di Festa

In Italia c'è ancora chi pensa che il voto sia una malattia

di Lodovico Festa
| 09 Aprile 2018

In Inghilterra hanno le idee chiare: se in Italia non si riesce a trovare una maggioranza, la cosa migliore è fare una nuova legge elettorale che aiuti a definire un vero vincitore e rivotare. Semplice, no? 

L'omicidio di Mireille Knoll

L'antisemitismo politicamente corretto torna a uccidere in Francia

di Angela Napoletano
| 27 Marzo 2018

Non ci sono dubbi: quello di Mireille Knoll, l’85enne morta nell’incendio della sua abitazione, a Parigi, è stato un assassinio. Il movente? Forse il più sconcertante: l’antisemitismo.

Tutto tace nel nome del politically correct

Antisemitismo alla francese

di Angela Napoletano
| 22 Marzo 2018

La verità sull’antisemitismo francese è pericolosa perché, a quanto pare, affonda le sue radici nell’odio razziale dei musulmani verso gli ebrei. E guai a parlarne. 

Giorno di Festa

Per il Pd l'Italia va velocissima (ma solo sul tapis roulant)

di Lodovico Festa
| 10 Gennaio 2018

Dopo il 4 marzo avremmo bisogno di governo e ministri che corrano ma per davvero. 

Islam dominante

Marsiglia, dove un ragazzo ebreo non può entrare in classe

di Elena de Giorgio
| 09 Settembre 2017

Un ex preside racconta nel suo libro l'impossibile convivenza di ebrei e musulmani nelle scuole statali. 

Polizia arresta algerino

Parigi, auto contro i militari. Indaga l'antiterrorismo, la Procura: "Gesto intenzionale"

di Marco De Palma
| 10 Agosto 2017

Un 37enne algerino già noto alle forze dell'ordine ieri a Parigi ha investito e ferito dei soldati alla guida della sua auto. 

Grosso guaio a Tripoli, il vicepremier all'Italia: "Violata la sovranità nazionale della Libia" (e Macron brinda)

di Bernardino Ferrero
| 06 Agosto 2017

Si respira una brutta aria per la missione italiana in Libia. Dopo che il generale Haftar, alleato dell’Egitto, ha minacciato di bombardare le nostre due navi inviate dal governo Gentiloni a sostegno della guardia costiera libica, arriva anche la notizia che uno dei vice di al Sarraj.

Il generale Haftar, le navi al Qatar e quel capolavoro della missione italiana in Libia

di Roberto Santoro
| 03 Agosto 2017

Dopo il vertice a sorpresa voluto dal presidente Macron a Parigi tra i due attori protagonisti in Libia, il premier Sarraj legittimato dalle Nazioni Unite e sostenuto da Roma e il generale Haftar appoggiato dall'Egitto, il governo italiano ha deciso di inviare due navi a pattugliare le coste della ex 'Jamaria'. 

Libia e dintorni

Macron, Amnesty e Regeni

di Roberto Santoro
| 25 Luglio 2017

Dopo aver incontrato Donald Trump, l’intraprendente presidente Macron scippa all’Italia il ruolo di playmaker in Libia, organizzando un bel vertice a Parigi fra i due grandi rivali che si contendono il potere nella ex “Jamaria” di Gheddafi: il premier Al Sarraj e il generale Haftar.