ARTICOLI

Post regionali

"In Abruzzo nasca un PdL 2.0"

di Intervista a Gaetano Quagliariello
| 13 Febbraio 2019

"Da qui si potrebbe partire per far nascere dal basso una sorta di PdL 2.0, diversa dalla prima edizione proprio perché non il risultato di una operazione di vertice”.

Verso le regionali in Abruzzo

Vuoi vedere che dall’Abruzzo rinasce il centrodestra?

di Carlo Mascio
| 08 Febbraio 2019

Del resto, sempre in Abruzzo il centrodestra aveva compiuto, giusto un anno fa, un altro miracolo: la conquista dell’unico collegio uninominale senatoriale del Sud Italia strappato al Movimento 5 Stelle

Tutte le news

In Francia perde il Fronte Nazionale ma anche il bipolarismo

di Elena de Giorgio
| 16 Dicembre 2015

La Francia che esce dal voto delle Regionali di ieri non ha alterato i suoi colori. I repubblicani del presidente Sarkozy hanno conquistato 7 macroregioni, il partito socialista ha resistito in 5. Ma...

Dalle parole ai fatti

Salvini non fare la fine di Tsipras

di Bernardino Ferrero
| 08 Giugno 2015

Nel suo continuo gioco al rialzo Salvini non si accontenta più di uscire dall’euro, ora vuole anche chiudere le Nazioni Unite e affittare un’isola deserta italiana per metterci Rom e clandestini. Eppure proprio i voti presi alle Regionali dovrebbero suggerire al segretario leghista un atteggiamento più responsabile, l'unico disponibile per chiunque abbia ambizioni di governo.

Renzi e la provincia Pd

La rottamazione s'è fermata a Roma

di Simone Santucci
| 04 Giugno 2015

Si può cominciare a trarre qualche valutazione su “chi” è davvero questo Pd e quanto sia rispondente alle aspettative che non tanto Renzi ma soprattutto i sostenitori del renzismo avevano riposto in esso.

Il voto delle Regionali

Centrodestra: si vince con i moderati e quando la Lega fa un passo indietro

di Bernardino Ferrero
| 01 Giugno 2015

Alcuni punti fermi sul voto alle Regionali: Renzi si ferma, M5S si consolida su base locale al di là di Grillo, il centrodestra vince o è fortemente competitivo quando si presenta con candidati moderati e quando la Lega fa un passo indietro. Avviene in Liguria, in Umbria con il sorprendente risultato di Ricci e in Puglia con quello lusinghiero e oltre le aspettative di Schittulli.

Il sindaco di Assisi per poco non fa la storia

In Umbria una notte al cardiopalma con Ricci

di Assuntina Morresi
| 01 Giugno 2015

Alla fine in Umbria la svolta storica che abbiamo sperato fino all'ultimo purtroppo non c’è stata. Ma la campagna in sostegno del sindaco di Assisi, il moderato e cattolico Claudio Ricci, ha significato molto, e può segnare un punto di non ritorno per le sorti politiche dell'Umbria, se ne sappiamo leggere i contorni.

Quanto vale la "rete" di AP

Contando i voti dell'area moderata si scopre quant'è essenziale

di Ronin
| 01 Giugno 2015

In Puglia e in Campania l'Area Popolare prende circa il 6 per cento dei voti. Si dirà che siamo un partito a trazione meridionale ma non si tratta solo di questo. Puglia e Campania non sono solo due Regioni del Sud, erano due regioni tra le più contendibili e popolose. Se facciamo un ragionamento generale sui voti andati alle diverse forze del centrodestra in queste Regionali, scopriamo perchè lo spazio occupato dalla "rete" moderata è essenziale oltre che rilevante.

Regionali 2015

Centrodestra vince unito e con moderati

di Bernardino Ferrero
| 01 Giugno 2015

Mentre si contano gli ultimi voti, c'è tempo per una riflessione breve quanto un tweet. Il centrodestra vince ed è competitivo se corre unito, con dei candidati moderati e la Lega in seconda fila. Salvini non ha avuto la consacrazione che si aspettava semplicemente perché se oggi ci fosse un ballottaggio su scala nazionale con la nuova legge elettorale la sfida purtroppo sarebbe quella tra Renzi e il Movimento 5 Stelle.

Siamo il cantiere del centrodestra futuro

Quagliariello: "Campagna difficile, AP vera sorpresa delle Regionali"

Intervista a Gaetano Quagliariello di Elena de Giorgio
| 30 Maggio 2015

Difficilissima, avvincente, concentrata sul risultato di oggi ma proiettata verso il progetto di domani: così il coordinatore di Ncd Gaetano Quagliariello, tirando le somme con l'Occidentale alla vigilia delle regionali, descrive il mese di campagna elettorale appena concluso.

Non è questione di impresentabili

Il vero voto inutile è De Luca in Campania

di Bernardino Ferrero
| 29 Maggio 2015

Non entriamo nei tecnicismi perché la verità è come al solito più semplice: il voto a De Luca, il candidato del Pd in Campania, è un voto inutile. Si può dire, com’è stato fatto, che saranno i cittadini a discernere e a decidere, ma non si possono prendere in giro i campani sulla effettiva possibilità che De Luca sia in grado di svolgere le sue funzioni di governatore. 

Tutte le news

Quagliariello: "Dopo il voto unità d'azione con Fitto e Tosi"

Intervista a Gaetano Quagliariello di Michele Cozzi
| 27 Maggio 2015

In sette regioni su sette che vanno al voto noi siamo in campo contro il Pd, alternativi a Renzi e alla sinistra per costruire un centrodestra nuovo.

Regionali 2015

Niente veti e un programma condiviso: il Centrodestra del futuro riparte così

di Edmond Dantès
| 25 Maggio 2015

Ultima settimana prima del voto, ultimi giorni di campagna elettorale e poche ore per convincere gli elettori che sia possibile scrivere una pagina nuova nella storia del centrodestra italiano. In che modo? Semplicemente riconoscendo la bontà di un progetto al quale stiamo lavorando con passione e determinazione. 

Tutte le news

Alfano: "Sinistra e voto di scambio, crolla il presunto primato etico"

di Lorena Saracino
| 24 Maggio 2015

Il ministro Alfano in Puglia. 

Tutte le news

Quagliariello: "Silvio lasci Salvini per noi, erede scelto con le Primarie"

Intervista a Gaetano Quagliariello di Carmelo Lopapa
| 24 Maggio 2015

In queste e in tutte le precedenti elezioni regionali ci siamo sempre presentati in coalizioni avversarie del Pd. 

Tutte le news

Quagliariello: "Dopo Regionali nuovo polo di centrodestra. Con Italicum partiti-coalizione, non più coalizioni di partiti"

di Marco De Palma
| 23 Maggio 2015

Moderati, liberali cristiani, movimenti civici. Il ritratto del centrodestra futuro.

Il progetto Passione per la Toscana si allarga

Lamioni rilancia: "Passione per l'Italia vera opportunità di cambiamento"

di Elena de Giorgio
| 23 Maggio 2015

A Firenze il candidato governatore Giovanni Lamioni rilancia: "Passione per la Toscana", la lista civica per le Regionali sostenuta da Area Popolare (Ncd-Udc), diventerà un’esperienza nazionale, "Passione per l’Italia". Una proposta per il popolo moderato, alternativa alla sinistra, che il vecchio centrodestra non è più in grado di dare.

Prateria di voti e test per AP

Nelle Marche l'alternativa ai due Mattei

di Elena de Giorgio
| 17 Maggio 2015

La partita che si sta giocando nelle Marche verso le ormai imminenti elezioni Regionali di fine Maggio esalta il progetto di Area Popolare, l’idea che in Italia possa costituirsi, partendo dai territori, una nuova forza alternativa al Pd e alla destra lepenista. Una forza capace di coprire quella vasta prateria di elettori che non accettano i toni estremi della propaganda di Salvini e che non vogliono convergere a sinistra.

Bussole

Ricominciamo da 7. Dalle Regionali la sfida per un Centrodestra nuovo

Intervista a Gaetano Quagliariello di Andrea Spiri
| 02 Maggio 2015
"La politica non è una partita di RisiKo, né a livello locale né tantomeno sul piano nazionale", ci dice il coordinatore di Ncd, Quagliariello, parlando delle imminenti elezioni Regionali. "Qui non si tratta di piazzare dei carri armati su una cartina geografica, ma di guidare un processo avendo in mente una visione". Dando voce ai tanti che non si rassegnano al bipolarismo “Matteo contro Matteo”.

Seguendo la stampa

Quagliariello: in sette Regioni su sette sfidiamo il Pd

Intervista a Gaetano Quagliariello di Salvatore Dama
| 01 Maggio 2015

"Il nostro disegno è comprensibile a tutti," dice il coordinatore di Ncd, Gaetano Quagliariello, "siamo al governo per realizzare le riforme che servono a cambiare l’Italia e, contemporaneamente, vogliamo costruire un centrodestra che non lasci a Renzi il monopolio dei moderati e del buon senso". (Tratto da Libero)