ARTICOLI

Verso la Giornata del Ricordo

Fobie e foibe della memoria

di Aldo Vitale
| 06 Febbraio 2019

 La giornata della memoria serve proprio per combattere questo muro di omertà ideologica che per settant’anni ha imprigionato la verità avendo per carcerieri tanti intellettuali vicini al PCI.

Reduci alla ribalta

Il caso Moro, le BR e quella tentazione di normalizzare i "cattivi maestri"

di Renato Tamburrini
| 19 Aprile 2018

Se i responsabili del delitto Moro hanno potuto esporre le loro tesi senza contraddittorio, facendo passare come accettabili le analisi e i comportamenti del gruppo criminale, allora esiste un universo sociale e mentale in cui il terrorista è sempre vittima di qualcosa a cui si ribella? 

Il venditore di pensieri

Il porcellum ai tempi del Pci

di Aldo Sarullo
| 24 Gennaio 2014

Accadde che il Partito comunista italiano, in osservanza al rigoroso centralismo partitico dell’Urss, impiantasse in Italia un sistema elettorale interno al partito che superava la previsione costituzionale della libera e segreta espressione del voto: fatta la previsione dei propri eleggibili in un dato collegio, la segreteria di Botteghe Oscure inseriva in testa a quella lista chi aveva deciso di portare in Parlamento.

Opinioni

Se l'Europa si risveglia populista il centrodestra dovrà farci i conti

di Tosca Cantini
| 07 Novembre 2013

Il carisma di Berlusconi non è fondato sulle tv o su masse troglodite, come ha spiegato nel suo ultimo libro Giovanni Orsina. La verità è che non dobbiamo perdere il bipolarismo, né il berlusconismo: per stabilizzare felicemente l’emulsione di liberalismo e populismo è necessario il massimo realismo politico, che è quanto manca da troppo tempo alla cultura politica italiana.

Livore o ponderatezza?

Se il Pd segue le orme dei "Ragazzi di Berlinguer"

di Edmond Dantès
| 04 Settembre 2013

L’atteggiamento che gli epigoni della sinistra comunista tennero vent’anni fa dinanzi al “caso Craxi” è paragonabile all’attuale condotta del Partito democratico, posto dinanzi ai dilemmi apertisi con la condanna di Berlusconi in Cassazione? Se la Storia è maestra di vita, c’è solo da sperare che gli eredi di Botteghe Oscure abbiano compreso i guasti che vent’anni di giustizialismo forcaiolo hanno arrecato al paese. Confidiamo, insomma, che tra il livore di Stefania Pezzopane e la ponderatezza di Luciano Violante, i democratici finiscano per avvalorare le tesi del secondo.

Rispunta l'orgoglio degli ex PCI

Finocchiaro VS Renzi, chi cadrà dalla torre?

di Elena de Giorgio
| 15 Aprile 2013

Alla fine Matteo ha pestato il piede sbagliato. La senatrice Anna Finocchiaro non è mai stata un tipo tenero e finire crocefissa per quel video con la scorta all'Ikea le ha fatto tirare fuori i denti, che si sono dimostrati più affilati del previsto. "Trovo che l'attacco di cui mi ha gratificato Matteo Renzi sia davvero miserabile", ecco l'affondo. Finocchiaro ha tirato fuori il vecchio orgoglio del PCI e di quanti probabilmente all'interno del partito non festeggiano pensando che il primo vero vincitore della scuderia piddina venga da un'altra storia politica. Così il dubbio rimane, chi buttare giù dalla torre, la navigata Finocchiaro o il pirata Renzi?

Quel patto che non regge più

Ecco perché è necessario riscrivere la costituzione materiale

di Leonardo Tirabassi
| 14 Novembre 2012

La Costituzione del 1948 è finita. Il contratto sociale e politico tra Stato, governanti e governati, base del patto istituzionale, è stato travolto dagli eventi. Quel patto non regge più perché ormai sono venute meno in modo definitivo, completo e totale le condizioni materiali e formali della sua esistenza. Uno dei motivi della crisi profonda in cui versa il nostro paese risiede proprio nella volontaria incapacità di alcune forze politiche e nella impossibilità, per altre, di prenderne atto.

Un punto di riferimento non più attuale

La beatificazione anacronistica di Enrico Berlinguer in due libretti

di Maurizio Griffo
| 20 Maggio 2012

Abbiamo l’impressione che sia in corso una sorta di beatificazione di Enrico Berlinguer. Qualche mese fa era stata ripubblicata la storica intervista sulla questione morale che il compianto segretario comunista concesse ad Eugenio Scalfari nell’estate del 1981. Adesso lo stesso editore manda in libreria un’altra intervista a Berlinguer fatta in occasione di un numero speciale dell’Unità, pubblicato nel dicembre del 1983. Quasi in contemporanea viene pubblicata una piccola antologia di pensieri e massime esemplari dell’uomo politico sassarese.

La risposta all'editoriale di Galli della Loggia

Il Pdl è la sintesi dei partiti che hanno fondato e retto la Prima Repubblica

di Francesco Forte
| 26 Luglio 2011

In un editoriale ne Il Corriere della Sera, Galli della Loggia avanza l’ipotesi di un nuovo partito di destra cattolico, dando per ovvie due tesi, opposte del vero, ossia che la costruzione dell’Italia repubblicana si è fondata oltreché sulla Democrazia cristiana, partito dei cattolici e di desta, anche sul partito comunista italiano. In realtà i partiti che hanno retto la Prima Repubblica sono stati altri e il Pdl ne è proprio una sintesi.

Paradossi democrat

Renzi vuole rottamare la Bindi e i ‘vecchi’ Pd ma è sindaco grazie a loro

di Marcello Inghilesi
| 24 Febbraio 2011

Matteo Renzi , sindaco di Firenze, da qualche tempo se la sta prendendo con i vecchi comunisti e i vecchi democristiani, del suo Pd, vorrebbe un partito giovane, alleggerito dalle cariatidi del passato. L’ultima “mirata” è  Rosy Bindi, antiberlusconiana in servizio permanente effettivo, ma il giovane Matteo dimentica di essere stato beneficiato da lei e da una schiera di politici professionisti "storici".

 

Diccì piccì

Il destino dei politici? Sta negli anagrammi

di Giovanni Marizza
| 25 Dicembre 2010

E se fosse vero, che le caratteristiche e il destino di qualcuno sono racchiusi nel suo nome? Per scoprirlo, proviamo ad intraprendere un viaggetto ideale nella politica italiana dal secondo dopoguerra in poi.

Commemorazioni e rimozioni

Forse è giunta l'ora che la sinistra italiana faccia i conti con Bettino Craxi

di Dolasilla
| 31 Dicembre 2009

Nel cimitero di Hammamet, in una piccola tomba orientata verso l'Italia, si trovano le spoglie mortali di Bettino Craxi. Sono le spoglie di un esule o di un latitante? Sicuramente lo sono di un uomo politico di assoluta grandezza.

L'aggressione al premier e molto altro

Non stupiamoci se c'è chi pensa che sia giunta l'ora di abbattere il tiranno

di Giuliano Cazzola
| 14 Dicembre 2009

La logica è sempre quella: per gli ex comunisti e i loro “compagni di strada” occasionali gli avversari politici sono dei delinquenti comuni, mafiosi, camorristi, malfattori e quant’altro. E’ sempre stato così. E così sarà sempre. Oggi – dicono – bisogna salvare la democrazia da Berlusconi, anche con un golpismo diffuso, partecipato e sostanziale. Poi, non c’è da meravigliarsi se accade quel che è capitato ieri a Milano.   

Controtendenza

La lezione di Amendola, inascoltata Cassandra del PCI

di Dino Cofrancesco
| 07 Marzo 2009

Nel denso e documentato saggio storico di Ugo Finetti, Togliatti & Amendola. La lotta politica nel PCI. Dalla Resistenza al terrorismo, di Giorgio Amendola emerge, a parte i pesanti limiti della sua formazione ideologica, un robusto realismo che non lo renderà affatto cieco dinanzi al fallimento oggettivo del ‘socialismo reale’ e che ne rende il ritratto umano e politico meritevole di collocazione nella galleria dei ‘grandi italiani’.

Serpenti avvelenati e calci dell'asino

Il fallimento di Veltroni era già tutto scritto nella storia del Pci

di Carlo Panella
| 19 Febbraio 2009

Fallito Veltroni, dopo i fallimenti di Occhetto e D’Alema, il Pd è tutto impegnato in congiure interne di nomenklatura tra boiardi. Ma questa è una vecchia storia che si ripete come una maledizione e che ha colpito il Pci, il Pds-Ds e oggi il Pd, i cui protagonisti sono stati più concentrati a congiurare che a dare una identità al partito.

Che fine ha fatto il Pci?

Bandiera rossa non ha trionfato e Rifondazione sconta il suo destino

di Marco Taradash
| 16 Gennaio 2009

C’è qualche cosa da imparare dal triste destino politico di Rifondazione comunista? Sì, una lezione che riguarda in generale la politica italiana si può forse ricavare. Perché se le storie dei partiti postcomunisti sono molto diverse le une dalle altre, il declino di Rc è una spia interessante di ciò che accade più in generale nella sinistra di origine comunista.

Faccia a faccia

Se il Pci avesse fatto i conti con la storia il Pd poteva vincere le elezioni

intervista a Piero Melograni di Filippo Maria Battaglia
| 10 Gennaio 2009

La verità storica esiste e rappresenta il patrimonio condiviso di una nazione. Se una certa storiografia avesse a suo tempo raccontato davvero la storia dell’Unione Sovietica e soprattutto la storia dell’Urss con il Pci, le cose sarebbero andate in tutt’altro modo per il Pd . Parola di uno storico di razza, come Piero Melograni.

Un bel libro sul '68

Quando si sognava di fare la rivoluzione

di Michela Nacci
| 02 Novembre 2008

A 40 anni da quegli anni che hanno cambiato il volto dell'Italia si moltiplicano le pubblicazioni che ricostruiscono la storia, le atmosfere, i tormenti di una generazione. Ma tra quelle pubblicazioni ce n'è una che spiega, meglio delle altre, quel sogno – nebuloso ma indiscutibile – di rivoluzione nel quale si credeva.

Gli insulti a Brunetta

D'Alema fa il professor Stranamore della politica

di Carlo Panella
| 22 Ottobre 2008

Gli insulti che D’Alema ha lanciato ieri al ministro Brunetta definendolo “energumeno tascabile” tradiscono tutta l'identità del leader dalla sinistra. Come Stranamore, D’Alema non riesce a nascondere il suo passato, il suo peccato d’origine: spregio per l’avversario politico e perenne voglia di chiamare alla sua lapidazione come reietto.

 

Magistrati in carriera

Ecco come Di Pietro è riuscito a costruirsi il partitino

di Maurizio Griffo
| 04 Luglio 2008

Il successo del dipietrismo si può riportare a due elementi. In primo luogo c’è quello che possiamo definire il gioco di sponda con i settori della magistratura ammalati di protagonismo. Il secondo fattore ha una valenza soprattutto politico-ideologica: l’onda lunga del qualunquismo di sinistra.